• Mondo Fuori

    In questa colonna i widget sul mondo che circonda affascinailtuocuore

  • Memoria e Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...‎‎

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    15 gennaio-Giornata Mondiale del Rifugiato 2017-Diamo senso a queste ricorrenze! Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

    Sì, LA verità si sta facendo strada, piano piano, inesorabilmente, tra le tante fake-verità o post-verità...

  • Festa della Repubblica Italiana

    Teresa Mattei, Insegnante. La più giovane eletta all'Assemblea Costituente, ai giovani di oggi: "siete migliori di noi e lo dimostrerete coi fatti..."

  • Contromafie per non dimenticare

    « La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio, e avrà anche una fine. Piuttosto bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave e che si può vincere non pretendendo eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni. » Giovanni Falcone

  • Stragi di Maggio: sempre più vite spente, da Manchester Arena al Mar Mediterraneo. Bambini, Giovani, Adulti

    Stragi -Non dimenticheremo!Non dimenticate!

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • Siria: 6 anni di Indegnità. E la comunità Internazionale cosa fa?

    “Can you believe that a government and a state could bomb its own people. I’ll never understand this for as long as I live!" Yazbeck-The-Crossing. My journey to the shattered heart of Syria p.71

  • Oltre il confine-Salone Internazionale del Libro di Torino 2017

    18-22 Maggio 2017. È Oltre il confine il tema del 30° Salone Internazionale del Libro di Torino.

  • 14 Maggio 2017- Festa della Mamma

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • Amo l’Europa. Prendiamola dal verso giusto…

    9 Maggio festa dell'Europa-Dopo 60 Anni dal trattato di Roma è tempo di cambiare qualcosa. Ma che resti il sogno e la realtà di un'Europa unita.

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

    Grazie Libro, perchè mi coccoli, mi accompagni, mi lusinghi, mi diverti, mi rattristi, mi aiuti, mi conforti, mi stimoli, mi persuadi, mi accusi, mi difendi, mi fai piangere, mi fai arrabbiare, mi fai incontrare il mondo, mi fai vivere!

  • 22 Aprile-Giornata Internazionale della Terra 2017

    La Terra è "Un Pianeta Blù Senza Confini" (La Stampa)

  • 25 Aprile 2016- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • Sabato 25 e Domenica 26 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

    Scopri i luoghi da visitare...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 8 Marzo 2017- Donne in Marcia

    Sciopero Globale contro la violenza sulle donne

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria-Fatti e idee in Il Tempo e la Storia- RAI3

    "È uno dei capitoli più dolorosi della storia del Ventennio fascista: le leggi razziali del 1938, l’antisemitismo che diventa discriminazione, esclusione dalla vita pubblica. Fino alle deportazioni."

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    Ritratti di vite e corpi nello sguardo della Fotografa-Architetta Stefania Scamardi

  • Libriamoci a scuola- leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • 20 Novembre2015- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 71,613 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com

Jovanotti-Il Grande Boh! e chipiùnehapiùnemetta…

Lettera al viaggiatore

 

il grande boh_2Caro Lorenzo,

 

ti scrivo dopo aver letto Il Grande Boh!, che ho vissuto come un dono di energia e vitalità.

 

 L’unico modo possibile per recensire il tuo diario di viaggio, dopo le altezze di Fernanda Pivano, è mettere insieme, in un ritmo di parole sulla nuvola/albero, quelle che mi hanno colpito e che trovo ricche di significato.

 

 

 

La nuvola/albero del Grande Boh!

 

                  multicolorjova      

 Molto vicina allo spirito di Affascinailtuocuore è la tua riflessione sul viaggio, sui collegamenti e sulle relazioni che scattano tra ciò che si fa, si legge e si ascolta in viaggio (anche tra le righe di un buon libro!) e il mondo  di  conoscenze e di esperienze che ci portiamo  dentro:

 

 “Durante i viaggi la mente fa mille collegamenti, riceve tutti questi stimoli e allora crea le relazioni con ciò che uno  ha studiato a scuola e ha vissuto fino dai ricordi più remoti forse addirittura fino a eventuali esperienze in altre vite. Questo è l’aspetto più bello del viaggiare e anzi credo sia il senso stesso del viaggiare. Si viaggia sempre in avanti nella misura in cui si procede a ritroso dentro la propria esperienza umana. Può capitare di incontrare la tua innocenza intatta e di riconoscerla e giuro non è niente male.” p.143

 

 Del tuo libro, mi rimane l’energia che lo percorre, il profondo conflitto interiore di un giovane uomo di successo, la religiosità del suo andare e l’innocenza della sua corporeità.

 

L'Albero di JovanottiLorenzo, fai venire voglia di esplorare il nostro self e il nostro corpo, senza troppa paura di perdercisi dentro, proprio come hai fatto e continui a fare tu, attraverso mondi altri che ti aiutano a capire e ad amare sempre più e sempre meglio.

Buon viaggio dunque, dal Grande Boh! a un approdo più chiaro, dal quale ripartire,  verso nuove avventure.

 

Grazie!

 Una vecchia signora “in viaggio”

p.s. Bellissima copertina. I tuoi disegni sono pura fantasia colorata! Vie di fuga verso l’avventura.

” Un libro bellissimo per giovani e anziani, per chiunque ami il mondo, la frontiera e la loro scoperta”.

leggi qui   la recensione di Fernanda Pivano 322 parole

Dalla rete regali poetici e “la casuale sorpresa della memoria”

chiffon_coverRicordate il mio post sul libro di Carlo Fruttero Mutandine di Chiffon?
In uno dei  ricordi, evocati dal  libro, ho parlato del mio professore di Arte, Mario Quaraglia e della sua influenza sulla mia formazione.

Flashback dalla mia adolescenza: scatta l’emozione. 1963, seconda media unificata di recente, in una piccola scuola del centro di Avezzano, (vicino a casa, ci andavo a piedi a scuola, sola, senza problemi di alcun tipo), un professore indimenticabile di disegno e applicazioni tecniche, Mario Quaraglia, il mito che rincontrerò alle superiori e che mi guiderà con sapienza a creare le mie reti concettuali dove Arte, Letteratura, Storia, Scienze e Filosofia si intrecceranno in un caleidoscopio di rimandi, collegamenti, scoperte. Lezione di disegno geometrico, quasi alla Escher, o Picasso o Braque, non so…rigoroso, spigoloso e flessibile allo stesso tempo.

Ci invita a lasciar libera la nostra creatività nella scelta dei colori. E lì mi saltano dagli occhi e dal cuore il giallo e il viola! Magicamente. Ed è lì che lui mi sorride compiaciuto e mi fa i complimenti per il miglior abbinamento possibile che si possa fare con il viola. Ora, Fruttero e la sua copertina di Lorenzo Mattotti aggiungono all’armonia del gialloviola il calore terreno del rosso e dell’ ocra. Nuova armonia che mi invoglia.”

geometrie in giallo e viola

Le sorprese  della rete

Indovinate cosa mi è arrivato dalla ragnatela delicata e forte della rete?
Il flusso di emozioni dei figli del Professore, Gianluigi e Gianfranca, che hanno vissuto tramite le mie parole momenti di sorpresa, emozione, orgoglio, tenerezza e affetto per loro padre e per quello che egli ha rappresentato nella loro vita e perché no, anche nella mia.

Gianluigi mi manda questi  versi di Mario, che mi fa piacere pubblicare e offrire alla vostra lettura.
La poesia, ancora una volta condensa emozioni e memorie senza tempo.

 

“Il tuo sorriso 

accendeva 

un viso infantile,

quando sfioravi memorie.

Oggi ti specchi 

e cerchi ancora memorie.”

M. Quaraglia

E questo è lui con la sua arte

Mario Quaraglia

Mario Quaraglia con uno dei suoi dipinti

 

E.De Luca-I pesci non chiudono gli occhi…

Mentre leggo, associo il  “fragore dell’oceano” percepito nell’animo  da Moses ne La scena perduta  ai rumori dolci del mare nell’isola di Erri. Passo dalle azioni di paura violenta dei tre bambini di Ti prendo e ti porto via, a quella dei tre bulli che attaccano “il ragazzino” protagonista di questo libro. Dalla passione scatenata da Gloria a quella del protagonista/pesce che non riesce a chiudere gli occhi davanti  alla bellezza della “ragazzina del Nord” in vacanza a Ischia: bambini alla scoperta dell’amore e della vita, del loro livello di resistenza, coraggio e senso della giustizia.

In questo romanzo, Erri ci accompagna ancora una volta lungo il cammino  della “sua” crescita e ci sembra di riconoscere nei gesti  e nella corporeità del ragazzino, il suo  corpo asciutto, il suo sguardo schivo, la sua mitezza contemporanea.

Il bambino-di-dieci-anni non conosce il nome della “ragazzina” che prende esempio dalla vita degli animali, I nomi sono superflui. I gesti sono importanti invece, come “la rottura del guscio/corpo” che crea l’illusione della crescita. Il corpo e lo spirito crescono attraverso la sofferenza?  Riti umani, nei quali si inserisce anche il ghiacciolo giornaliero  sulla spiaggia, le  frasi d’amore inconsapevolmente tali, i ragazzi senza nome: tutti e nessuno.

Ritornano i tòpoi privilegiati da Erri: l’isola, il mare… che divinità universale e familiare allo stesso tempo! Il cinema e i libri:

“quel cinema di maestranze eccellenti che a tempo giusto assunse l’intensità dell’arte[…] ci andavo da solo, non volendo nessuno accanto a deridere la mia commozione[…]imparavo l’Italia nelle sale affumicate dei cinematografi, pure quelli divisi in classi: prima, seconda e terza visione[…]dicevo che andavo a studiare da un compagno  e invece mi infilavo in un cinema alle quattro…” Cinema e America:partenze e ritorni e  scelte laceranti. La partenza verso il mondo adulto, le lacrime dei lacrimogeni e la lotta per la “giustizia”. E poi arriva il momento del saluto, definitivo, alla fine della vacanza.  “La vita aggiunta dopo, lontano da quel posto, è stata una divagazione”

Nel libro emerge  il ricordo  di nonne e mamme appassionate della settimana enigmistica insieme a magici  giochi di parole. Il ragazzino ne è affascinato. Man-tenere è il  suo verbo preferito. Il primo incontro d’amore tra i due li vede mano nella mano…

I ricordi hanno sempre un grande appeal, specialmente sui lettori più “maturi”.Si  cammina tra le pagine alla ricerca di conferme o di  spazi  condivisi o di esperienze comuni. Per questo il libro mi piace. Mi piace però anche ritrovare De Luca con il suo stile silenzioso, quasi sommesso  e così pungente nell’articolazione sapiente delle parole. Mi piace perché in ogni suo libro traspare l’amore per la parola “piena di significati”.

E. Rasy-Tra noi due

tra noi dueElisabetta Rasy

Tra noi due

Rizzoli  2002

 

 “In due, a tu per tu, si dicono parole nuove e inaspettate, e vecchie storie ritornano dal silenzio in cui sono sepolte”

“Quando mia nonna morì, il 3 Gennaio 1974, avevo da poco comprato una borsa”.

Così comincia questo romanzo che via via si arricchisce di tante cose: un pò di Francia, un pizzico di mistero, pagine dello stradario, atmosfere romane anni 50,60,70 q.b., una spruzzatina di citazioni  dotte e ammiccanti: Racine, Keats, Shelley, un soffio religioso e cimiteriale.

Tutto sapientemente  mescolato con l’ingrediente base: ritratti con rughe, più o meno profonde, più o meno esterne e  visibili. Tanti professori… e mentori e amori mancati. Sembra quasi una dichiarata lezione di vita.

Trovata narrativa di una certa presa: la borsa di pelle ”incinta”. Borsa di donna piena di tutto: ricordi, misteri, sentimenti. Un pò la scatola di “I ponti di Madison County”.

La cosa più bella: l’idea dell’intimo colloquio “tra noi due”, ovviamente, e  l’esigenza di scoprire il magico passaggio dall’io al tu, agli altri, al mondo che ci circonda, tra passato e presente. Titolo dunque molto  efficace. Il resto ? E’ vita…

Un bellissimo regalo da un’amica preziosa.

A. Pennacchi-Canale Mussolini

Ognuno “gà le so razón…”

 

A. Pennacchi

Canale Mussolini

Mondadori 2010

 

 

 

È la narrazione che prende in questo libro. La voce narrante, il suo interloquire con l’ascoltatore, ipotetico lettore, al bar, forse all’osteria perché no, davanti a una caraffa di vino della casa…

E ti sembra di sentire lo stesso Pennacchi, che con quella sua cadenza basso-laziale, intercalata da modi dire tipicamente “cispadano-veneto-ferrarese”, con quel tono di voce, a volte aggressivo e sgradevole, ti snocciola tutta la “saga dei Peruzzi” e del loro antico mondo agricolo, offeso e preso a calci nei fondelli da quota 90 dei Zorzi-Vila e spinto verso il Sud-Marocco dalla nuova povertà .

PennacchiForse, se non avessi sentito Pennacchi in televisione da Daria Bignardi, avrei letto la storia in un’altra chiave armonica. Forse non mi sarei fatta condizionare da un atteggiamento ear-driven… Mi suscita emozioni contrastanti.

Gli eventi narrati sono proprio un’altra “Storia”. E’ un punto di vista, quello dei Peruzzi che, un po’ da dentro, un po’ da fuori ci racconta frammenti di storia Mussoliniana. E sembra proprio che “abbiano tutti le loro ragioni”. Fortunatamente però l’interlocutore ci riporta, ogni tanto, alla nuda realtà delle cose, sebbene richiamata in forma di domanda…

La narrazione è un procedere a spirale, un filo sospeso del discorso continuamente riallacciatto a quanto detto poco  prima. E questo mi piace. Lo trovo molto recursive, molto orientale e molto tradizionale. È il filò delle sere d’estate, al buio stellato, tra profumi e odori, a far tardi sul muretto.

La Storia, da dentro, sebbene parziale, risulta credibile, vera, terribile. E’ la vista del canyon e della rappresaglia di Debra Lebanon che fa apparire immediata davanti agli occhi del lettore le rappresaglie nazifasciste… e Debra Behran e le fosse comuni stracolme di chierichetti, feroci assassini da sterminare

“L’avessero fatta a noi cattolici una cosa così…” sottolinea il narratore. p.294.

La Storia e le storie vanno avanti ricche di dettagli e siparietti  agresti, talora dolorosi: Il bambino che per badare al suo coniglietto muore e inonda di sangue e tragedia l’esodo verso l’Agro Pontino; Gli eucalipti che quasi ti soffocano con la loro meraviglia; i Pilgrim Fathers, fratelli di migrazione e di sofferenza, ma anche di speranza; La famiglia e i suoi riti agresti: le feste, i cappelletti alla cui preparazione i bambini partecipano festanti, eccitati all’idea trasgressiva di infilare nell’impasto succulento i bottoni… Non uno solo come da tradizione, ma tanti da creare “imbarazzo”; le tagliatelle preparate con la tecnica del rotolo, che tante volte ho visto fare a mia madre, affascinata da quei fili che ne venivano fuori come stelle filanti! La mano veloce nel tagliarle come una piccola mitragliatrice ta ta ta ta ta ta tra legno e lama.

Il monolite famiglia! Ancora! Salvezza e perdizione; il “musso” da salvare nelle grotte dei marocchini di montagna. E torna ancora alla mente la scenetta che mi raccontavano i miei di Vera bambina, il suo asinello e i tedeschi cattivi che glielo volevano portare via…E gli sfollati nelle grotte, proprio come ad Avezzano e Luco dei Marsi, nelle grotte di Nerone; La pistola proibita (dopo l’8 Settembre) tenuta in casa da papà e sottratta da nonnina con scaltrezza durante la visita terrificante della milizia. Storie di vita e di guerra, storie di sopravvivenza che attraversano l’esistenza di tanti italiani.

Figli? Tanti: frutto dell’amore, della disperazione, dell’incoscienza, dell’istinto di procreazione e sopravvivenza della specie. Guarda le api di Armida: che magia! Su tutto regna una “naturalità” disarmante. Quello che conta dai Peruzzi sono i ritmi della terra e del corpo. Ah! Zia Bissola e il suo privy!

canale Mussolini

 Il podere 517 e Canale Mussolini protagonisti assoluti, ovviamente: via le zanzare, via il fango e la melma e su con il grano, con la frutta, con le bestie compagne di vita…

Coerenza? Cosa sei? Resistenza? Chi resiste a cosa? Tutto in questa storia sembra avere una sua collocazione comprensibile: Mussolini, le “pinciate”, le bravate. Gli architetti ebrei, i marocchini veri e “falsi”, le schioppettate, le guerre, gli armistizi.

Tobruk, Sabaudia e i racconti di mio padre, la miniera che guarda il mare_BuggerruBuggerru e le cariche della polizia per soffocare i primi moti operai e ognuno “el gà le so razón”.

Eppure è tutto meno semplice di come appaia. Traspare dal racconto più di un punto di vista “divergente”.

Tanta roba, di tutto e di più in questa storia, persino un riferimento didascalico all’ingegner Gadda e al suo mondo teorico e razionale.

Così tanto materiale che non è facile riassumere in modo efficace. Leggere questo libro è comunque un esercizio della memoria, un incontro con il proprio vissuto e con la consapevolezza di condividerlo con tanti altri: cispadani, marocchini, ferraresi, veneto-pontini etc etc.  Allo stesso tempo è un invito ad andare verso il futuro, con onestà e fiducia.

E per concludere: la scoperta della Religione in casa Peruzzi, altra magnifica, lenta epifania sociale. Con la messa della Domenica come rito di accettazione sociale. Preti veri e finti, veneti e marocchini, fantasmi dal passato. Figure determinanti dall’inizio alla fine, fino alla scoperta dell’identità del narratore.

Quasi una chiusura del cerchio, una forma di espiazione a lungo desiderata e coltivata dalla madre, nonostante il manto nero che l’avvolge in sogno nei momenti bui.

Bellissima trovata letteraria!

A.Tabucchi-da Requiem a Il Tempo invecchia in fretta

 

 

 A Tabucchi

Il tempo invecchia in fretta

Feltrinelli 2009

Il lettore risponde: da oggi a ieri e ritorno:

“Un ex agente della defunta Repubblica democratica tedesca, che per anni ha spiato Bertold Brecht, deambula senza meta a Berlino fino a raggiungere la tomba dello scrittore per confidargli un segreto.

In una località di vacanza un ufficiale italiano che in Kosovo ha subito le radiazioni dell’uranio impoverito insegna ad una ragazzina l’arte di leggere il futuro nelle nuvole. 

Un uomo che inganna la propria solitudine raccontando storie a se stesso diventa protagonista di una vicenda che si era inventato in una notte d’insonnia.”

In fretta, più veloce del solito la lettura di queste tue storie, Antonio. Non amo molto i racconti e, alla fine, continuo a non amarli. Tuttavia con te è diverso. I tuoi sono funambolici, in bilico tra realtà e finzione, tra vissuto e immaginato, tra presente, passato e futuro.

TabucchiallafinestraE’ bello seguirti tra i ricordi, piccole pagine di storie individuali all’interno della grande Storia e tra i momenti real-fictitious di personaggi assolutamente assurdi e dunque verosimili, talora veri. Hai voluto finire con delle domande sul futuro, sul dopo-oggi, ma ti sei subito chiuso ad ogni risposta: meglio non sapere…

Alcuni momenti nella vita di tutti i personaggi mi hanno profondamente commosso. Le immagini mi hanno saziato gli occhi e l’anima; l’aria, i panni stesi che danzano al vento spargendo intorno profumo di fresco e pulito, l’abbraccio della bella portoghese, la vecchia zia morente e rantolante, la cabrio nera, arroventata dal sole accecante di Creta.

el pato_Scamardi2015

SScamardi2015- Anatra di Aprile nel cielo di Siviglia

E le Nuvole…Ancora loro! Che bella storia quella della loro forma e il gioco-dialogo con la bambina su una spiaggia decadente su come leggere il futuro in quelle sagome strambe e affascinanti

E Berlino e Brecht e Unter den Linden e Budapest e Bucarest e generali e mogli infelici.

Storie, storie, storie, ma quanti agganci con la mia essenza interiore e reale!

E poi tu, grande aggancio d’una Storia vecchia, ma nuova, ma futura…

E’ vero, il tempo invecchia in fretta, ma che bello ricollegare i fili dei tempi vissuti!

 Ieri 

Michele:

“Requiem (1992) è un romanzo che si riscatta solo alla fine. Ma forse questo giudizio è, tutto sommato, affrettato e ingiusto. Forse è più corretto dire che la fine contiene una epifania e che questa, come tutte le epifanie, ha bisogno di una lunga, lenta gestazione. E’ soprattutto un romanzo nella più autentica maniera di Tabucchi: il suo stile non è mai concitato e l’azione sembra divagare e disperdersi, quasi che il filo del discorso continuasse a spezzarsi e fosse arduo riannodarlo..

Può dare l’impressione, talora, di non sapere bene dove vuole andare a parare, di cercare in qualche modo la parola per arrivare alla pagina successiva. E poi, dall’apparente incongruenza dei fatti e dei personaggi, piccola, meraviglia, ecco che nel puzzle tutto si ricompone e acquista senso.

Ed è l’unico stile possibile per questo investigatore del senso e dei sensi della vita.”

 

In Requiem L’autore  immagina di fare un viaggio e di incontrare persone ormai defunte, di parlare con loro, di mangiare insieme e salutarli in un commosso addio. Il sogno si dipana a Lisbona, personaggio vivente nella storia, con i suoi incontri, pietanze, discorsi, nomi delle persone e delle strade.
Il ricordo fa da sfondo all’intera vicenda ed  è il motivo portante e la causa del sogno. Sogni, ricordi e  nostalgia prendono forma grazie alla lingua  portoghese,  “luogo di affetto e riflessione”.

 Sönderborg (Danimarca), Ottobre 1997

 Sta per iniziare la mia giornata di lavoro e il tuo Requiem mi ha aperto la strada. Ascolta:

 “Io mi sedetti, ma lei non mi lasciò la mano. Figlio, disse la vecchia, ascolta, così non può andare, non puoi vivere due parti, dalla parte della realtà e dalla parte del sogno, così ti vengono le allucinazioni, sei come un sonnambulo che attraversa un paesaggio a braccia tese e tutto quello che tocchi entra a far parte del tuo sogno, anch’io… Mi sento dissolvere nell’aria a toccarti la mano, come se anch’io facessi parte del tuo sogno”

“E cosa devo fare?” domandai, “dì un po’ Vecchia Zingara”

“ Per adesso non puoi fare niente” , rispose lei, ”questo giorno ti aspetta e tu non puoi sfuggirgli, non puoi sfuggire al tuo destino…”(p.29)

Tabucchi1Mi colpisce molto di questo mosaico la struttura apparentemente loose, ma di fatto molto ben connessa e resa coerente da alcuni fili conduttori. Il cibo, ad esempio. Il cibo come ritorno ai ricordi del passato, delle “cose dell’infanzia” che non tornano più (p.100) e richiamo tuttavia del presente “contaminato”, della “poejada” diventata ormai un “potage-per-gente-fine”. E ancora il cibo che sollecita le epifanie: sensazioni talora piacevoli e sensuali, talora malinconiche, talora festose e paesane.

Mi piace ancora il filo conduttore del “raccontar storie”, storie di incontri di anime. Proprio l’ appello all’ “Intelligenza dell’anima”, come Ettie Hillesum la chiama, mi attrae particolarmente in questo viaggio. Non so perché l’ho definito così,  forse perché sono effettivamente in viaggio e dunque alla scoperta di mondi reali nuovi, forse perché il romanzo si presta a questo andare non avanti o a destra o a sinistra con l’assillo di dover arrivare per forza in un posto preciso e pre-stabilito.

 Dopo una pausa di riflessione finisco il libro e la conclusione mi obbliga a riconsiderare quanto scritto sopra. Ho l’impressione che, in fondo, la meta del viaggio fosse in qualche modo prefissata. Bisogna dunque arrivare alla risoluzione dei conflitti all’interno dell’anima, “sistemare” le situazioni in sospeso. E’ stato come avere la sensazione che questo uomo, alla fine della sua giornata, quando anche il poeta si dissolve, tiri un profondo sospiro di sollievo tanto che quasi mi pare di udire la sua voce che, soddisfatta, dice: “Ah! Finalmente è fatta!” e la profezia della zingara si realizza:

“questo giorno ti aspetta e tu non puoi sfuggirgli, non puoi sfuggire al tuo destino…”

 Il Tempo invecchia in fretta?

 

McEwan-Saturday. Eredità esistenziali del dopo-11-Settembre

 

 

Saturday-McEwan

Ian McEwan

Saturday

Vintage, London 2005

 

“Dazzling…profound and urgent” Observer

“By recoding with such loving care the elements of one Englishman’s life, Saturday explores the question of to what extent it is possible to insulate yourself against the world’s concerns” Guardian

  Professionista di successo, Henry Perowne, il protagonista, vive un momento di dubbio e riflessione sul mondo che lo circonda. È un’era nuova (così si diceva allora) è l’era del post 11 Settembre. Tutti sembrano più inclini a capire il proprio ruolo nel mondo. La storia procede su questi binari speculativi quando il caso, nel corpo e nel cervello di Baxter, si intrufola nella vita dei protagonisti ed allora tutti gli ingredienti delle grandi storie vengono messi in gioco: mistero, dramma, violenza, pentimento, guerra, riunioni familiari, ricordi, un po’ di Francia e il sostegno affidabile di una famiglia solida alle spalle.

 Momenti di riflessione

McEwan  gripped me, as  all his  books always do… Moving. Ordinary and extraordinary events become “moments of being”, reflections, glimpses of past. Hints for re-thinking your life. Henry’s father-in-law and Daisy and Poetry; mum slipping into forgetfulness, oblivion and death.                                                    Theo playing jazz; the chateau in France: great atmosphere! So many things, so deep emotions!

War, Iraq and “the right thing to do”. 

Mi piace tanto. E’ pieno d’amore, anche coniugale… Suggestivo il riferimento all’effetto quasi magico ed ipnotico della poesia di Matthew Arnold, che qui acquista uno spessore profondo grazie proprio ai suoi legami con le emozioni dei protagonisti della storia.

Riporto solo qualche verso iniziale dalla poesia Dover Beach di Matthew Arnold, (1867) pubblicata in appendice a testimonianza del suo ruolo e quello della poesia in generale nel romanzo e nella vita di alcuni dei protagonisti, tra Francia e Inghilterra:

The sea is calm tonight.

The ride is full, the moon lies fair

Upon the straits; on the French coast the light

Gleams and is gone; the cliffs of England stand,

Glimmering and vast, out in the tranquil bay.

Come to the window, sweet in the night–air!

E la chiusura è coinvolgente e liberatoria: il sonno, tanto desiderato, arriva nel caldo abbraccio con l’unica donna di sempre. E il giorno finisce, portandosi con sé tutte le pene.

Finisce qui e mi lascia il cuore pieno di emozione…

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: