• Mondo Fuori

    In questa colonna i widget sul mondo che circonda affascinailtuocuore

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

    L'Ambasciatore torna in Egitto. Pratica chiusa? Mai. Coraggio mamma Paola e papà Claudio, continuiamo ad esservi accanto.

  • Memoria e Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...‎‎

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    15 gennaio-Giornata Mondiale del Rifugiato 2017-Diamo senso a queste ricorrenze! Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Festa della Repubblica Italiana

    Teresa Mattei, Insegnante. La più giovane eletta all'Assemblea Costituente, ai giovani di oggi: "siete migliori di noi e lo dimostrerete coi fatti..."

  • Contromafie per non dimenticare

    « La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio, e avrà anche una fine. Piuttosto bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave e che si può vincere non pretendendo eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni. » Giovanni Falcone

  • Stragi di Maggio: sempre più vite spente, da Manchester Arena al Mar Mediterraneo. Bambini, Giovani, Adulti

    Stragi -Non dimenticheremo!Non dimenticate!

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • Siria: 6 anni di Indegnità. E la comunità Internazionale cosa fa?

    “Can you believe that a government and a state could bomb its own people. I’ll never understand this for as long as I live!" Yazbeck-The-Crossing. My journey to the shattered heart of Syria p.71

  • Oltre il confine-Salone Internazionale del Libro di Torino 2017

    18-22 Maggio 2017. È Oltre il confine il tema del 30° Salone Internazionale del Libro di Torino.

  • 14 Maggio 2017- Festa della Mamma

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • Amo l’Europa. Prendiamola dal verso giusto…

    9 Maggio festa dell'Europa-Dopo 60 Anni dal trattato di Roma è tempo di cambiare qualcosa. Ma che resti il sogno e la realtà di un'Europa unita.

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

    Grazie Libro, perchè mi coccoli, mi accompagni, mi lusinghi, mi diverti, mi rattristi, mi aiuti, mi conforti, mi stimoli, mi persuadi, mi accusi, mi difendi, mi fai piangere, mi fai arrabbiare, mi fai incontrare il mondo, mi fai vivere!

  • 22 Aprile-Giornata Internazionale della Terra 2017

    La Terra è "Un Pianeta Blù Senza Confini" (La Stampa)

  • 25 Aprile 2016- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • Sabato 25 e Domenica 26 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

    Scopri i luoghi da visitare...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 8 Marzo 2017- Donne in Marcia

    Sciopero Globale contro la violenza sulle donne

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria-Fatti e idee in Il Tempo e la Storia- RAI3

    "È uno dei capitoli più dolorosi della storia del Ventennio fascista: le leggi razziali del 1938, l’antisemitismo che diventa discriminazione, esclusione dalla vita pubblica. Fino alle deportazioni."

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    Ritratti di vite e corpi nello sguardo della Fotografa-Architetta Stefania Scamardi

  • Libriamoci a scuola- leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • 20 Novembre2015- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 73,001 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • vi aspetto qui

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com

UKIP e l’antipolitica in salsa britannica

UKIP campaignerLondra, 9 Maggio 2013, la BBC e i talk shows inondano e bombardano le orecchie dei telespettatori Britannici di bla-bla-bla sull’antipolitica, sul discorso programmatico della Regina, sui danni dell’immigrazione, sui tagli drastici e improcrastinabili da fare al Welfare.

Anche qui! Vecchie ricette che sanno d’Italia: pretesa di rigore, mancanza di visione, attacchi indiscriminati agli immigrati, urla anticasta. Inconsistenza. Il vento dell’anti-politica è arrivato anche in UK? Sembra proprio di sì.

Suzanne More, giornalista di The Guardian (online 9.05.13) ci offre un’analisi dell’anti-politica in salsa britannica, molto interessante e condivisibile.  Dalla versione cartacea  riporto alcuni flash su cui riflettere e discutere:

“Marx, without question, was right on the important issues. Groucho, not Karl. He said: “Politics is the art of looking for trouble, finding it, misdiagnosing it, and then misapplying the wrong remedies.”

“A vote forUKip is neither radical nor anti-politics, it’s supporting the same old self-serving and inept establishment”

“To be truly anti-politics would be to refuse to be governed by our inferiors. It’s not voting for “the common sense” of saloon-bar racists, the veneer of modernism of chaotic Cameroons or the vagaries of Milibland. To be antipolitics now means wanting something new, not old, not borrowed, not blue.”

“The fear that a vote for UKip is a vote for extremism will peter out. Ukip is not as separate from the system as it pretends to be”

Ultim’ora…

Oggi, anche su la Stampa.it,  un quadro “Europeo” su scettici, nazionalisti e anti-politica, nell’articolo di  Zatterin: I populisti fanno tremare l’Europa

Gramaglia: Ma le “sagge” non esistono? Evviva il cambiamento!

cambiamo cosaGrazie Mariella per aver dato voce  a questo dubbio… Ho scoperto, senza sorpresa ormai, che soprattutto gli uomini, certo di qualità(tutti?)vengono  nominati saggi tout court, per trovare le soluzioni più idonee ai  seri problemi del  nostro paese. Stando a quanto gli uomini hanno prodotto fino ad oggi, qualche perplessità è legittima…

E le donne? “non-sagge”.  Incredibile, alla faccia del cambiamento!

Meglio lasciar spazio alle tue parole!

Mariella Gramaglia

Ma le “sagge” non esistono?

La Stampa, Editoriali

31/03/2013

A un certo punto era invalsa la moda, per fare un po’ gli americani, di chiamare «padri costituenti» i parlamentari che hanno redatto la nostra Costituzione.

Errore grave. Le «madri costituenti» erano ventuno, pochissime su 556 eletti, ma era il lontano 1946. Nella vicina incerta primavera del 2013 scopriamo, invece, che le «sagge» non esistono. I saggi, specie rara e preziosa, appartengono a un unico genere, quello maschile. Solo un manipolo di uomini coraggiosi può essere chiamato a una missione impossibile: stendere, nella minuscola manciata di giorni che ci separa dalla conclusione del mandato del Presidente Napolitano, un microprogramma di breve fase, ma sufficientemente dignitoso e preciso da poter vestire come un guanto la mano di colui (su colei nutriamo poche speranze, date le premesse) che potrebbe succedere a Mario Monti. Insomma un miracolo, cui dar corpo prima che cali il quindicesimo sole. Un miracolo da veri uomini…read more

Transizioni-Rita Levi Montalcini

Addio Rita ti cercheremo nel cielo

Ciao Rita,

ti cercheremo nel cielo, tra  lo splendore degli astri; ti troveremo sulla terra, tra di noi, nei nostri corpi e nelle nostre menti.

Batterai  dentro i nostri cuori e sarà Vita. 

«Ci ha donato la molecola della vita e ha dato dignità al ruolo femminile nella sua completezza» cinguetta “Giovanna”.

Qualche spunto in più? leggi l’articolo di Piero Bianucci, Rita Levi Montalcini “Non temo l’ingegneria genetica ma la manipolazione culturale” in La Stampa.it, di oggi 31 Dicembe 2012

Censimento UK, Cambio della Guardia e grandi novità

Notevoli  sono i cambiamenti sociali evidenziati dal censimento del 2011 in  Inghilterra,  Galles e Irlanda del Nord. (La Scozia organizza  il censimento  per conto proprio).

Scots Guardsman Jatenderpal Singh Bhullar parades at Buckingham Palace for the first timeL’ingombrante, e un pò buffo  colbaccone di pelle d’orso, indossato dalle Guardie della Regina, diventa turbante  per  la guardia Sikh.

Ci meraviglia? Non più di tanto, se questo accade a Londra, metropoli multietnica per eccellenza, dove le comunità Pakistana e Indiana rappresentano il gruppo di nuovi  Britannici  più  numeroso e da più anni presente sul territorio  britannico.

Una delle ragioni   di questa presenza  massiccia va ricercata nella storia delle relazioni politico-sociali-economiche tra questi paesi.

cambio della guardiaJatendarpal Bhullar,  orgogliosa guardia Sikh   afferma :

«Essere il primo Sikh a montare la guardia in turbante è la cosa più bella della mia vita, soprattutto come membro delle Guardie Scozzesi. Il reggimento è ricco di storia, così come la mia religione».

La citazione è presa da A Londra i “bianchi Inglesi” diventano una minoranza, di Alessandra Rizzo (La Stampa, 13 dic. 2012) che rielabora, in un certo senso, l’articolo di Johnathan Freedland Census shows a changing of the guard in Britain(The Guardian, 11 dec.2012).

Rizzo lo  intepreta dal suo punto di vista di Italiana, scegliendo un titolo molto ad effetto, che  si focalizza però solo su un aspetto  dell’analisi di Freedland, quello dei “bianchi Inglesi”  diventati minoranza nell’arco  di  pochi anni dall’ultimo censimento…

Vale la pensa di leggerli entrambi, ma  di   seguire, in particolare, tutte le variabili prese in considerazione da Freedland, compreso lo stupore suscitato  dai dati raccolti.

Il suo articolo   si conclude  con un’ affermazione  di   Tony Travers of the London School of Economics sul nuovo censimento che…

“…  among other things showed that more than a third of Londoners are born overseas. “It’s a reminder of just how much we’ve changed,” he said, like catching your reflection after 10 years without looking in a mirror. “You know you’ve aged in that time, but it’s still a shock to see it.”

2dove ti porta il cuore

 

“Put simply, people are on the move”.

E non è  una questione di “razza” o di provenienza, ma di ricerca di migliori opportunità di vita o, semplicemente, di  andare dove ti porta il cuore…

 

 

Finalmente il Sì per la Palestina alle Nazioni Unite!

PalestinaSenza entrare nei dettagli e nelle profondità di una questione certamente molto complessa e articolata, vivo oggi una grande soddisfazione per il gesto di inclusione che tanti paesi membri dell’ONU, a maggioranza,  hanno voluto fare portando la Palestina all’interno delle Nazioni Unite, come paese osservatore.

Sicuramente ci saranno dei motivi validi per mantenere qualche riserva, ma non credo che tutti gli altri attori coinvolti  nell’annosa disputa tra Israele e Palestina siano immuni da qualche piccola, grande colpa.

Includere e non escludere è sempre un gesto di disponibilità, un importante passo avanti verso il ben più grande processo di pace allargata. Più siamo a cercare di conoscere e capire più la moltitudine di voci troverà elementi di aggregazione e condivisione.

Al di là di tante chiacchiere, sono davvero contenta della decisione presa.

Per  saperne di più leggi qui l’articolo di Paolo Mastrolilli su La Stampa.

Sweet Tooth di McEwan diventa Miele nell’edizione italiana

Sta per uscire in Italia, pubblicato da Einaudi, Miele, l’ultimo romanzo di McEwan. La scelta del titolo è coerente con il senso dell’originale, Sweet Tooth, ma forse più associabile a significati “smielati” e dunque alle love story contenute nel libro, che alla più ampia gamma di significati che il titolo inglese racchiude. Punto di vista molto, molto personale!
Oggi, 16 Ottobre 2012, nel suo articolo Ian McEwan: “vorrei scrivere il racconto perfetto” (La Stampa),  Malaguti  ci racconta uno spaccato del Festival della Letteratura organizzato dal Times a Cheltenham.

Ci parla di un McEwan con lo sguardo rivolto al traguardo finale della sua carriera: scrivere il racconto perfetto…Sweet Tooth/Miele ci offre un gustoso assaggio di cosa egli intenda. In fondo Tom Haley e Ian McEwan,  si assomigliano molto…

Qui la recensione  di Affascinailtuocuore

Basta un premio a fare L’Europa? Risponde Enzo Bettiza

Mi perdonerà Enzo Bettiza (La Stampa 14/10/12), se parto dalla conclusione del suo articolo

Non basta un premio a fare l’Europa,

sull’atteggiamento decisamente Euroscettico della Gran Bretagna nei confronti dell’Unione Europea che, da parte sua,  presta  il fianco a critiche di tutti i tipi, anche da parte dei sostenitori di sempre, per le  sue scelte  politiche ed economiche, in questa difficile  fase della sua storia.

Ma il messaggio  autentico dell’articolo, che arriva forte e chiaro e in perfetta sintonia con la  logica argomentativa, è nella chiusura.  Lo riporto perciò molto volentieri:

“Il Nobel giunto inatteso da Oslo all’Europa avvalora qualcosa che riconosce questo e va al di là di tutto questo: ci dice che nonostante le crepe, i fallimenti, gli anacronistici sbandamenti nazionalisti, l’Unione Europea è considerata da un Paese che non ne fa ancora parte come un’entità unitaria e indivisibile della nostra epoca turbolenta.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: