• Mondo Fuori

    In questa colonna i widget sul mondo che circonda Affascinailtuocuore

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    Giornata Mondiale del Rifugiato 2018-Diamo senso a queste ricorrenze! Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Memoria e Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...‎‎

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • 2 Giugno 2018-Festa della Repubblica Italiana

  • Stragi di Maggio: non dimenticheremo.

    G.Falcone: L'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa.

  • Libera contro la mafia “Cento passi verso il 21 marzo”

  • 13 Maggio 2018- Festa della Mamma

    festa della mamma 2018-storia di un' assoluzione
  • UN GIORNO, TUTTO QUESTO-Salone Internazionale del Libro di Torino 2018

    Un giorno tutto questo...Torino 10-14 Maggio 2018

  • Amo l’Europa. Voglio prenderla dal verso giusto…

    9 Maggio festa dell'Europa-Dopo 60 Anni dal trattato di Roma è tempo di cambiare qualcosa. Ma che resti il sogno e la realtà di un'Europa unita.

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • 25 Aprile 2018- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Siria: continuiamo ad essere dentro una guerra oscena.

    Chi bombatrda cosa? Stanotte sono partiti i razzi di USA, Francia e Regno UInito... immediatamente tutti gli altri si stanno accodando alla magnifica follia dei bellissimi missili Trumpiani! Ma quando , come e con chi ne verremo fuori? ONU batti un colpo di pace, please!

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • 22 Aprile-Giornata Internazionale della Terra 2017

    La Terra è "Un Pianeta Blù Senza Confini" (La Stampa)

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

    Grazie Libro, perchè mi coccoli, mi accompagni, mi lusinghi, mi diverti, mi rattristi, mi aiuti, mi conforti, mi stimoli, mi persuadi, mi accusi, mi difendi, mi fai piangere, mi fai arrabbiare, mi fai incontrare il mondo, mi fai vivere!

  • Sabato 24 e Domenica 25 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 8 Marzo 2018-Donne insieme con determinazione e speranza

  • 20 Novembre2017- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria-Fatti e idee in Il Tempo e la Storia- RAI3

    "È uno dei capitoli più dolorosi della storia del Ventennio fascista: le leggi razziali del 1938, l’antisemitismo che diventa discriminazione, esclusione dalla vita pubblica. Fino alle deportazioni."

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    Ritratti di vite e corpi nello sguardo della Fotografa-Architetta Stefania Scamardi

  • Libriamoci a scuola- leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 87.282 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • vi aspetto qui

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com
  • Annunci

Vito Mancuso-IL BISOGNO DI PENSARE. Quasi un manuale per vivere meglio, lentamente e con un sorriso.

IL BISOGNO DI PENSARE-MANCUSO2017

Spesso mi dico:

“come vorrei per un solo attimo smettere di pensare e creare un po’ di silenzio nel turbinio affannoso della mia mente!”

Il Bisogno di PENSARE  di Vito Mancuso illumina di una nuova luce questo “desiderio” facendomi cogliere sfumature diverse del mio essere pensante, in bilico tra due spinte potenti: il bisogno di pensare (Sophia) e il bisogno di negare il pensato (Follia). Cercare un equilibrio  tra le due e mantenerlo è di fatto il fulcro  della vita, e del libro.

Sophia è il bisogno di pensare, Follia è il bisogno di negare il pensato con quell’atteggiamento che di solito chiamiamo critica; Sophia è il bisogno di pensare logicamente, Follia è il bisogno di ripensare analiticamente e di rivedere caoticamente; Sophia è il bisogno di dire sorridendo sì, Follia è il bisogno di gridare con rabbia no; Sophia ama l’analogia e ripete «parimenti», Follia ama la dialettica e ripete «altrimenti».”

Non sono in grado di sintetizzare il contenuto di questo bellissimo saggio, perché è scritto in forma di “catena” conseguenziale che rende difficile una sintesi semplificatoria efficace. Posso tuttavia provare a dare un’idea di cosa mi ha provocato, attraverso alcuni passi che mi hanno colpito, durante una lettura lenta, a ritmo di pensiero riflessivo, seguendo l’onda delle concatenazioni.

filosofia- da Il Fatto Teramano

 

Empedocle e le due forze contrastanti

“tratta della visione del mondo formalizzata in Sicilia venticinque secoli fa da Empedocle, il quale insegnava che il mondo (sia fisico sia umano) è retto da due forze contrastanti da lui denominate amore e odio, philótes e neîkos, tradotte anche come concordia e discordia, amicizia e astio, così che sia gli elementi naturali sia gli esseri umani «a volte per la concordia concorrono a un unico cosmo, a volte ciascuno va per conto suo trascinato dalla disfida dell’astio».”

Contraddittorietà del mondo

 Solo da poco, ho colto in pieno i nodi di questa logica, rassegnandomi felicemente  ad essa: 

«Sbrogliare questo. È della massima importanza. È qui la radice del grande segreto»: qui viene colto con chiarezza il compito del pensiero, cioè conseguire la matura visione dell’essere che discende dalla raggiunta consapevolezza della logica contraddittoria alla guida del mondo.”

Goethe e il principio della meraviglia

“Vertice che l’uomo può toccare è la meraviglia. Se un fenomeno primitivo suscita in lui meraviglia, può dichiararsi soddisfatto; nulla di più alto può essergli concesso, e non deve cercare oltre, questo è il limite.”

Stupore di fronte all’intero della vita, quello stato d’animo di chi si ritrova al cospetto di una manifestazione che sorpassa la sua capacità di comprensione perché vi sono elementi che l’hanno conquistato e altri che l’hanno disgustato, ed egli neppure sa se quello che ha visto gli è veramente piaciuto oppure no.

Pensiero e termodinamica

“Io ritengo che, come per la vita, anche per il pensiero sia una questione di termodinamica, nel senso che anche il pensiero si muove grazie al calore; e come la vita per sussistere ha bisogno di calore-calorie, così pure ne ha bisogno il pensiero. Senza calore, nessun pensiero.”

Innamorarsi del pensiero

hannah_arendt_von_der_banalitaet_des_boesen02-e1517600738128

Hannah Arendt: «Coloro che non sono innamorati della bellezza, della giustizia e della sapienza sono incapaci di pensiero» È vero; il loro pensare è solo disilluso, disincantato, demolitore; distrugge il pensiero degli altri senza edificare il proprio.”

Teoria dell’aggregazione

“Tutto insomma, dagli atomi alle stelle agli organismi, appare frutto di aggregazione, secondo una visione della natura abitata da un’intrinseca tendenza alla relazione e all’ organizzazione sistemica.”

Creazione

Fred Hoyle: «Le probabilità che un processo spontaneo metta insieme un essere vivente sono analoghe a quelle che una tromba d’aria, spazzando un deposito di robivecchi, produca un Boeing 747 perfettamente funzionante»”

 

La vita è energia

“Per quanto mi riguarda, io non penso che all’origine della vita vi sia una casuale e irripetibile combinazione. Penso al contrario che la vita sia l’esito di una tendenza all’organizzazione mediante aggregazione insita già nella materia inanimata. Intendo dire che a mio avviso la vita doveva sorgere. La vita infatti, e l’intelligenza che da essa promana, sono il logico approdo di una materia che non è per nulla inerte ma che è sempre al lavoro, perché è originariamente energia.”

La vita scaturisce da…

 “Non penso che la vita sia nata grazie a un intervento divino dall’alto perché, se ammettessi tale possibilità, non mi spiegherei poi come mai questo intervento divino dall’alto avvenuto una volta sia ora manifestamente assente in tantissime altre occasioni nelle quali la sua presenza sarebbe invece così necessaria.

Ribadisco piuttosto il mio pensiero secondo cui la vita è nata, vorrei dire sgorgata, dal basso, grazie a una logica sorgiva da sempre insita nella materia, la quale dai nostri padri latini venne chiamata significativamente con tale termine che deriva da mater perché ne avevano intuito la strutturale capacità generativa.

Per questo, senza ricorrere né al caso (spiegazione che non spiega nulla) né a un diretto intervento divino (spiegazione che non è coerente con ciò che avviene dopo), io concepisco l’origine della vita come dovuta alla tensione operativa che da sempre pervade la materia e che fa sì che il nostro universo sia fertile, bioamichevole,  In questa prospettiva la vita e l’intelligenza non sono una fortuita combinazione scaturita chissà perché in un ambiente ostile alla vita, ma il risultato di una tendenza intrinseca verso l’organizzazione che pervade la natura e che talora si manifesta in alcune oasi cosmiche, tra cui il nostro pianeta.”

Multiverso e Multipersonalità

“Dopo il Multiverso siamo quindi destinati alla Multipersonalità? Siamo consegnati all’ambiguità come tanti piccoli Giano bifronte, con un volto gentile da una parte e uno aggressivo dall’altro, a seconda delle convenienze? Oppure è ancora possibile una personalità unificata, coerente, unitaria, e quindi affidabile e degna di fiducia? Anche se non c’è un centro del mondo, ci può essere un centro di noi stessi? Possiamo raggiungere un criterio stabile in base a cui governare le azioni e i pensieri, come quel «principio direttivo» (in greco tò ēgemonikón) di cui parlava Marco Aurelio e a cui la gran parte della tradizione filosofica intendeva educare?”

  

Onda-corpo-punto fermo  

5_HOKUSAI-kHZD-U43240277634979Y2G-768x576@Corriere-Tablet

La tranquilla inquietudine della Grande Onda di Hokusai

 

“Penso l’essere del mio corpo come una grande onda e mi appare nella mente quella memorabile dipinta da Hokusai e immagino il farsi e il disfarsi della mia vita come successive ininterrotte ondate. È solo in questa prospettiva che il mio corpo costituisce il mio punto fermo: non in quanto mio corpo, ma in quanto fenomeno a me più vicino, e di cui non posso dubitare, che mi mostra come si giunga e ci si mantenga in vita grazie alla logica dinamica dell’armonia relazionale.”

“E pensando, la lezione che traggo dal mio corpo è che alla guida dell’essere c’è la logica dell’ armonia relazionale, la medesima che porta gli atomi dell’idrogeno e dell’ossigeno a formare l’acqua…

Pensiero tra resistenza e resa

“È per questo che l’azione aderente alla vita richiede il continuo esercizio del pensiero, perché si tratta di interpretare volta per volta come si deve agire: se all’insegna della resistenza, cioè facendo prevalere sulla realtà i nostri principi etici, oppure all’insegna della resa, cioè facendo prevalere sui nostri principi etici la ruvida concretezza della realtà. Comprendere se occorre resistere oppure arrendersi significa pensare.”

Chi è Dio

Etty Hillesum

Gomitolo aggrovigliato è il mio cuore…

“Il ritmo più profondo di Etty Hillesum […] Realtà Primaria tradizionalmente detta Dio, abita nella profondità dell’uomo interiore. Il che significa che dentro di noi dimora l’essere eterno, il principio costitutivo di tutte le cose.”

Anna Harendt- non solo meloni

“è lecito coltivare una speranza di senso senza tradire la natura razionale di esseri pensanti, oppure si deve inevitabilmente concludere che «noi siamo soltanto concime per futuri meloni»?”

Plotino e la statua dell’essere-energia

“Ritorna in te stesso e guarda: se non ti vedi ancora interiormente bello, fai come lo scultore di una statua che deve diventare bella. Egli toglie, raschia, liscia, ripulisce finché nel marmo appaia la bella immagine; così anche tu leva il superfluo, raddrizza ciò che è obliquo, purifica ciò che è fosco e rendilo brillante, e non cessare di scolpire la tua propria statua finché non ti si manifesti lo splendore divino della virtù […]”

Diventare pensiero -Dio

“Eccoci al punto decisivo: ognuno di noi è, e diventa, ciò che guarda, ciò che desidera, ciò che pensa. In altre parole: la qualità della tua vita interiore, il valore di ciò che sei, la possibilità di sperimentare e di connetterti con il Mistero, dipendono da te…”

I veleni del pensiero

“Il pensiero avvelena anzitutto perché produce ininterrottamente rumore, quel continuo e insoddisfatto rimuginare, che non si dovrebbe chiamare propriamente pensiero quanto piuttosto pensieri. È essenziale infatti distinguere il pensiero dai pensieri, intendendo con questi i fastidi, le preoccupazioni, le ansie, le paure, le elaborazioni mentali deformanti e ingigantite.

Questi pensieri arrivano quando vogliono loro, non richiesti, spesso non graditi, e a volte si trasformano in ossessioni, si insinuano nelle pieghe della nostra psiche e non ci lasciano più, sono i nostri fantasmi interiori, diurni e notturni. Noi parliamo, ma in realtà sono essi a parlare dentro di noi.

Si può persino cadere preda di un permanente assedio della mente e così perdere il contatto diretto con la realtà, giungendo a non vedere più le cose per quello che realmente sono, intrappolati in fantasticherie, illusioni, sospetti, gelosie.

È la condizione nota come paranoia (da noûs, «pensiero», e parà, «al di là»), che indica pensieri andati al di là, che hanno cioè oltrepassato la forma originaria di servizio alla realtà perché si sono ingrassati e con il loro grasso ricoprono la semplice asciuttezza del reale. Questi pensieri diventano sbarre e la mente una prigione. “

Cosa è il silenzio

“Il silenzio degli esseri umani è  un’opzione della libertà, e per questo non è mai senza il verbo, anzitutto il verbo fare, ma poi anche altri verbi come rispettare, sentire, ascoltare, contemplare, imporre, rompere. Al contrario degli oggetti privi di parola che non possono fare silenzio, nell’ambito umano si accede al silenzio e alla dimensione dell’essere che esso dischiude solo sapendolo e volendolo fare: si sta in silenzio, si rimane in silenzio, si mantiene il silenzio, si custodisce il silenzio. Ben lungi dall’essere mutismo, il silenzio degli esseri umani appare perciò come un’articolazione del logos, come una forma più consapevole, più avvertita, più socievole, di relazione”

Per chiudere

Quanti dubbi, quante domande ci poniamo sul nostro essere umani!

“La risposta, finché vivremo, non la sapremo mai. Il mare della vita ci conduce al naufragio, questo è sicuro, ma se questo naufragare rappresenterà la fine di tutto o l’inizio di qualcos’altro è destinato a rimanere precluso alla nostra conoscenza qui e ora. Tale ignoranza sul nostro destino può generare ansia e paura, ma può essere anche una specie di balsamo nella misura in cui si accetta di confluire senza pretese nell’immenso mare del processo cosmico deponendo ogni volontà di controllo e di rassicurazione, come nella celebre chiusa dell’Infinito  di Giacomo Leopardi:

Così tra questa immensità

 s’annega il pensier mio:

 e il naufragar m’è dolce in questo mare.

Dalla lista della spesa: sorridere…

mancuso 2018

 

 

 

Annunci

IL GIOVANE FAVOLOSO: qualche semplice riflessione sul film di Martone

Giacomo Il Giovane Favoloso di Mario Martone è davvero stupefacente. Ti fa vivere 137 minuti di tensione e di immedesimazione nei tormenti e nelle estasi del giovane poeta, così potenti che senti forte, alla fine, il bisogno di uscire a respirare  aria di ordinaria mediocrità, per sopravvivere alla vertigine e tornare alla normalità della vita di ogni giorno.

Il poeta è un condensato esplosivo e rivoluzionario di pulsioni vitali. Arte, amore, desideri, passioni, delusioni e rabbia, ironia e ricerca della felicità vivono imprigionati in un corpo che si dilata e si comprime sotto la loro spinta.

Il corpo si dilata mostrando come la vitalità dei desideri riesca ad andare oltre la sua fragilità sofferente; si comprime nell’assecondare giocoforza i cambiamenti che lo percorrono, progressivamente e inesorabilmente.

Nell’atmosfera speciale di  Torre del Greco  il corpo di Giacomo raggiunge uno stato di sintesi fisica, naturale e poetica nell’ eruzione terrificante del Vesuvio e nella composizione de La Ginestra. La visione che si offre allo spettatore è piena di contraddizioni: Giacomo: un corpo contratto e  rilassato di fronte al mare, la ginestra: un fiore ammaliante nato su terreni feroci; il Vesuvio: mostro rombante, minaccioso e sublime.

Bravissimo Elio Germano che, sotto la guida attenta di Martone, è riuscito ad usare il corpo come strumento perfetto di comunicazione. I suoi occhi, il sorriso, le mani, le gambe, la postura diventano i compagni di viaggio fedeli di Giacomo, l’esploratore dell’anima e del mondo.

-Isabella Ragonese-Paolina LeopardiIsabella Ragonese ha interpretato il ruolo della sorella Paolina in modo altrettanto corporeo. Le sue reazioni ai gesti e alle parole dei fratelli e del padre Monaldo sono fatte di movimenti e sguardi discreti, ma chiarissimi nel loro significato. Svelano una giovane donna, intelligente e bella, sacrificata da ottuse convenzioni religiose e maschiliste.

Leopardi,_Giacomo_(1798-1837)_-_ritr__A_Ferrazzi,_Recanati,_casa_LeopardiTutta la narrazione di eventi, di luoghi e di persone rimane confinata in un background, importante quanto si vuole, ma ravvivato solo dalla presenza di Giacomo.

Non aggiungo altro sugli aspetti puramente letterari perchè non sono in grado di analizzarli e valutarli in modo adeguato.

Ho voluto vedere il film solo per incontrare Giacomo Leopardi,  il Giovane Favoloso, fuori dagli schemi dei ricordi scolastici o professionali.

E questo incontro magico e appassionato c’è stato, eccome!

Creatività letteraria, al via il 2°concorso di TraccePerLaMeta 2013

2013_intestazione_2_concorso_nazionale_quadrato_250

Scrivere poesie o racconti e partecipare a un concorso, azioni compatibili? Sì.

La creazione letteraria può raggiungere la sensibilità di chi ama la poesia e la narrativa attraverso  molteplici canali.

Uno di questi è certamente  il 2° Concorso Letterario di Poesia e Narrativa organizzato dall’Associazione Culturale  TraccePerLaMeta, con il Patrocinio dell’Assemblea Legislativa delle Marche e del Comune di Recanati.

Seguiremo l’evento  e saluteremo con entusiasmo i partecipanti in azione, ispirati da questo eterno frammento…

Mirava il ciel sereno,

Le vie dorate e gli orti,

E quinci il mar da lungi, e quindi il monte.

 (G. Leopardi, “A Silvia”)

qui il bando

IMPORTANTE!

 Gli organizzatori segnalano: Al punto 8 del bando, alla sezione bonifico bancario, L’IBAN è cambiato. Ritengo utile rivolgersi  a  TraccePerLaMeta, per  ulteriori chiarimenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: