• Mondo Fuori

    In questa colonna i widget sul mondo che circonda affascinailtuocuore

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

    L'Ambasciatore torna in Egitto. Pratica chiusa? Mai. Coraggio mamma Paola e papà Claudio, continuiamo ad esservi accanto.

  • Memoria e Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...‎‎

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    15 gennaio-Giornata Mondiale del Rifugiato 2017-Diamo senso a queste ricorrenze! Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Festa della Repubblica Italiana

    Teresa Mattei, Insegnante. La più giovane eletta all'Assemblea Costituente, ai giovani di oggi: "siete migliori di noi e lo dimostrerete coi fatti..."

  • Contromafie per non dimenticare

    « La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio, e avrà anche una fine. Piuttosto bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave e che si può vincere non pretendendo eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni. » Giovanni Falcone

  • Stragi di Maggio: sempre più vite spente, da Manchester Arena al Mar Mediterraneo. Bambini, Giovani, Adulti

    Stragi -Non dimenticheremo!Non dimenticate!

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • Siria: 6 anni di Indegnità. E la comunità Internazionale cosa fa?

    “Can you believe that a government and a state could bomb its own people. I’ll never understand this for as long as I live!" Yazbeck-The-Crossing. My journey to the shattered heart of Syria p.71

  • Oltre il confine-Salone Internazionale del Libro di Torino 2017

    18-22 Maggio 2017. È Oltre il confine il tema del 30° Salone Internazionale del Libro di Torino.

  • 14 Maggio 2017- Festa della Mamma

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • Amo l’Europa. Prendiamola dal verso giusto…

    9 Maggio festa dell'Europa-Dopo 60 Anni dal trattato di Roma è tempo di cambiare qualcosa. Ma che resti il sogno e la realtà di un'Europa unita.

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

    Grazie Libro, perchè mi coccoli, mi accompagni, mi lusinghi, mi diverti, mi rattristi, mi aiuti, mi conforti, mi stimoli, mi persuadi, mi accusi, mi difendi, mi fai piangere, mi fai arrabbiare, mi fai incontrare il mondo, mi fai vivere!

  • 22 Aprile-Giornata Internazionale della Terra 2017

    La Terra è "Un Pianeta Blù Senza Confini" (La Stampa)

  • 25 Aprile 2016- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • Sabato 25 e Domenica 26 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

    Scopri i luoghi da visitare...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 8 Marzo 2017- Donne in Marcia

    Sciopero Globale contro la violenza sulle donne

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria-Fatti e idee in Il Tempo e la Storia- RAI3

    "È uno dei capitoli più dolorosi della storia del Ventennio fascista: le leggi razziali del 1938, l’antisemitismo che diventa discriminazione, esclusione dalla vita pubblica. Fino alle deportazioni."

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    Ritratti di vite e corpi nello sguardo della Fotografa-Architetta Stefania Scamardi

  • Libriamoci a scuola- leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • 20 Novembre2015- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 73,002 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • vi aspetto qui

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com

J. Mc Graw-Parabola 20. Una poesia per salutare il 2016

parabola

 

Parabola 20

Siamo molto diversi noi due.

Eppure abbiamo percorso  insieme

un breve tratto delle nostre vite.

Intensamente,

uniti dallo stesso desiderio di felicità.

Abbiamo camminato vicini vicini

sul crinale scivoloso

di una parabola prevedibile.

L’abbiamo voluto quel viaggio,

dopo una partenza  decisa dal caso.

Abbiamo bevuto con avidità e piacere

l’inizio promettente e denso di emozioni.

Abbiamo vissuto timorosi e speranzosi

ogni piccolo passo,

tra la sorpresa della scoperta

e la paura dell’attimo successivo.

Abbiamo avvertito l’arrivo della discesa,

troppo vicina  e sempre temuta.

E sofferto la chiusura delle porte,

in un dolore atroce di mancanza.

Fine della parabola.

Dopo, molto dopo è arrivata

la pacificazione.

Mai oblio, ma dolcezza del ricordo

di attimi sublimi, di purezza impalpabile,

scolpiti nelle memorie del cuore.

 

J. Mc Graw 2016

 

 

Jenny Joseph-Warning. Far pratica da giovani di piccole follie e di libertà …

 

 

 

When I’m 64

 

 

donne in rosso e violaQuesta mattina Whatsapp   mi consegna un messaggio bellissimo: foto di donne in allegri abiti multicolore  accompagnate dal testo della  poesia più famosa e suggestiva di Jenny Joseph  Warning Bella lezione di vita! Bell’avvertimento davvero!

Care giovani amiche, e amici perché no, cominciate a far pratica da…subito! Quando  l’albero è ancora  flessibile  e pronto ad assumere una forma più armoniosa, sana e libera, attraverso piccole scelte di libertà. Da vecchi diventa più difficile fare cambiamenti radicali, ma   ci si può  senz’altro concedere qualche momento   di salutare trasgressione. 

Il messaggio  mi arriva da giovani  mamme e donne in lotta con gli impegni  pressanti della vita quotidiana, che riescono  tuttavia a  trovare il tempo di concedersi e concedermi un momento di  allegra  riflessione.  Davvero un bel suggerimento per   affrontare questa  stagione autunnale.

 Red_Hat_Society_-_SEAL_FAVOR_thumb.jpg

 

 Warning

When I am an old woman I shall wear purple
With a red hat which doesn’t go, and doesn’t suit me.
And I shall spend my pension on brandy and summer gloves
And satin sandals, and say we’ve no money for butter.
I shall sit down on the pavement when I’m tired
And gobble up samples in shops and press alarm bells
And run my stick along the public railings
And make up for the sobriety of my youth.
I shall go out in my slippers in the rain
And pick flowers in other people’s gardens
And learn to spit.
You can wear terrible shirts and grow more fat
And eat three pounds of sausages at a go
Or only bread and pickle for a week
And hoard pens and pencils and beermats and things in boxes.
But now we must have clothes that keep us dry
And pay our rent and not swear in the street
And set a good example for the children.
We must have friends to dinner and read the papers.
But maybe I ought to practice a little now?
So people who know me are not too shocked and surprised
When suddenly I am old, and start to wear purple.

   

Avviso

Quando sarò vecchia mi vestirò di viola
con un cappello che non va, e che non mi sta bene.
e spenderò la mia pensione in brandy e in guanti estivi
e in sandali di raso, e dirò che non abbiamo i soldi per il burro.

Quando sarò stanca mi siederò sul marciapiede
e inghiottirò i pasticcini che si trovano nei negozi e suonerò i campanelli
e farò tintinnare le inferriate con il mio bastone
e mi compenserò così della mia gioventù troppo sobria.

Uscirò sotto la pioggia mentre porto le pantofole
e coglierò i fiori nei giardini degli altri
e imparerò a sputare.

Si possono portare camicie orribili e diventare più grassi
si possono mangiare un chilo e mezzo di salsicce in un colpo
o solo pane e sottaceti per una settimana
e si possono accumulare penne e matite
e sottobicchieri da birra e cianfrusaglie varie nelle scatole.

Ma ora dobbiamo avere i vestiti che tengono asciutti
e dobbiamo pagare l’affitto e non imprecare per strada
e dobbiamo dare il buon esempio ai bambini.
Dobbiamo invitare gli amici a cena e leggere i giornali.

Ma forse dovrei cominciare a fare un po’ di pratica adesso?
Così la gente che mi conosce non sia troppo scioccata e sorpresa
quando improvvisamente sarò vecchia e comincerò a vestirmi di viola.

 

 

E i maschi che ne pensano?

E mi viene in mente un inaspettato punto di vista maschile… Nel 1967 i  giovanissimi Beatles  pensavano  ad una vecchiaia lontanissima cantando When I’m 64.

 

 

 

When I get older, losing my hair,
Many year from now
Will you still be sending me a valentine,
Birthday greetings, bottle of wine
If I’ve been out ‘till quarter to three
Would you lock the door (yes!)
Will you still need me, will you still feed me
When I’m sixty-four
You’ll be older too
And if you say the word
I could stay with you
I could be handy, mending a fuse
When your lights are gone
You can knit a sweater by the fireside
Sunday morning go for a ride
Doing the garden, digging the weeds
Who could ask for more?
Will you still need me, will you still feed me
When I’m sixty-four
Every summer we can rent a cottage
In the Isle of Wight
If it’s not too dear
We shall scrimp and save
Grandchildren on your knee
Vera, Chuck and Dave
Send me a postcard, drop me a line,
Indicate precisely what you mean to say
Yours sincerely, wasting away
Give me your answer, fill in a form
Mine forever more
Will you still need me, will you still feed me
When I’m sixty-four

Da un Poeta alle donne: Edoardo Sanguineti e la Ballata delle donne

Edoardo Sanguineti_Poesie

Grazie al Blog delle Donne della realtà, per avere illuminato con Edoardo Sanguineti e la sua splendida poesia questa piovosa e malinconica giornata padovana.

 

 

 

Quando ci penso, che il tempo è passato,
le vecchie madri che ci hanno portato,
poi le ragazze, che furono amore,
e poi le mogli e le figlie e le nuore,
femmina penso, se penso una gioia:
pensarci il maschio, ci penso la noia.
Quando ci penso, che il tempo è venuto,
la partigiana che qui ha combattuto,
quella colpita, ferita una volta,
e quella morta, che abbiamo sepolta,
femmina penso, se penso la pace:
pensarci il maschio, pensare non piace.
Quando ci penso, che il tempo ritorna,
che arriva il giorno che il giorno raggiorna,
penso che è culla una pancia di donna,
e casa è pancia che tiene una gonna,
e pancia è cassa, che viene al finire,
che arriva il giorno che si va a dormire.
Perché la donna non è cielo, è terra
carne di terra che non vuole guerra:
è questa terra, che io fui seminato,
vita ho vissuto che dentro ho piantato,
qui cerco il caldo che il cuore ci sente,
la lunga notte che divento niente.
Femmina penso, se penso l’umano
la mia compagna, ti prendo per mano.

Creatività letteraria, al via il 2°concorso di TraccePerLaMeta 2013

2013_intestazione_2_concorso_nazionale_quadrato_250

Scrivere poesie o racconti e partecipare a un concorso, azioni compatibili? Sì.

La creazione letteraria può raggiungere la sensibilità di chi ama la poesia e la narrativa attraverso  molteplici canali.

Uno di questi è certamente  il 2° Concorso Letterario di Poesia e Narrativa organizzato dall’Associazione Culturale  TraccePerLaMeta, con il Patrocinio dell’Assemblea Legislativa delle Marche e del Comune di Recanati.

Seguiremo l’evento  e saluteremo con entusiasmo i partecipanti in azione, ispirati da questo eterno frammento…

Mirava il ciel sereno,

Le vie dorate e gli orti,

E quinci il mar da lungi, e quindi il monte.

 (G. Leopardi, “A Silvia”)

qui il bando

IMPORTANTE!

 Gli organizzatori segnalano: Al punto 8 del bando, alla sezione bonifico bancario, L’IBAN è cambiato. Ritengo utile rivolgersi  a  TraccePerLaMeta, per  ulteriori chiarimenti.

Dalla rete regali poetici e “la casuale sorpresa della memoria”

chiffon_coverRicordate il mio post sul libro di Carlo Fruttero Mutandine di Chiffon?
In uno dei  ricordi, evocati dal  libro, ho parlato del mio professore di Arte, Mario Quaraglia e della sua influenza sulla mia formazione.

Flashback dalla mia adolescenza: scatta l’emozione. 1963, seconda media unificata di recente, in una piccola scuola del centro di Avezzano, (vicino a casa, ci andavo a piedi a scuola, sola, senza problemi di alcun tipo), un professore indimenticabile di disegno e applicazioni tecniche, Mario Quaraglia, il mito che rincontrerò alle superiori e che mi guiderà con sapienza a creare le mie reti concettuali dove Arte, Letteratura, Storia, Scienze e Filosofia si intrecceranno in un caleidoscopio di rimandi, collegamenti, scoperte. Lezione di disegno geometrico, quasi alla Escher, o Picasso o Braque, non so…rigoroso, spigoloso e flessibile allo stesso tempo.

Ci invita a lasciar libera la nostra creatività nella scelta dei colori. E lì mi saltano dagli occhi e dal cuore il giallo e il viola! Magicamente. Ed è lì che lui mi sorride compiaciuto e mi fa i complimenti per il miglior abbinamento possibile che si possa fare con il viola. Ora, Fruttero e la sua copertina di Lorenzo Mattotti aggiungono all’armonia del gialloviola il calore terreno del rosso e dell’ ocra. Nuova armonia che mi invoglia.”

geometrie in giallo e viola

Le sorprese  della rete

Indovinate cosa mi è arrivato dalla ragnatela delicata e forte della rete?
Il flusso di emozioni dei figli del Professore, Gianluigi e Gianfranca, che hanno vissuto tramite le mie parole momenti di sorpresa, emozione, orgoglio, tenerezza e affetto per loro padre e per quello che egli ha rappresentato nella loro vita e perché no, anche nella mia.

Gianluigi mi manda questi  versi di Mario, che mi fa piacere pubblicare e offrire alla vostra lettura.
La poesia, ancora una volta condensa emozioni e memorie senza tempo.

 

“Il tuo sorriso 

accendeva 

un viso infantile,

quando sfioravi memorie.

Oggi ti specchi 

e cerchi ancora memorie.”

M. Quaraglia

E questo è lui con la sua arte

Mario Quaraglia

Mario Quaraglia con uno dei suoi dipinti

 

21 Marzo-World Poetry Day arriva con la Primavera

6358987_poetryday_banner

World Poetry Day, established by Unesco in 1999, is a chance to reflect on the power of language and to support linguistic diversity through poetic and creative expression. The day offers endangered languages around the world the chance to be heard within their communities and, closer to home, to celebrate poetry in all its forms. Take a look at our fabulous collection of free teaching resources on poetic devices, assemblies, metaphors, poems and celebrated poets. TES

worldpoetrydayArriva puntuale, Il primo giorno di primavera, dopo il Giorno della Felicità (La risoluzione che dichiara il 20 marzo Giorno della Felicità, è stata approvata dall’Assemblea Generale dell’ONU il 12 luglio 2012) e insieme a quello dedicato alla poesia.

Un auspicio  di  eventi favorevoli?

____________________________________________________________________________________________

Dalla mia infanzia:

Che dice la pioggerellina di marzo?

  

Che dice la pioggerellina

Di marzo, che picchia argentina

Sui tegoli vecchi

Del tetto, sui bruscoli secchi

Dell’orto, sul fico e sul moro

Ornati di gèmmule d’oro?

Passata è l’uggiosa invernata,

Passata, passata!

Di fuor dalla nuvola nera,

Di fuor dalla nuvola bigia

Che in cielo si pigia,

Domani uscira’ Primavera

Guernita di gemme e di gale,

Di lucido sole,

Di fresche viole,

Di primule rosse, di battiti d’ale,

Di nidi,

Di gridi,

Di rondini ed anche

Di stelle di mandorlo, bianche……

Che dice la pioggerellina di marzo,

che picchia argentina

sui tegoli vecchi

del tetto, sui bruscoli secchi

dell’orto, sul fico e sul moro

Ornati di gèmmule d’oro?

Ciò canta, ciò dice:

E il cuor che l’ascolta è felice.

Che dice la pioggerellina

Di marzo, che picchia argentina

Sui tegoli vecchi

Del tetto, sui bruscoli secchi

Dell’ orto.

Angiolo  Silvio Novaro

dalla mia maturità:

Daffodils

I wondered lonely as a cloud…

daffodils_Wordsworth

W. Wordsworth,

F.Fortuna-Liberi pensieri. Che cos’ è la poesia? Una piccola esperienza di self-publishing

copertina LIberi pensieri ridotta

F. Fortuna

Liberi pensieri

 Fortuna Image Editorial

Padova/Siviglia/Londra, 2013

Sono tante le teorie e le dispute su cosa significhi scrivere poesie.  Vorrei proporvi un percorso, forse semplicisitico e  fuori dai canoni  ufficiali, rispettosi delle norme scritte  e condivise da grandi  poeti e da critici   autorevoli.

È un percorso di vita che coinvolge un’esperienza familiare. In un momento di grande difficoltà, Franca manifesta il suo desiderio antico di vedere le sue poesie, i suoi Liberi pensieri, raccolti in una pubblicazione.

E il momento arriva, anche  per dare a un legame familiare un valore intimo.  Fa bene ricostruire o consolidare affetti ritenuti scontati, attraverso la condivisione di  progetti altri, che vadano oltre i ruoli prestabiliti all’interno  della parentela familiare, del rapporto fraterno.

 

logo fortuna image

Inauguriamo allora la  collana  Fortunaimage , self-publishing  Liberi pensieri  di Franca Fortuna.

Nella  raccolta le poesie sono organizzate in quattro sezioni tematiche:

 

Perle di natura (I-XVIII);

Uno sguardo sul mondo (XIX-XXXV);

Siparietto Romano (XXXVI-XLI);

Verso il presente (XLII-LX).

ridotta_perle di natura Aranda2006 copyrightLe  illustrazioni   del pittore andaluso,  Daniel Martin Aranda [1] riprendono i temi trattati dall’autrice e alcuni tratti della sua  personalità.

Lascio agli esperti le valutazioni stilistiche, il mio  giudizio non può non tenere in considerazione la vita appassionata, che ogni verso di queste poesie riflette.

 

 

Cara Franca,

ti voglio ringraziare per tutte le profonde emozioni che le tue poesie mi hanno fatto vivere. Leggerle e organizzarle in questo volumetto magico, mi ha fatto rivivere l’infanzia tenera e appassionata della vita. Ho trascorso con i tuoi Liberi pensieri intensi minuti di  benessere[…]goditi dunque la gioia di leggerti  e di ritrovarti “riflessa” nello specchio magico dei tuoi versi.

XI. Mare di cemento

 

T’ ho amato

nei giorni

lontani

della nostra

giovinezza,

su zolle

di terra

fresca,

fra anemoni

e gigli

biancastri.

T’ho amato

su antichi

colli

imbiancati

di candida

neve.

T’ ho amato

nelle bufere

della vita,

con il vento

impazzito,

finché

ci siam

persi di vista,

in un mare

di cemento.

F.F.

 

Franca Fortuna nasce ad Avezzano, in Abruzzo. A Roma, dove vive tuttora, inizia la sua lunga e intensa carriera come insegnante elementare. Nelle scuole della Magliana “respira”, attraverso il contatto con i suoi allievi, l’atmosfera bollente dei tormentati anni ’70.  Da sempre, affida alla poesia i suoi liberi pensieri, attraverso ricordi, desideri e riflessioni su una vita vissuta all’insegna di una profonda coerenza intellettuale e di una gioia assoluta nell’assaporare quello che ogni giorno la vita dona e toglie a chi sa combattere, gioire, soffrire e sperare.

 


[1] Daniel Martin Aranda, Siviglia. Serie “Fiori e cemento 2006” cielodetuboca@yahoo.es

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: