• Mondo Fuori

    In questa colonna i widget sul mondo che circonda affascinailtuocuore

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

    L'Ambasciatore torna in Egitto. Pratica chiusa? Mai. Coraggio mamma Paola e papà Claudio, continuiamo ad esservi accanto.

  • Memoria e Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...‎‎

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    15 gennaio-Giornata Mondiale del Rifugiato 2017-Diamo senso a queste ricorrenze! Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Festa della Repubblica Italiana

    Teresa Mattei, Insegnante. La più giovane eletta all'Assemblea Costituente, ai giovani di oggi: "siete migliori di noi e lo dimostrerete coi fatti..."

  • Contromafie per non dimenticare

    « La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio, e avrà anche una fine. Piuttosto bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave e che si può vincere non pretendendo eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni. » Giovanni Falcone

  • Stragi di Maggio: sempre più vite spente, da Manchester Arena al Mar Mediterraneo. Bambini, Giovani, Adulti

    Stragi -Non dimenticheremo!Non dimenticate!

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • Siria: 6 anni di Indegnità. E la comunità Internazionale cosa fa?

    “Can you believe that a government and a state could bomb its own people. I’ll never understand this for as long as I live!" Yazbeck-The-Crossing. My journey to the shattered heart of Syria p.71

  • Oltre il confine-Salone Internazionale del Libro di Torino 2017

    18-22 Maggio 2017. È Oltre il confine il tema del 30° Salone Internazionale del Libro di Torino.

  • 14 Maggio 2017- Festa della Mamma

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • Amo l’Europa. Prendiamola dal verso giusto…

    9 Maggio festa dell'Europa-Dopo 60 Anni dal trattato di Roma è tempo di cambiare qualcosa. Ma che resti il sogno e la realtà di un'Europa unita.

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

    Grazie Libro, perchè mi coccoli, mi accompagni, mi lusinghi, mi diverti, mi rattristi, mi aiuti, mi conforti, mi stimoli, mi persuadi, mi accusi, mi difendi, mi fai piangere, mi fai arrabbiare, mi fai incontrare il mondo, mi fai vivere!

  • 22 Aprile-Giornata Internazionale della Terra 2017

    La Terra è "Un Pianeta Blù Senza Confini" (La Stampa)

  • 25 Aprile 2016- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • Sabato 25 e Domenica 26 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

    Scopri i luoghi da visitare...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 8 Marzo 2017- Donne in Marcia

    Sciopero Globale contro la violenza sulle donne

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria-Fatti e idee in Il Tempo e la Storia- RAI3

    "È uno dei capitoli più dolorosi della storia del Ventennio fascista: le leggi razziali del 1938, l’antisemitismo che diventa discriminazione, esclusione dalla vita pubblica. Fino alle deportazioni."

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    Ritratti di vite e corpi nello sguardo della Fotografa-Architetta Stefania Scamardi

  • Libriamoci a scuola- leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • 20 Novembre2015- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 73,002 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • vi aspetto qui

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com

G.Rodari-Il Libro degli Errori. “Gli errori sono necessari, utili come il pane e spesso anche belli: per esempio…”

il libro degli errori

E sì ragazzi, è proprio vero quello che la saggezza popolare ci racconta da secoli: più si invecchia, più si torna bambini. O forse, più ci si abbandona al fanciullino che vive in noi e che, travolti dagli affanni quotidiani, ricacciamo spesso in un angolino invisibile.
La mia estate continua a vivere sprazzi di luce e fantasia tra le pagine di Rodari.

 

 

Una scuola grande come il mondo (p.151)

 

WIN_20160811_10_25_47_Pro (2)

C’è una scuola grande come il mondo.
Ci insegnano maestri e professori,
avvocati, muratori,
televisori, giornali, cartelli stradali,
il sole, i temporali, le stelle.

Ci sono lezioni facili
E lezioni difficili,
brutte, belle e così così.

Ci si impara a parlare, a giocare,
a dormire, a svegliarsi,
a voler bene e perfino
ad arrabbiarsi.

Ci sono esami tutti i momenti,
ma non ci sono ripetenti:
nessuno può fermarsi a dieci anni,
a quindici, a venti,
e riposare un pochino.

Di imparare non si finisce mai,
e quel che non si sa
è sempre più importante
di quel che si sa già.

Questa scuola è il mondo intero
Quanto è grosso:
apri gli occhi e anche tu sarai promosso.

 

Il  Libro degli Errori mi riconcilia con tutti gli errori fatti e quelli che, sicuramente continuerò a fare. Mi riconcilia con la loro natura umana, fallace, ma recuperabile. Prova che ti riprova, qualcosa impari di te e del mondo. Tra le lezioni imparate c’è proprio quella di dar voce più spesso al mio io-bambino.
Bellissima lettura che consiglio vivamente a tutti i “bambini”: giovani e vecchi; importanti e sconosciuti. A tutti coloro che amano questo mondo con tutti i suoi errori e che cercano disperatamente di renderlo sempre più bello.

La torta in cielo (p.143)

WIN_20160811_10_20_19_Pro

Io sono un sognatore,
ma non sogno solo per me:
sogno una torta in cielo
per darne un poco anche a te.
Una torta di cioccolato
Grande come una città,
che arrivi dallo spazio
a piccola velocità.

Sembrerà dapprima una nuvola,
si fermerà su una piazza,
le daremo un’occhiatina
curiosa dalla terrazza…

Ma quando scenderà
Comeuna dolce cometa
Ce ne sarà per tutti
Da fare festa completa.

Ognuno ne avrà una fetta
Più una ciliegia candita,
e chi non dirà “buona!”,
certo dirà “squisita!”

Poi si verrà asapere
(e la cosa sarà più comica)
Che qualcuno s’era provato
A buttare una bomba atomica,

ma invece del solito fungo
l’esplosione ha provocato
(per ora nel mio sogno)
Una sorta di cioccolato.

 

Ancora un paio di immagini dal mondo fantastico degli errori:

 

Per colpa di un accento (p.11)

pero

 

Per colpa di un accento
Un tale di Santhià
Credeva d’essere alla meta
Ed era appena a metà.

Per analogo errore
Un contadino di Rho
Tentava invano di cogliere
Le pere dal però.

Non parliamo del dolore
Di un signore di Corfù
Quando, senza più accento,
il suo cucù non cantò più.

 

Il professore e la bomba (p.20)

WIN_20160811_10_18_52_Pro

Il professor Grammaticus
Sentì dire da un tale:
Questa bomba all’idroggeno
Chissà poi se fa male!
Il bravo professore
Lo rimbeccò
all’istante:
-La bomba, signore caro,
è già tanto pesante,

con tutti i suoi megatoni
è già tremenda così,
non aggravi il pericolo
raddoppiano la “g”!

Rispose sgignazzando
Quel re degli ignoranti:
-Sono in contravvenzione
Per eccesso di consonanti?

-No signore, non scherzi
Con tali materie:
l’ortografia e la chimica
sono cose assai serie.

Al vecchio gas idrogeno
Chieda subito scusa,
cancelli dal suo nome
la lettera intrusa.
Poi con la stessa gomma,
sa cosa faremo?
Tutte quante le bombe acca
Dalla terra cancelleremo.

 

“Gli errori sono necessari, utili come il pane e spesso anche belli: per esempio, la torre di Pisa…” in Tra noi padri (prefazione)

Disegni di Bruno Munari

Palchettostage: il grande teatro in lingua straniera educa e diverte gli studenti italiani

Palchettostage, stagione 2017-2018. Continua l’avventura pedagogica tra scuola, lingua straniera, teatro e letteratura.

 

TAGLIANDO DI OPZIONE-palchetto stage

 


Stagione 2014-2015

Ho appena visto  il trailer dello spettacolo teatrale An ideal husband di Oscar Wilde, che il  PALKETTOSTAGE (International Theatre productions) propone alle scuole italiane  nella stagione 2014-2015. Molto  accattivante…

 

Conosco il PALKETTOSTAGE  da quando ha cominciato ad organizzare per le scuole spettacoli in Lingua tratti da opere famose di autori internazionali, classici e moderni.

Questi spettacoli/laboratori offrono agli studenti  l’opportunità di un incontro divertente e formativo con gli autori previsti dai programmi ministeriali, ma soprattutto offrono loro un’esperienza formativa coinvolgente come  solo il teatro sa essere.

spazioteatro_Palketto stageL’impostazione didattica alla base dell’esperienza  prevede la lettura e l’ analisi dello script, l’ascolto della versione originale recitata da attori provenienti da compagnie teatrali internazionali.

La rappresentazione veicola la globalità del significato attraverso il linguaggio del corpo, la musica, la scenografia, le luci, che insieme  diventano fondamentali per un  migliore comprensione sia del testo che dell’autore che del contesto in cui le opere sono state scritte.

Il  dibattito finale  fra attori e studenti diventa momento di  verifica della comprensione, occasione di richiesta di chiarimenti, di informazioni sulla compagnia, sugli attori che non mancano di  intercalare con gustose battute.

An ideal HusbandLo studio di lingue e  culture diverse dalla nostra non può che trarre vantaggio  da un’ esperienza come quella descritta. Il teatro è una delle manifestazioni più importanti che l’essere umano  ha a disposizione per divertirsi, mandare e ricevere messaggi,  per comprendere la propria  vita e quella degli altri.

Professoresse e contraddizioni nel Brave New World renziano.

contraddizioniIl nuovo mondo renziano mi accoglie e mi respinge, in una danza quasi macabra.

Mi lascia entrare perché sono una professoressa e tutti, tempo fa, hanno avuto modo di sentire gli accalorati discorsi del Presidente del Consiglio a favore della scuola, dei maestri e dei professori. In molti lo hanno votato e hanno anche comprato qualche libro in più. Oggi l’eco delle sue perorazioni è quasi spento, dissolto nel fluido magico del 40%.

E tuttavia, come professoressa, vuole lasciarmi fuori dal suo mondo. Perché? Perché sono una pensionata che finalmente può e deve lasciare spazio ai giovani. Sarebbe bellissimo se lasciassi anche metà della mia pensione nelle casse dello stato, ma questo è ancora allo studio (ora stiamo lavorando  sulla reversibilità)…

Istruzione_Pace_nelson_Mandela-3eabeStrano però che i miei ex colleghi più o meno coetanei, siano costretti a lavorare fino a 67 anni. Magari a loro piace, direte, li aiuta a sentirsi meno vecchi, aggirandosi volenterosi tra le palpitanti pulsioni adolescenziali. Ma non è sempre così e forse in molti vorrebbero avere la possibilità di scegliere.

 

non è un paese per giovaniMi lascia  fuori dal Meraviglioso Mondo Nuovo perché continuo a lavorare grazie a un’esperienza intensa e gratificante di studio/lavoro che mi ha permesso di costruirmi una professionalità ancora spendibile e ricercata. Anatema! Ma i principi di rottamazione valgono solo per alcune categorie?

D’altra parte questi benedetti pensionati dovrebbero smetterla di  fare volontariato nelle scuole e  togliere così opportunità ai giovani (e questo lo capisco di più, anche se mi chiedo   come si pagherebbero i nuovi assunti). Mamma mia che confusione!

Ecco in questo nuovo mondo sono con un piede dentro e uno fuori, o meglio, sono pericolosamente contraddizioni1in bilico tra l’accettazione e l’espulsione.

Fortunatamente continuo ad avere una bella testa pensante e un cuore appassionato che mi permettono di non cedere alla frustrazione e ai sensi di colpa “generazionali”.

Faccio la mia vita e prendo le mie decisioni. Magari, chi può dire, ne prenderò anche alcune che potrebbero aprirmi le porte del Brave New World renziano, ma non contateci troppo!

 

Maurizio Parodi-Estate e vacanze senza compiti

i_Basta_Compiti_NewsLa scuola sta per finire e dunque le agognate vacanze estive sono alle porte.

Il pedagogista  Maurizio Parodi torna all’attacco contro i compiti delle vacanze e da un suggerimento operativo ai genitori,  una sorta di liberatoria motivata  per i figli (e per se stessi):

 

 

Con la presente informo che mio figlio non svolgerà i compiti assegnati per le vacanze,
– perché come tutti i lavoratori (e quello scolastico è un lavoro oneroso e spesso alienante) ha “diritto al riposo e allo svago” – diritto inalienabile sancito dall’Articolo 24 della dichiarazione dei diritti dell’uomo;
– perché le vacanze sono degli studenti e non (solo) dei docenti, ai quali nessuno si permetterebbe di infliggere un simile castigo;
– perché così potrà finalmente dedicarsi, senza l’assillo di magistrali incombenze, a occupazioni creative e ricreative, dalla scuola trascurate o ignorate;
– perché insieme potremo fare piccole e grandi cose, divertenti, appassionanti, quelle che l’impegno scolastico (protraendosi a dismisura oltre l’orario di lezione) non permette;
– perché starà con gli amici al mare, in montagna, nella natura, all’aria aperta dopo essere stato recluso per ore, giorni, mesi (interminabili) in aule anguste, disadorne, quando non addirittura squallide, asfittiche (vere e proprie aree di compressione psichica);
– perché leggerà per piacere e non per dovere;
– perché giocherà moltissimo.
La responsabilità di tale decisione è solo mia e l’assumo in quanto legittimo esercente della potestà famigliare, perciò non potrà essere motivo di qualsivoglia azione o provvedimento, meno che mai disciplinare. continua a leggere il contributo

Onore agli insegnanti…ditelo in giro

lo sapevate che_onore agli insegnanti

Concita, dacci oggi il nostro Pane Quotidiano…

La cultura, le storie, i libri che cambiano il nostro paese. Ogni giorno proveremo a leggere i fatti da angolazioni diverse…read more

Un viaggio tra i protagonisti e le forze che si muovono dietro le notizie.Con uno sguardo sempre rivolto alle nuove generazioni e ai nuovi linguaggi. In studio un pubblico speciale: studenti di licei, università, accademie d’arte e musicali saranno protagonisti con le loro domande, curiosità e osservazioni.Ogni giorno un libro… il nostro Pane quotidiano. – See more at: http://www.panequotidiano.rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-19da5c40-2115-4dd6-b605-24e287f70024.html#sthash.aZpaAoHX.dpuf

panequotidiano-logo.jpgHo aspettato un po’ prima di dire la mia su Pane Quotidiano, la trasmissione di RAI 3, condotta da Concita De Gregorio, che prende il posto di Le Storie-Diario Italiano, con Corrado Augias.

Ho seguito quest’ultima per molti anni, quando il mio lavoro me lo permetteva e molto di più da quando sono in pensione. Mi piaceva molto l’attenzione alla scuola, testimoniata dalla presenza di classi  provenienti da regioni diverse.

da Corrado a ConcitaA volte ho sofferto la gigioneria di Augias, il suo sfoggio di  conoscenze, i suoi modi paternalistici, i suoi commenti apparentemente leggeri sull’ abbigliamento dei professori e delle professoresse…

Ho sempre e comunque apprezzato la sua enorme cultura, la capacità affabulatoria, la sua “telegenia” e i suoi richiami continui al ruolo fondamentale della scuola nella formazione civile e umana delle persone.

Augias aveva un’ottima squadra alle spalle, ospiti di alto livello e, soprattutto, buon cibo per le menti dei giovani e degli insegnanti presenti e degli affezionati telespettatori.

paneelibroStesso cibo raffinato quello di Concita de Gregorio, anche se di natura più croccante e più profumata di sapori “materni”.  Cultura vasta, sapiente capacità organizzativa dei dati, freddezza appassionata da giornalista consumata, Concita condivide con Corrado un background da “intellettuale” a volte un po’ snob e fastidiosa.

Mostra qualche comprensibile impaccio iniziale nella conduzione, testimoniata dal tormento degliconcita_de_gregorio-anteprima-600x450-952500.jpg occhiali, ma adotta uno stile “pedagogico” che riconosco e che per alcuni versi mi appartiene, anche nella gestualità legata ai libri e agli oggetti che si porta da casa, per dare vita, calore e senso del vissuto alle idee che propone e sviluppa con gli ospiti in trasmissione. Alcuni tra questi fanno già parte del mio immaginario culturale, altri e non sono pochi, imparo a conoscerli attraverso e con lei.

images

Lo studio è più “aperto e arioso” e gli invitati non danno sempre le spalle agli studenti, soprattutto non sono richiamati continuamente a non guardarli per esigenze  di inquadratura. Capisco le esigenze tecniche, ma quanto è brutto dove rispondere alle interessanti domande dei ragazzi dando loro le spalle!

panequotidiano2Snella, veloce e accattivante la grafica, caldi i colori di grano maturo. Cominciavo a vivere la trasmissione come una bella abitudine serale quando, invece, è stata sospesa. Mi mancherà molto, ma ce la metterò tutta per seguirla, di mattina. Sarebbe  bello se a seguirla fossero i ragazzi, magari in classe con i loro compagni e i loro professori.

 

Capaci 23 /5/1992-23/5/2013.Più forti del silenzio, contro l’illegalità

stragi_maggioOggi, 23 maggio 2013, ricordiamo  la strage di Capaci, dove, nel 1992, la “mafia”  fece saltare in aria, con un piccolo  clic sul pulsante di un telecomando, il giudice Giovanni  Falcone, sua moglie e  la loro scorta. Con loro, sono sono saltati in aria un pezzo  di Sicilia e  tante speranze e sogni  di  cittadini Italiani onesti.

E dopo Giovanni, Paolo Borsellino il 9 luglio, nella strage di Via D’Amelio.

Ancora un anniversario doloroso che non si ferma però alle sterili celebrazioni tra corone di fiori e discorsi retorici, ma ci  aiuta a ricordare cosa quell’evento abbia significato nella nostra storia recente  e come si possa e si debba reagire davanti  a tali atrocità.

più forti del silenzioLe navi della legalità, Paolo e Giovanni, hanno anch’esse un alto valore simbolico, ma questa volta la metafora è viva e in movimento verso la costruzione di un mondo nuovo. Gli alunni/marinai, insieme ai appresentanti delle istituzioni, rappresentano la speranza e la realtà, allo stesso tempo, di questo nostro paese, che continua a lottare e a conquistarsi un pezzetto di cielo pulito per volta.

Approdano a Palermo queste vele, spinte dal vento della libertà e della legalità. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: