• Mondo Fuori

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    Giornata Mondiale del Rifugiato 2018-Diamo senso a queste ricorrenze! Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Amo l’Europa. Voglio prenderla dal verso giusto…

    cara Europa ti scrivo...ckick&read
  • 10 Novembre 2018 Manifestazione Nazionale NO-PILLON

    Per il ritiro del DDL Pillon e la riaffermazione della libertà di scelta degli "Italiani", uomini e donne liberi. Margaret Atwood-Il Racconto dell'Ancella: " In un’America reduce da una catastrofe ecologica, che ha falciato gran parte della popolazione e messo in forse la stessa sopravvivenza della specie, un gruppo di fanatici religiosi ha fondato uno stato totalitario, Galaad, riducendo in completa schiavitù le donne. I rapporti umani, sociali, culturali sono stati aboliti: unico supremo fine è la procreazione. Attraverso il diario segreto della giovane “ancella” Difred, si delinea l’inquietante profilo di un mondo futuro ma non troppo, già presente in embrione nella società degli anni Ottanta...apri il link all'immagine per continuare

  • 3 Ottobre a Lampedusa-Memoria e Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • Libera contro la mafia “Cento passi verso il 21 marzo”

  • 2 Giugno 2018-Festa della Repubblica Italiana

  • Stragi di Maggio: non dimenticheremo.

    G.Falcone: L'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa.

  • Siria: continuiamo ad essere dentro una guerra insaziabile

    Chi bombarda cosa? Partono impietosi i razzi di USA, Russia, Francia, Regno UInito... immediatamente tutti gli altri si stanno accodando alla magnifica follia dei bellissimi missili Trumpiani! Ma quando , come e con chi ne verremo fuori? ONU batti un colpo di pace, please!

  • 13 Maggio 2018- Festa della Mamma

    festa della mamma 2018-storia di un' assoluzione
  • UN GIORNO, TUTTO QUESTO-Salone Internazionale del Libro di Torino 2018

    Un giorno tutto questo...Torino 10-14 Maggio 2018

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • 25 Aprile 2018- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • 22 Aprile-Giornata Internazionale della Terra 2017

    La Terra è "Un Pianeta Blù Senza Confini" (La Stampa)

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

    Grazie Libro, perchè mi coccoli, mi accompagni, mi lusinghi, mi diverti, mi rattristi, mi aiuti, mi conforti, mi stimoli, mi persuadi, mi accusi, mi difendi, mi fai piangere, mi fai arrabbiare, mi fai incontrare il mondo, mi fai vivere!

  • Sabato 24 e Domenica 25 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 8 Marzo 2018-Donne insieme con determinazione e speranza

  • 20 Novembre2017- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria-Fatti e idee in Il Tempo e la Storia- RAI3

    "È uno dei capitoli più dolorosi della storia del Ventennio fascista: le leggi razziali del 1938, l’antisemitismo che diventa discriminazione, esclusione dalla vita pubblica. Fino alle deportazioni."

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    Ritratti di vite e corpi nello sguardo della Fotografa-Architetta Stefania Scamardi

  • Libriamoci a scuola- leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 90.992 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • vi aspetto qui

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com

D.Winslow-CORRUZIONE. Maria Luisa si lascia catturare da Dennis Malone

 

corruzioni Winslow

Maria Luisa si è fatta tentare dai romanzi, lei che ama leggere soprattutto i saggi, ha ceduto al fascino della fiction. E divora un pilastro del poliziesco Americano, Corruzione, ambientato nel mondo corrotto e impietoso di New York, dove il poliziotto Dennis Malone svolge il suo servizio,    mentre  il “personaggio” Dennis Malone cattura Maria Luisa.

 

new york

 

“Sono stata coinvolta dal poliziotto Dennis Malone, incondizionatamente. Questa è stata per me l’attrattiva principale del romanzo[… Il prototipo del poliziotto americano secondo Malone: I poliziotti vedono prima le vittime, poi i colpevoli; provano compassione per le vittime e odio per i colpevoli. Ma non possono dare troppo spazio alla compassione altrimenti non riuscirebbero a fare il loro lavoro, né possono odiare troppo i colpevoli altrimenti si trasformerebbero essi stessi in colpevoli. Perciò si costruiscono uno scudo psicologico: NOI ODIAMO TUTTI. Ma lo scudo ti consuma fino a renderti vulnerabile, debole [e tuttavia] Questo è Malone che non ha mai perso l’umanità verso i suoi simili”

Leggi tutta la recensione di Maria Luisa nei suoi appunti 

Descrizione della casa editrice

Dopo Il potere del cane e Il cartello un altro stupefacente affresco dell’America contemporanea. Uno squarcio epico, impareggiabile su New York e le sue profonde lacerazioni.

“A New York potevi aspettarti che finisse in galera chiunque. Il sindaco, il presidente degli Stati Uniti, persino il papa. Chiunque ma non il poliziotto eroe Dennis Malone. Lo sbirro che aveva messo in piedi la migliore unità dell’NYPD. Che sapeva in quali armadi erano nascosti tutti gli scheletri. Perché molti li aveva nascosti lui. Danny Malone voleva solo essere un bravo poliziotto. Era il re della Manhattan North Special Force, detta Da Force. L’unità che imperversava sulle strade di Harlem come un vento impetuoso spazzando via ogni immondizia. Ma ora che Malone è finito in galera, quel vento non soffia piú. Malone e i suoi erano i piú svegli, i piú abili, i piú veloci. Quelli che in città tenevano a bada «la giungla» e a Natale regalavano, di tasca propria, un tacchino ai poveri. Per diciotto anni Malone era stato in prima linea, per strada, e aveva fatto tutto il necessario per proteggere una città che si nutre di ambizione e corruzione, dove di pulito non c’è piú nessuno. Compreso Malone stesso. Ad Harlem era diventato una specie di intoccabile, ma anche un sorvegliato a vista. All’improvviso però «la sua città, la sua zolla, il suo cuore» gli si sono rivoltati contro. E ora che è stato incastrato dai federali non gli resta che decidere chi sia meglio tradire. Descrizione IBS

 

E.Galeano-MUJERES. Storie di Donne: Streghe, Pazze e Disobbedienti

 

Marzo 2017. Dalla Spagna arriva un libro speciale. Un regalo di compleanno ad una giovane donna, in doppia copia. E allora cosa c’ è di meglio che condividere la lettura con una persona cara? Succede con Mujeres di Eduardo Galeano. Lettura ancor più interessante perché accompagnata dall’immagine di una persona profondamente amata. Alla fine avremo molto di cui parlare insieme.

“cada mujer representa a todas las mujeres. Todas ellas nos salvan de la locura”.

Centocinquanta donne  che in secoli diversi hanno contribuito a cambiare il mondo vengono ritratte in questi frammenti con maestria pittorica ed efficacia narrativa. Queste icone immortali sono donne che definiremmo “normali”, ma che nel loro tempo e nel loro mondo hanno messo in atto dei comportamenti considerati dal mondo maschile dominante offensivi, rivoluzionari, inappropriati, riprovevoli ed altri aggettivi ancora di una lista troppo lunga per entrare in questo breve spazio.

Il volume stesso sembra essere un taccuino di disegni, dove ogni spazio è dedicato graficamente ad una donna eterna. Mentre si legge si ha quasi l’impressione di trovarsi dentro una Spoon River al femminile, ma da questi bozzetti saltano prepotenti figure ricche di colore, di vita, di cuore, anima e cervello, che la lettrice si porta dentro, orgogliosa di appartenere al genere umano.

Un’unica legge maschile, condivisa e ricorrente nei secoli, regola la vita delle femmine: chi disubbidisce o è pazza o è strega. La ricchezza della sessualità femminile? pericolosa e irrispettosa del maschio e del suo piccolo piacere.

Galeano è un uomo-scrittore, uno dei tanti che parlano di donne, spesso per vendere più copie dei  loro libri(cattivissima!). E tuttavia  Galeano sembra sincero. Forse perché la sua sincerità è convalidata dalla narrazione di fatti e dalla riproduzione di alcuni brevi testi accreditati dalla Storia.

La sua descrizione di Marylin o di Rita Hayworth o di Marie Curie o di Giovanna d’Arco lasciano trasparire un’ empatia profonda che colpisce al cuore la lettrice. Succede lo stesso ai lettori maschi? Sarei proprio curiosa di saperlo.

La sensazione che alla fine rimane è quella di un mondo femminile a colori, che un’entità cieca vuole a tutti i costi “smorzare” con un telo scuro. Ed è inevitabile visualizzare statue “vestite” o donne “incartate” in tristi sudari.

 

Assaggi

Da amante della bicicletta, mi ha stupito e divertito Allarme: Biciclette!

allarme biciclette 001

Oltre il libro: Giocando con le Mujeres

Proviamo a fare questo gioco:

cercate nella vostra memoria nomi e storie di donne provenienti dai paesi nella nuvola, donne che avete incontrato nei testi di scuola, nei romanzi o nelle poesie che avete letto, nei film che avete visto, nei quadri che avete ammirato con stupore, nelle storie che leggete sui giornali. Qualcuna la  ritroverete sicuramente nel libro di Galeano!

Ho letto il testo in Spagnolo con il dizionario a portata di mano  (coraggiosa o presuntuosa?) perché ho chiaramente avuto qualche inciampo lessicale, ma il senso del messaggio è arrivato forte e chiaro! Alla fine del viaggio   mi sento felice.  Ora non  mi resta che parlarne con chi me lo ha donato…


Descrizione  IBS

 

 «Non c’è tradizione culturale che non giustifichi il monopolio maschile delle armi e della parola, e non c’è tradizione popolare che non perpetui il disprezzo della donna o che non la denunci come pericolo.»

In questa galleria di ritratti, fugaci e intensi, compaiono centocinquanta figure femminili: Frida Kahlo, Emily Dickinson, Marie Curie, Rosa Luxemburg e Rigoberta Menchú, ma anche guerrigliere, streghe e sante il cui nome è stato dimenticato. E anche le prostitute che, nella Patagonia argentina, si negarono ai militari che avevano represso uno sciopero di braccianti. Mescolando sulla pagina brevi racconti, frammenti di biografie, memorie, riflessioni e poesia, Galeano ricostruisce le loro battaglie alla conquista di nuovi spazi di libertà. E con la sua maestria di cantastorie e di artigiano del linguaggio compone un racconto che attraversa epoche e paesi e celebra la bellezza di esseri umani che hanno infranto le regole, superato la segregazione, violato le frontiere per difendere una dignità sempre precaria… read moreESMU

E. Zimarri-ADONE. Nel Mediterraneo tra gli “ibridi della mitologia antica”

Il  libro

Adone _ZIMARRI

Scritto per una casa editrice romana specializzata in testi di archeologia (Collana Monstra) e illustrato da  Martina Vanda,

il libro Adone di Elisa Zimarri è stato di recente presentato alla Feltrinelli di Parma ed  è disponibile  on line,  su IBS. Tutti i “volumetti” sono in vendita anche nei bookshop di Pompei, Ercolano, Paestum. 

 

Introduzione dell’autrice

albero della Mirra.jpg

Il bellissimo Adone nasce dalla passione incestuosa tra il Re di Siria e la figlia Mirra. Afrodite ispirò l’amore criminale nella figlia per punire la tracotanza della madre che, vantandosi di avere una figlia più bella della dea, l’aveva offesa. Mirra, consumato l’incesto e vergognandosene, fuggì fuori dalla città, lontano da tutti, per uccidersi in un luogo deserto. Zeus ne ebbe pietà e ne causò la metamorfosi trasformandola nell’albero della Mirra. Dopo nove mesi l’albero si aprì e ne uscì Adone[…]

Il mito di origine semitica, fortemente legato alla natura, alla ciclicità, alla rinascita generativa della primavera, è testimoniato nella cultura greca già in Esiodo e successivamente fu conosciuto e amato dalla società romana. Persistenze del suo culto e della sua storia, arricchita di varianti, permangono fino alla tarda latinità.

La vicenda d’amore e morte, l’espressione della vita estetica, la bellezza della coppia amorosa e la tragicità della fine furono amati come soggetti e riprodotti nell’arte greca e nell’arte romana.

Sono così pervenute fino a noi riproduzioni di scene del mito soprattutto nella ceramografia attica, nel mosaico romano, nella pittura pompeiana, negli specchi etruschi e nella suppellettile femminile. continua nella  scheda editoriale

 

Collana Monstra

Adone e suppellettili femminiliLa collana Monstra è dedicata agli ibridi della mitologia antica, esseri inesistenti in natura, in parte uomini, in parte animali e in parte qualcosa d’altro. Sono i vulnerati della mitologia, che per loro disgrazia hanno incontrato gli dèi dell’Olimpo e ne sono rimasti menomati. Aracne, Medusa, Sirene, Tifone, Acheloo, Scilla e molti molti altri si presenteranno al giovane lettore e racconteranno in prima persona la loro vicenda con ironia, divertimento e desiderio di riscatto, facendo conoscere le proprie competenze e abilità e con continue incursioni verso altri miti che aiuteranno a creare collegamenti con scenari meglio noti. Questi simpatici ‘vulnerati’ sottoporranno a giudizio i comportamenti e le decisioni degli dèi ‘maggiori’ che con la loro protervia, invidia e irrazionalità hanno determinato per sempre e negativamente le loro esistenze. Ogni monstrum avrà due piani di lettura. Da una parte farà conoscere se stesso, dall’altra tratterà un tema legato alle sue peculiarità: es. Acheloo e il controllo delle acque da parte dell’uomo, Aracne e la produzione tessile, Sibilla e la nostalgia per la madre patria, Scilla e gli amori difficili ecc. Le scenografie che accompagnano i testi sono rielaborazioni grafiche di immagini antiche (tratte da vasi, pitture, sculture e mosaici) o invenzioni che hanno però alla base il racconto filologico, per cui il lettore avrà sempre la garanzia della correttezza dell’informazione e sarà accompagnato con divertimento su un cammino di fantasia e conoscenza. Buona lettura! IBS

K.Follett-I Giorni dell’Eternità, una lettura Kindle lunga 49 ore…

clip_image002.jpg

K. Follett I Giorni dell’Eternità The Century Trilogy-Vol. 3 Mondadori

Opinioni a confronto:

Vladimiro la pensa così

“Il racconto della contemporaneità nel terzo volume della Trilogia di Follett sembra attenuare l’interesse  di quei lettori che hanno vissuto gli anni descritti nel libro. Gli anni sono quelli che vanno dai primi anni Sessanta fino alla caduta del Muro di Berlino, con le crisi interne e  internazionali, i grandi uomini e le grandi scelte che li hanno caratterizzati.

In questo ultimo capitolo della trilogia sembrano meno potenti quella suspense e quel mistero che il passato “remoto” raccontato negli altri due era riuscito a  creare. Manca quella speranza segreta che il mondo futuro possa cambiare in meglio, anche se a dire il vero, il lettore sa  bene come è andata a finire. Lo ha scoperto attraverso il filtro della Storia, dei film e dei romanzi e delle preziose  testimonianze personali di alcuni  protagonisti.

Linverno del mondoGli eventi che  il lettore ha vissuto, più o meno direttamente, in un’era in cui le notizie e le informazioni hanno cominciato a circolare più velocemente, fa scolorire l’effetto  magico del racconto, che  neanche l’abilità affabulatoria di Follett riesce a ricreare.

Va inoltre detto che questa terza “puntata” della grande saga mostra i limiti di un progetto enorme, che ruota intorno alle vite e alle vicende delle cinque famiglie protagoniste, coinvolte e travolte dagli  eventi storici di sfondo, e a quelle dei  numerosissimi  personaggi che affollano le pagine della trilogia.

follett-la-caduta-dei-giganti_thumb[1]L’affollamento di eventi e personaggi, spesso con nomi non propriamente facili,  e la familiarità del lettore con la struttura del romanzo creano un certo senso di  stanchezza anche nel lettore più affezionato a Follett.

Ma si continua fino alla fine, nel ricordo (e talora nel rimpianto) delle sensazioni  provate  nella lettura di   La Caduta dei Giganti e, anche se in misura minore,   de L’Inverno del Mondo.

Dopo 49 ore di lettura Kindle, si arriva alla conclusione di I Giorni dell’Eternità.

E tuttavia, Follett è grande e imperdibile! Ci sono tanti nuovi e giovani lettori, che ancora devono “scoprirlo” e grazie alle sue storie, cogliere l’occasione di  imparare a conoscere e ad amare la Storia.

Per loro la magia della Trilogia può ancora essere totale, e può coniugarsi con il mistero e  il pathos della narrazione, la comprensione del presente e la speranza in un futuro migliore.”

 

Descrizione IBS

I giorni dell’eternità” è la conclusione della trilogia “The Century”, dedicata al Novecento, nella quale Ken Follett segue il destino di cinque famiglie legate tra loro: una americana, una tedesca, una russa, una inglese e una gallese. Dai palazzi del potere alle case della gente comune, le storie dei protagonisti si snodano e si intrecciano nel periodo che va dai primi anni Sessanta fino alla caduta del Muro di Berlino, passando attraverso eventi sociali, politici ed economici tra i più drammatici e significativi del cosiddetto “Secolo breve”: le lotte per i diritti civili in America, la crisi dei missili di Cuba, la Guerra fredda, ma anche i Beatles e la nascita del rock’n’roll. Quando Rebecca Hoffmann, insegnante della Germania Est, scopre di essere stata spiata per anni dalla Stasi prende una decisione che avrà pesanti conseguenze sulla sua famiglia. In America, George Jakes, figlio di una coppia mista, rinuncia a una promettente carriera legale per entrare al dipartimento di Giustizia di Robert Kennedy e partecipa alla dura battaglia contro la segregazione razziale. Cameron Dewar, nipote di un senatore del Congresso, non si lascia scappare l’occasione di fare spionaggio per una causa in cui crede fermamente, ma solo per scoprire che il mondo è molto più pericoloso di quanto pensi. Dimka Dvorkin, giovane assistente di Nikita Chruscëv, diventa un personaggio di spicco proprio mentre Stati Uniti e Unione Sovietica si ritrovano sull’orlo di una crisi che sembra senza via d’uscita.

I libri di Ottobre-In viaggio con la storia e con i miti in compagnia di Follett e Mastretta

 Per ora solo  un  assaggio…

 

Follett_I-giorni-dellEternit_thumb.jpgVladimiro sta leggendo l’ultimo romanzo di Ken Follett: I Giorni dell’eternità. Mi ha accennato il contenuto, anche se è solo agli inizi.

“I giorni dell’eternità” è la conclusione della trilogia “The Century”, dedicata al Novecento, nella quale Ken Follett segue il destino di cinque famiglie legate tra loro: una americana, una tedesca, una russa, una inglese e una gallese. Dai palazzi del potere alle case della gente comune, le storie dei protagonisti si snodano e si intrecciano nel periodo che va dai primi anni Sessanta fino alla caduta del Muro di Berlino, passando attraverso eventi sociali, politici ed economici tra i più drammatici e significativi del cosiddetto “Secolo breve”: le lotte per i diritti civili in America, la crisi dei missili di Cuba, la Guerra fredda, ma anche i Beatles e la nascita del rock’n’roll. Quando Rebecca Hoffmann, insegnante della Germania Est, scopre di essere stata spiata per anni dalla Stasi prende una decisione che avrà pesanti conseguenze sulla sua famiglia. In America, George Jakes, figlio di una coppia mista, rinuncia a una promettente carriera legale per entrare al dipartimento di Giustizia di Robert Kennedy e partecipa alla dura battaglia contro la segregazione razziale. Cameron Dewar, nipote di un senatore del Congresso, non si lascia scappare l’occasione di fare spionaggio per una causa in cui crede fermamente, ma solo per scoprire che il mondo è molto più pericoloso di quanto pensi. Dimka Dvorkin, giovane assistente di Nikita Chruscëv, diventa un personaggio di spicco proprio mentre Stati Uniti e Unione Sovietica si ritrovano sull’orlo di una crisi che sembra senza via d’uscita.”IBS

 follett-la-caduta-dei-giganti_thumb[1]Superata la prima fase di “ambientamento”, Vladimiro si lascia  catturare da  Follett, ancora una volta.   Alla fine della lettura ci risentiremo per leggere la sua recensione. Intanto date uno sguardo a quella su La Caduta dei Giganti, pubblicata in questo blog.

 

Male d'amore_Mastretta

Ottobre ci travolge anche  con le suggestioni di di Male d’Amore, di  Angeles Mastretta.

“Emilia Sauri vuole esser viva e libera: dai genitori ha ereditato la passione per la medicina e per la letteratura, dalla zia Milagros l’anticonformismo e la fedeltà ai propri ideali, ma anche agli impulsi del cuore. Emilia vive la rivoluzione messicana, cura le vittime della guerra, ma soprattutto vive la sua duplice storia d’amore e di bigamia. Incantata dal rivoluzionario Daniel fin dall’adolescenza, intreccia con lui una vicenda di legami e abbandoni, in cui la magia sensuale che li afferra a ogni incontro non scema con gli anni. Ma nel cuore di Emilia c’è spazio anche per il dottor Zavalza, con cui vive anni di pace amorosa, a cui attribuisce senza esitazioni la paternità dei suoi tre figli, che sa come curare il “male d’amore” che Daniel le infligge”. Feltrinelli.

Ci  ritroveremo qui con  la recensione  di Affascinailtuocuore.

 

C. Lucarelli-L’ISOLA DELL’ANGELO CADUTO. La Storia in Noir sull’isola dell’inquietudine

 

 

isolangelocaduto_lucarelli_thumb.jpg

“Gennaio 1925. Mentre il Duce si assume alla Camera la responsabilità del delitto Matteotti, su una sperduta isola italiana, sede di una Colonia penale per delinquenti comuni e prigionieri politici, viene trovato il cadavere di una camicia nera. A indagare su questa morte, e su quelle che seguiranno, è chiamato un giovane commissario senza illusioni, né fascista né antifascista, un piccolo malinconico eroe involontario. Ha una moglie resa folle dalla tristezza, dalla solitudine e dagli influssi malefici che aleggiano sull’isola. Che sembra intanto sprofondare in una sorta di incantesimo sempre più insondabile, tanto che forse, ormai, allontanarsi è davvero impossibile…” descrizione ibs

Ascolta il vento…

ilmolo_LucarelliIl primo intenso appello sensoriale  del libro  è rivolto  all’ “Orecchio del Lettore”.

La storia,  infatti, sembra scritta per essere letta ad alta voce, con  toni modulati di mistero,   magari dall’autore stesso,  in una delle sue trasmissioni notturne in TV.

L’orchestra dei venti isolani ne è  l’esempio più efficace, anche se  risulta già “sentita” la descrizione dettagliata di tutti i venti/strumenti che “suonano” sull’isola.

DGRossettiLady Lilith

Il Commissario-EccellenzaVostra, che indaga su  alcuni suicidi  anomali e misteriosi, non suscita particolari emozioni.

Ha una moglie bella e fragile, preraffaellita nei suoi colori trasparenti e diafani, rossi e lentigginosi.

Hana non vede l’ora di lasciare la lugubre e diabolica isola  e, in attesa di una partenza che tarda a realizzarsi, cerca rifugio nella ridicola, ossessiva e maschilista canzone alla moda “Ludovico sei dolce come un fico”, estraniandosi  da ciò che la circonda, marito compreso. 

el comisario De Luca
assomiglia al nostro commissario?

Il commissario  si imbatte in cose, eventi e persone che invadono prepotentemente  la sua vita:  il rifugiato politico, dottor Valenza, anatomopatologo in crisi di astinenza da autopsie; Inglesi strampalati dediti a riti dionisiaci; l’ ex prostituta ora moglie rispettabile di un federale inetto e innamorato; Il farmacista padre bigotto e vigliacco; Martina adolescente svagata e inquieta; Cajenna,  prigione tetra e battuta dai venti; strapiombi sul mare nero che accoglie corpi senza vita,  faro  con  telegrafo, telegrafista e taccuini neri , pieni zeppi di segreti, alla fine svelati.

manipolo_LucarelliE poi  c’è Mazzarino, il feroce capomanipolo che ci riporta al periodo in cui la storia si svolge. È brutto, cattivo, manipolatore e violento, insomma, il prototipo del vero miliziano fascista, ovvero del MALE.

isolaangelocadutofilmÈ la storia secondo  Lucarelli. Sono i giorni del delitto Matteotti e della recondita speranza che, ammessa da Mussolini la sua responsabilità nell’omicidio, il Parlamento, il Re e il Popolo si decidano a mettere fine all’avventura fascista. La storia vera ci  dice invece  che andò in tutt’altro modo.

L’isola si fa piovra (animale marino tanto temuto da Valenza…)che fa il suo dovere: inghiotte il Male assoluto (il povero e tragico Mazzarino), aiutando così  il commissario e il suo Senso dello Stato (suo padre ne sarebbe felice!).

Ma l’isola maledetta stritola e inghiotte  anche lui nelle sue spire spegnendolo, insieme alle  lentiggini  di Hana.

A dire il vero, l’isola tenta  di  spegnere anche la voglia del lettore di arrivare fino alla fine del libro. Non ci riesce e tuttavia lascia in lui  un certo senso di insoddisfazione per questa storia nera che più nera non si può.

Un unico  momento di  piacere antico, quasi sonoro, si prova  in quel reiterato  “Raccontano…”(Quinto Giorno:44) che sa di affabulazione magica, misteriosa e molto gotica!

Il FILM (2012)

 Lucarelli“dicono che il film è più bello del libro e mi fa piacere. Dicono che il libro è più bello del film e mi fa piacere uguale…” Carlo Lucarelli.

 

 

  

 

Una recensione particolare: Per I 400 calci il film  è un pasticciaccio brutto di Gaddiana memoria. (sarebbe un complimento, ma in questo caso è solo un prestito linguistico!)

A.Perissinotto-Il TRENO 8017, in corsa tra Storia e Mistero

perissinotto_iltreno

A caldo e nella pienezza delle emozioni accumulatesi durante la lettura, comincio a scrivere di questo romanzo. La pagina dei ringraziamenti mi aiuta a rispondere alla domanda che mi ero posta nel corso degli eventi narrati. Verità o finzione? Di fatto Treno 8017  è una storia che si appoggia, delicatamente, su un incidente realmente accaduto e su una documentazione autentica.

Torino, giugno 1946. Nell’Italia liberata è tempo di postume vendette. Adelmo Baudino è un ex ispettore della polizia ferroviaria, di mezza età, partigiano. L’epurazione che ha risparmiato colleghi ben più compromessi di lui, lo ha colpito per pura stupidità burocratica. Ma quando muore l’unico pronto a testimoniare a suo favore, capisce che qualcosa non funziona e inizia a indagare. L’indagine che segue, per ottenere un titolo di merito che lo riabiliti, lo porta su una scia di sangue che da Torino attraversa la penisola.(descrizione IBS )

Precisa, dettagliata, realistica e tragica in questo suo realismo, la narrazione ha un bel ritmo, sostenuto da personaggi efficaci, umani e vitali che, guidati dalle loro passioni private e pubbliche, si muovono in un periodo della storia recente del nostro paese, che esercita un’attrazione particolare sui lettori.

Adelmo Baudino, il protagonista, viene rappresentato come una persona dotata dispilla da balia grande intelligenza emotiva. Scopre, un passetto alla volta le connessioni tra gli eventi, fino alla deduzione finale. Magistrale. Ho davanti agli occhi la spilla da balia che sostiene la manica floscia. Un’epifania suscitata da questo piccolo oggetto brillante, stilisticamente bello, e molto utile…

il ferroviere GermiBaudino è un uomo che ha provato e prova amore e pietà,Erri De Luca che si lascia guidare dal suo orgoglio e dalla sua dignità. La sua immagine prende corpo e si materializza nella mia mente con le fattezze decise e belle del Ferroviere-Pietro Germi e quelle un po’ malinconiche, dolci, forse a tratti decadenti e rassegnate di Erri de Luca a passeggio nel “Ventre di Napoli”, sopra e sotto la superficie.

lemanisullacittàE quest’ultimo contesto, in cui agiscono uomini senza scrupoli, faccendieri, politicanti e conquistatori, mi riporta ai nostri giorni e al Festival del Cinema di Venezia 2013 dove si proietta la versione restaurata del meraviglioso Le Mani sulla Città di Francesco Rosi.  Bello questo viaggio da Nord a Sud, nell’immediato dopoguerra, in un momento di ricostruzione del paese.

ilmaredaltrenoRiconosco tanti luoghi e tante sensibilità che ho scoperto nel mio viaggio attraverso l’Italia, sebbene in tempi e circostanze meno problematici. Non riesco a non leggere questo tipo di storie senza farmi trascinare dal mondo della mia esperienza personale e di cittadina di un paese in  continua costruzione.

La lettura è stata molto piacevole, veloce e coinvolgente. Questo romanzo mi apre una finestra sulla scrittura di Perissinotto, che continuerò ad esplorare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: