• Mondo Fuori

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    Giornata Mondiale del Rifugiato 2018-Diamo senso a queste ricorrenze! Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Amo l’Europa. Voglio prenderla dal verso giusto…

    cara Europa ti scrivo...ckick&read
  • Diritti delle Donne. Una lotta continua…

    Il racconto dell'ancella di M.Atwood-Giochi di potere sul corpo delle donne

    Per il ritiro del DDL Pillon e la riaffermazione della libertà di scelta degli "Italiani", uomini e donne liberi. Margaret Atwood-Il Racconto dell'Ancella: " In un’America reduce da una catastrofe ecologica, che ha falciato gran parte della popolazione e messo in forse la stessa sopravvivenza della specie, un gruppo di fanatici religiosi ha fondato uno stato totalitario, Galaad, riducendo in completa schiavitù le donne. I rapporti umani, sociali, culturali sono stati aboliti: unico supremo fine è la procreazione. Attraverso il diario segreto della giovane “ancella” Difred, si delinea l’inquietante profilo di un mondo futuro ma non troppo, già presente in embrione nella società degli anni Ottanta...apri il link all'immagine per continuare

  • 3 Ottobre a Lampedusa-Memoria e Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • Libera contro la mafia “Cento passi verso il 21 marzo”

  • 2 Giugno 2018-Festa della Repubblica Italiana

  • Stragi di Maggio: non dimenticheremo.

    G.Falcone: L'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa.

  • Siria: continuiamo ad essere dentro una guerra insaziabile

    Chi bombarda cosa? Partono impietosi i razzi di USA, Russia, Francia, Regno UInito... immediatamente tutti gli altri si stanno accodando alla magnifica follia dei bellissimi missili Trumpiani! Ma quando , come e con chi ne verremo fuori? ONU batti un colpo di pace, please!

  • 13 Maggio 2018- Festa della Mamma

    festa della mamma 2018-storia di un' assoluzione
  • UN GIORNO, TUTTO QUESTO-Salone Internazionale del Libro di Torino 2018

    Un giorno tutto questo...Torino 10-14 Maggio 2018

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • 25 Aprile 2018- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • 22 Aprile-Giornata Internazionale della Terra 2017

    La Terra è "Un Pianeta Blù Senza Confini" (La Stampa)

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

    Grazie Libro, perchè mi coccoli, mi accompagni, mi lusinghi, mi diverti, mi rattristi, mi aiuti, mi conforti, mi stimoli, mi persuadi, mi accusi, mi difendi, mi fai piangere, mi fai arrabbiare, mi fai incontrare il mondo, mi fai vivere!

  • Sabato 24 e Domenica 25 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 8 Marzo 2018-Donne insieme con determinazione e speranza

  • 20 Novembre2017- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria-Fatti e idee in Il Tempo e la Storia- RAI3

    "È uno dei capitoli più dolorosi della storia del Ventennio fascista: le leggi razziali del 1938, l’antisemitismo che diventa discriminazione, esclusione dalla vita pubblica. Fino alle deportazioni."

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    Ritratti di vite e corpi nello sguardo della Fotografa-Architetta Stefania Scamardi

  • Libriamoci a scuola- leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 93.060 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • vi aspetto qui

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com

I libri di Aprile con Jonathan Coe e la sua Donna per caso…

Questo mese di Aprile, iniziato con un assaggio alla Simenon, continua con Jonathan Coe, che vado a scoprire attraverso i suoi due libri:

Coe_the accidental womanThe Accidental Woman

e

The Rain Before it Falls.Coe-The rain before it falls

G.Simenon-La furia di Maigret

“La signora Maigret, che sgranava i piselli nell’ombra calda, dove l’azzurro del suo grembiule e il verde dei baccelli creavano chiazze sontuose, la signora Maigret, che non stava mai con le mani in mano, fosse pure alle due del pomeriggio della giornata più calda di un agosto già torrido, la signora Maigret, che sorvegliava il marito come si fa con un neonato, sbottò: ‘Scommetto che stai già per alzarti’ ”

la furia di maigretE lui si alza, infatti, si alza per ricevere in zoccoli, cappellaccio e tenuta da contadino in vacanza, la nera e smilza signora Bernadette Amorelle, che, altezzosa e sicura di sé, lo coinvolge in una nuova indagine. Benvenuta, Madame! sì, perché il commissario in pensione regge male i lenti ritmi del “riposo” forzato e allora volentieri, almeno all’inizio, si lascia trascinare dentro ricchezze e miserie della borghesia parigina in vacanza a Orsenne,

“una piccola frazione in riva alla Senna, tra Corbeil e la foresta di Fontainebleau…”

Qui ritrova un vecchio e viscido compagno di scuola, Ernest Malik, ora ricchissimo proprietario delle imprese di cave di sabbia Amorelle e Campois.

Vecchi sentimenti di rivalsa e frustrazione riemergono accompagnati da suicidi, trame, intrighi amorosi, fughe adolescenziali, rapporti conflittuali padre-figlio, fughe mozzafiato in bicicletta, attentati tra le fronde, donne annichilite da alcol e amori infranti.chiatte sulla Senna_Renoir

Maigret si lascia andare anche a piccole scorrettezze professionali che mai avrebbe adottato quando era in servizio.  Ai pensionati come lui si perdona tutto, forse. Anche la signora Maigret è richiamata in campo. Anche lei deve fare la sua parte nel gioco dell’investigazione e del supporto.

aubergeNella storia, come marionette tragiche, agiscono donne, madri, mogli e figlie. Piacevole il suo semplice rapporto con la cameriera dell’ Auberge de l’Ange, Raymonde. Meno gradevole quello con la proprietaria. Strana donna:

“…Era grazie a elementi come questi, uniti ai ricordi della sera precedente, che, agli occhi di Maigret, la figura dell’albergatrice andava acquistando la consistenza della realtà. Era stata una bella donna, l’aveva detto anche Raymonde. Ed era vero. Lo si intuiva nonostante i cinquant’anni mal portati, nonostante i capelli unti e la carnagione spenta. Una donna intelligente, un tempo bella, che d’improvviso si era lasciata andare e data all’alcol, e ora, viveva come un animale selvatico nella sua tana, lagnandosi e bevendo sino a restare a letto per giornate intere.”

La storia è gradevole e allo stesso tempo inquietante.  L’ usuale sagacia psicologica di Jules e la sua consolidata abilità di intessere reti, in cui ogni maglia è ben saldata alle altre fino a formare una trama finale perfetta, lo portano, prima di tutto, a capire e poi ad agire di conseguenza.

E il caso viene risolto.

6 Aprile…per non dimenticare il terremoto a L’Aquila

 

6 aprile, per non dimenticare la legalità: a L’Aquila il presidente del Senato Piero Grasso

Basterà  per ricordare a tutti che la legalità deve accompagnare ogni attimo della nostra vita pubblica e privata? Basterà per  ricordare che  una città pulsante come è sempre stata L’Aquila non può continuare a morire lentamente, senza le cure idonee?

Ultimo scandalo collegato alla tragedia del terremoto, i ponteggi. Ultimo? Ma se è  ben noto ormai da anni!  Trattative private, sottobosco direi, per  il reticolato lugubre, funereo, oro-e-nero dei ponteggi  dei portici aquilani, testimoni muti  di tante bellissime esperienze di vita e  di  piacere e, dal 6 Aprile fatidico, di morte, purtroppo.

I ponteggi  oggi, sono testimoni involontariamente “complici” di  illegalità, trascuratezza e abbandono…more

nel blog: Viaggio a L’Aquila. L’urlo del silenzio mi stordisce… 

Books that Shaped America

Liste americane…libri da leggere, libri per pensare…

R & R...Readers and Reference

Celebration-of-the-BookLast year, as part of its Celebration of the Book, the Library of Congress released a list of books that “provoked thought, controversy and change.” The list started with 88 books but public discussion and suggestions has seen it grow to 100 titles.

Not all of them would be considered “the best books.” Nor are they the most popular. You might not even recognize some of the titles! And there are surely books that you feel should have been included but were not.

snowy daywherre the wild things areThere are political books, histories, westerns, schoolbooks, plays, poems, self-help and novels. Children’s books are represented by The Snowy Day by Ezra Jack Keats and Where the Wild Things Are by Maurice Sendak.

The first book (the oldest one) is The Bay Psalm Book, a hymnal by Stephen Daye.  Dating back to 1640 it was the first book printed in what is now the United…

View original post 163 altre parole

F. M. Dostoevskij-LE NOTTI BIANCHE. Che cos’è dunque l’amore?

le notti bianche

Fëdor M. Dostoevskij-Le Notti Bianche-Romanzo sentimentale dai ricordi di un sognatore- Mursia Ed. 1990

Ebbene sì, è arrivato il momento di un romanzo d’amore, in tutte le sue più articolate sfumature psicologiche. Una storia a specchio dove due persone giovani si incontrano per caso, si raccontano, comunicano tramite il linguaggio dell’ascolto e della condivisione. Due giovani che, in fondo, sembrano amarsi…

notti stellateL’ incipit fa sognare  e ci introduce nel setting suggestivo e incantato di Pietroburgo, sfondo ideale per gli incontri notturni  dei due protagonisti:

“Era una notte incantevole, una notte quale può forse capitare soltanto quando siamo giovani, mio amabile lettore. Il cielo era così stellato, così luminoso che, guardandolo, si era costretti a chiedere a se stessi, involontariamente: è mai credibile che possano vivere sotto un simile cielo persone irate e capricciose? Anche questa è una domanda da giovane, amabile lettore, da uomo molto giovane: ma che iddio ce ne mandi di simili più spesso, per rallegrarci l’animo!”

le notti bianche 2Il racconto delle proprie vite, oscillante tra la prima e la più neutra terza persona; il punto di ritrovo (il ponte) con la panchina complice; gli stratagemmi  letterari usati, come le lettere d’amore e il messaggero amoroso e coinvolto; lo spillo nelle gonne che tiene unite nipote e nonna, in un vincolo tra il ridicolo  e il soffocante; l’inganno della giovane  che si fa sostituire dalla domestica sorda per godere di un attimo di libertà, rendono la storia piacevole e  a tratti ironica, anche se sullo   sfondo, la tristezza di un amore non corrisposto attraversa ogni  momento  della narrazione, anche  quando sembra trionfare l’attrazione tra i due protagonisti.

le notti biancheNasten’ka si innamora del giovane pensionante ospitato nella sua casa, gli confessa il suo  turbamento e gli chiede di portarla via dalla soffocante tutela della nonna. Il giovane non accetta, sebbene non sia insensibile all’amore della ragazza. Deve andar via per motivi di lavoro, ma le promette che, passato un anno, tornerà a prenderla per iniziare una vita d’amore insieme.

Passa l’anno e l’uomo non si fa vedere. Si affaccia invece nella vita della ragazza ilimages sognatore, il giovane generoso, attento e pronto a porgere alla ragazza la spalla su cui piangere e trovare conforto e ascolto…

Inizia un’intesa fatta di racconti, di complicità, forse di una forma nuova d’amore tanto che, ad un certo punto, il sognatore solitario svela alla ragazza la vera natura del suo sentimento, non già di pura amicizia, ma di innamoramento incontenibile.

Midnight_sun_le notti biancheDopo quattro notti insonni, affollate di pensieri, riflessioni e illusioni, oltre che di disagio del cuore e del corpo, il destino fa il suo corso: i due giovani innamorati, Nasten’ka e l’inquilino, si ritrovano e l’amore passionale prende il sopravvento su qualunque altra finzione.

 FEDOR_~1Il sognatore torna alla sua vita e, sebbene con una nuova consapevolezza di sé, continua a nutrirsi di solitudine, di sogni e di…ricordi.

“Forse era stato creato al fine

Di passare sia pure un attimo solo

Nella vicinanza del tuo cuore?…”

Ivan Turgenev

viscontilenotti biancheLuchino Visconti prende ispirazione dal romanzo di Fëdor Dostoevskij e gira un ammaliante film in bianco e nero, Le notti bianche 1957, con Marcello Mastroianni nei panni del sognatore, Maria Schell in quelli di  Nasten’ka e Jean Marais nei panni del pensionante innamorato. Livorno prende il posto di  Pietroburgo e la storia diventa tutta italiana.

Alla fine della fiera ci si chiede: ma cosa è mai l’amore? Quante facce può avere, quante maschere può indossare?

Sdrammatizziamo con Vinicio Capossela  e la sua

Che cos’è l’amor?…  

Se ne parla in rete:

Efficace e ricca di spunti  la  recensione di Silvia Daverio.

Clicca sull’immagine per leggerla.

autorialblog_Silvia Daverio

Celebrating Agatha Christie

celebrating a real myth!

R & R...Readers and Reference

agatha christieThroughout the month of March, the Readers’ Services Department will be celebrating the Queen of Crime, classic mystery author, Agatha Christie (1890-1976). The following events will be held in her honor:

_____________________________________________________________

ON THE CASE: CHRISTIE MYSTERIES

david houstonwith David Houston. Friday, March 8, 2013

2 PM

Three actors perform David Houston’s radio play, with music accompaniment and sound effects, from classic short stories by the all-time mistress of suspense and surprise – including a fully staged scene drawn from numerous Agatha Christie sources.

EVENING BOOK DISCUSSION

then-there-were-nonTuesday, March 12, 2013 7:30 PM

Discussion of Agatha Christie’s classic mystery And Then There Were None with Sonia Grgas, Readers’ Services Librarian.

BOOK TO FILM

AND THEN THERE WERE NONE MOVIEFriday, March 15, 2013 2 PM

Showing of the 1945 version of the film And Then There Were None starring Barry Fitzgerald, Walter Huston & Louis Hayward. A short discussion will follow the film.

No registration required…

View original post 19 altre parole

Sguardi incrociati su realtà mediterranee

Retratos & Amor Propio

Nuevos proyectos fotográficos expositivos nos mueven hacia Marruecos con la Universidad de Sevilla, el grupo ADiCI de la escuela de Arquitectura de Sevilla y la Asociación Arquitectura y Compromiso Social (ACS), precisamente en el Barrio de Jnane Aztout de Larache; Un barrio de gente  marinera creadores e impulsores de la rehabilitación urbana y arquitectónica de su propio Barrio, histórico asentamiento cerca de la Medina.

POrtada Jnane Aztout 1

Al margen de todo el proyecto, cuyos avances y próximas conclusiones compartiremos en los meses que vendrán, nuestro colega de ACS Ramón, nos recuerda que Jnane Aztout nos ha permitido ante todo  “… SOÑAR… cruzando fronteras… tirando la valla…

y así sentirnos más cerca  y más agradecidas.

Lo que se ha movido, entre ambos lados del estrecho, lo que ha impulsado, crecido y aprendido ha sido un “dispositivo afectivo” muy potente y vivo, de más de 300 personas entre vecinas, estudiantes…

View original post 47 altre parole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: