• Mondo Fuori

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    Giornata Mondiale del Rifugiato 2018-Diamo senso a queste ricorrenze! Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Amo l’Europa. Voglio prenderla dal verso giusto…

    cara Europa ti scrivo...ckick&read
  • Diritti delle Donne. Una lotta continua…

    Il racconto dell'ancella di M.Atwood-Giochi di potere sul corpo delle donne

    Per il ritiro del DDL Pillon e la riaffermazione della libertà di scelta degli "Italiani", uomini e donne liberi. Margaret Atwood-Il Racconto dell'Ancella: " In un’America reduce da una catastrofe ecologica, che ha falciato gran parte della popolazione e messo in forse la stessa sopravvivenza della specie, un gruppo di fanatici religiosi ha fondato uno stato totalitario, Galaad, riducendo in completa schiavitù le donne. I rapporti umani, sociali, culturali sono stati aboliti: unico supremo fine è la procreazione. Attraverso il diario segreto della giovane “ancella” Difred, si delinea l’inquietante profilo di un mondo futuro ma non troppo, già presente in embrione nella società degli anni Ottanta...apri il link all'immagine per continuare

  • 3 Ottobre a Lampedusa-Memoria e Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • Libera contro la mafia “Cento passi verso il 21 marzo”

  • 2 Giugno 2018-Festa della Repubblica Italiana

  • Stragi di Maggio: non dimenticheremo.

    G.Falcone: L'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa.

  • Siria: continuiamo ad essere dentro una guerra insaziabile

    Chi bombarda cosa? Partono impietosi i razzi di USA, Russia, Francia, Regno UInito... immediatamente tutti gli altri si stanno accodando alla magnifica follia dei bellissimi missili Trumpiani! Ma quando , come e con chi ne verremo fuori? ONU batti un colpo di pace, please!

  • 13 Maggio 2018- Festa della Mamma

    festa della mamma 2018-storia di un' assoluzione
  • UN GIORNO, TUTTO QUESTO-Salone Internazionale del Libro di Torino 2018

    Un giorno tutto questo...Torino 10-14 Maggio 2018

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • 25 Aprile 2018- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • 22 Aprile-Giornata Internazionale della Terra 2017

    La Terra è "Un Pianeta Blù Senza Confini" (La Stampa)

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

    Grazie Libro, perchè mi coccoli, mi accompagni, mi lusinghi, mi diverti, mi rattristi, mi aiuti, mi conforti, mi stimoli, mi persuadi, mi accusi, mi difendi, mi fai piangere, mi fai arrabbiare, mi fai incontrare il mondo, mi fai vivere!

  • Sabato 24 e Domenica 25 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 8 Marzo 2018-Donne insieme con determinazione e speranza

  • 20 Novembre2017- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria-Fatti e idee in Il Tempo e la Storia- RAI3

    "È uno dei capitoli più dolorosi della storia del Ventennio fascista: le leggi razziali del 1938, l’antisemitismo che diventa discriminazione, esclusione dalla vita pubblica. Fino alle deportazioni."

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    Ritratti di vite e corpi nello sguardo della Fotografa-Architetta Stefania Scamardi

  • Libriamoci a scuola- leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 93.063 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • vi aspetto qui

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com

Perché NON DIRMI CHE HAI PAURA di Giuseppe Catozzella sull’emigrazione è da anni la recensione più letta di Affascinailtuocuore.

 

 

 

Non dirmi che hai paura-Catozzella

Chi legge e chi ha letto  questo libro?  E perché?

Chi legge e chi ha letto  questo libro?  E perché?  Dalla data di  pubblicazione della recensione  è stato il post più letto del blog. Oggi nel pieno di un indecente furore propagandistico anti immigrazione in Italia, in Europa e in America, credo di  aver capito perché.

So che molti  insegnanti lo consigliano  ai loro studenti per offrire loro  la possibilità di  “leggere” la nostra attualità, di  esplorare la realtà dei paesi  di provenienza dei migranti, “casa loro”, dove teoricamente dovremmo aiutarli. L’empatia che si sviluppa tra lettore adolescente e  protagonista adolescente facilità la lettura. Inoltre si parla di sport, sport come sogno,  in questo caso proibito, che sfida ogni legge politica per realizzarsi.

A tutto si aggiunge l’inevitabile attività scolastica connessa. Il  riassunto, l’analisi del testo, la composizione. E qui  arriviamo, credo al punto. Mi sono fatta l’idea che molti ragazzi  “utilizzino” la recensione di Affascinailtuocuore come spunto  per i loro  lavori scolastici.

Sono perciò molto contenta se il libro di Catozzella e i  numerosi accessi alla recensione servono  ad aiutare gli studenti a leggere la realtà che li circonda con maggiore consapevolezza.

Se è vero dunque che molti docenti  ritengono il libro così importante da discuterne con i loro studenti, non posso che manifestare ancora una volta grande ammirazione per questi  preziosi professionisti e per le loro scelte civili..

Migranti nel Mediterraneo- Ieri e oggi

Nel 2014 eravamo nel pieno  di una crisi umanitaria mai vista prima, migliaia  e migliaia di migranti  e migliaia di morti nel lungo viaggio verso la libertà. Infuocava la guerra in Siria e la paura dell’ISIS. Il nostro Mediterraneo, da sempre culla della civiltà, si era trasformato in una bara rossa e ribollente di violenza. (E non è finita, nonostante le apparenze dicano il contrario…)

Nello stesso anno  ho pubblicato la recensione di  Non dirmi che hai paura di Giuseppe Catozzella.

 

rec-catozzella-Affascinailtuocuore

Assaggi  dal post

La storia di Samia inizia a Mogadiscio (Somalia). È poco più di una bambina e già dimostra la sua grande passione per la corsa. Una passione che la porterà ad affrontare un mare di difficoltà e di sacrifici per realizzare il suo sogno: rappresentare il suo paese, la Somalia, alle Olimpiadi di Pechino 2008 prima e a quelle di Londra 2012 poi.

Samia è  un’ adolescente che cerca disperatamente di realizzare i suoi sogni, con la cocciutaggine di chi crede  nel  proprio progetto, con la fiducia incontaminata che il mondo, nonostante le sue brutture, non le impedirà di realizzarlo.  Accetta la sfida, fino  al Viaggio, creatura mitologica…Proprio come ha fatto Hodan, l’amata sorella ora felicemente sistemata in Finlandia. Con lei  comunica tramite Skype! La tecnologia è vitale nel Viaggio: Money transfer dal mondo,  Skype e cellulari ultra moderni per chiedere denaro; GPS per orientarsi al buio…

“Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…” p.122

Soldi, tanti soldi sono necessari per approdare a Lampedusa. Richiesti dai trafficanti tappa per tappa, con un sadismo unico. Libbre di carne a prezzi solo in salita. Chi non paga muore o viene violato fisicamente. È il caso delle giovani donne il cui corpo, in ogni tempo e in ogni luogo, diventa merce di scambio.

e alla fine, il quizzone l’ha spuntata!

Concorso-pubblico-460x200Oggi, 18 Dicembre 2012,320.000 aspiranti docenti in pista per 11500 posti.

Parte dunque  il concorsone della scuola. Comparso, scomparso, temuto, ostacolato, criticato, disprezzato, contestato, dopo anni di “sopravvivenza” in clandestinità, nascosto nei cassetti polverosi del ministero, rispunta gioioso tra le idee brillanti del governo tecnico.

Si fa strada sicuro di sè, perchè finalmente offre l’opportunità tanto desiderata di riaprire le porte ai concorsoni nella scuola. Ma la qualità didattica, il collegamento reale con cosa e come si insegna, dove sono? I risultati del test ce lo diranno…

In ogni caso, “in bocca al lupo” prof!

Ma il Governo c’è o ci fa? E tocca ancora alla scuola…

Ironia amara ?

15 Giugno 2011

La Lega ci riprova: bonus di 40 punti nelle graduatorie per i docenti residenti nella sede di lavoro. Chi conosce realmente  la situazione della scuola  e del reclutamente dei docenti nel governo? Ci aspettiamo  che succedano le seguenti cose, altro che punti in più!:

– stabilizzazione dei precari, problema dei problemi che riguarda non solo la scuola, ma tanti, troppi, settori del lavoro.

-definizione dei bisogni  in termini di  personale stabile necessario su scala nazionale . La stabilità è un elemento  di qualità. Non si può fare buona formazione se si è costretti a saltellare da una classe all’altra, da una scuola all’altra, da una città all’altra, da una regione all’altra…E non c’entra niente essere del Nord o del Sud! 

– immediata e completa attivazione dei percorsi di formazione iniziale e TFA (Tirocinio Formativo attivo), anche con risorse e personale già formato ma “espulso” nel 2009. Sono passati ormai due anni dalla frettolosa chiusura delle SISS e l’Italia, ripiombata come una cenerentole europea, nell’oscurantismo formativo, aspetta ancora un progetto  definito e efficace di formazione iniziale. Sulla carta esiste, ma tempi e modalità concrete di attuazione sono ancora “ballerini” 

E si straparla di test, di valutazione docenti sulla base di non so quali risultati, di premi alle eccellenze che, colmo dell’ironia amara della vita,  ci rinunciano per far funzionare meglio la loro scuola, “impoverita” dai tagli del governo Berlusconi. Sono pochi euro, ma di questi tempi tutto fa brodo!

Quando si comincerà finalmente a parlare di valutazione seria, che accompagni il docente dal suo reclutamento iniziale, lungo tutto l’arco della sua vita lavorativa, fino alla pensione? Basta demagogia, ma soprattutto basta ignoranza.

A Modest Proposal…Coloro che vogliono  parlare di politica scolastica e mettere mano a una faccenda tanto complessa e delicata vengano prima sottoposti a un test di valutazione delle loro  conoscenze e  competenze nel campo…

Ma basta un test?

Chi non vuole i test a scuola e perchè: sentiamo il parere di Luca Ricolfi

 

Troppi test banalizzano la scuola

Interessante editoriale di Luca Ricolfi (leggi qui) su La Stampa di oggi, relativo alle  prove Invalsi obbligatorie nelle scuole.
Trovo “politically correct” la sua osservazione sul conservatorismo del sistema scuola e sui comuni “fallimenti” sia di governi didestra che di sinistra.

Mi permetto comunque due considerazioni che riguardano i punti Terzo e Quarto della sua analisi.

La Prima rigurada la critica rivolta alla reazione  dei docenti e del sistema al “Concorsone”, proposto a suo tempo dal Ministro  Berlinguer, per verificare le competenze dei professori;
la Seconda riguarda le perplessità dello stesso Ricolfi sul sistema di verifca a base “test”.  Tralascio di considerare il Primo punto su come i test Invalsi possano direttamente e effettivamente influire sulla progressione di carriera dei docenti.

Sorvolo inoltre sul punto Secondo che trovo poco rispettoso dei docenti “classificati”su base regionale e nazionale, sebbene contenga alcuni elementi di verità.
E’ vero che la resistenza dei docenti ad essere valutati e messi in discussione è sempre lì dietro l’angolo, ma una delle ragioni che contribuiscono a questo radicarsi dello status quo è l’evidente incapacità politica di studiare e applicare un sistema di valutazione “rispettoso e scientificamente valido”, che vada oltre le domandine a quiz.  

E’ così difficile prevedere una valutazione autentica, sul campo, che porti commissioni scientifche di ispettori, docenti esperti, tutor di tirocinio (TFA), responsabili universitari di dipartimento  sulla formazione iniziale e continua a verificare sul campo l’operato dei docenti,  anche tramite l’osservazione didattica in classe ?

Quale  migliore opportunità dell’avvio del nuovo Regolamento sulla formazione iniziale e continua?
Certo i test sono più semplici ed economici da somministrare e  “correggere”, ma quanto lasciano dietro di sè!

 Passando agli alunni, condivido in pieno il punto Quarto. L’ho già sperimentato, come docente di Inglese, nella preparazione degli studenti alle certificazioni linguistiche. Il rischio  di trasformare il programma della materia in una Training Agenda finalizzata al superamento della prova è  reale. Questo ha comunque dei lati positivi, visto che i test linguistici verificano competenze diversificate, necessarie  e spendibili nella comunicazione autentica, secondo, peraltro,  i dettami del  CEF o Quadro Comune Europeo  di Riferimento per le lingue. 

E condivido in pieno il Terzo argomento, cruciale da mio punto di vista. Che ne facciamo dei ritmi di apprendimento diversificati? Delle intelligenze multiple? Del rispetto delle individualità? Massifichiamo i risultati correndo il richio di lasciare indietro persone dotate e capaci che avrebbero solo bisogno di un pò di tempo in più per riflettere? La velocità può ammazzare la formazione.

 La riflessione: cosa  è questa sconosciuta? E che il dibattito si apra  e che si apra la porta giusta, anche…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: