• Mondo Fuori

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • 25 Aprile 2019- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Scamardistudio-Siviglia. Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    locandina

    A Siviglia aprono la mostra collettiva Ciclonicas, Le FARFALLE SACRE di Stefania Scamardi

  • Marzo-Diritti delle Donne. Una lotta continua…

    Il racconto dell'ancella di M.Atwood-Giochi di potere sul corpo delle donne

    Per il ritiro del DDL Pillon e la riaffermazione della libertà di scelta degli "Italiani", uomini e donne liberi. Margaret Atwood-Il Racconto dell'Ancella: " In un’America reduce da una catastrofe ecologica, che ha falciato gran parte della popolazione e messo in forse la stessa sopravvivenza della specie, un gruppo di fanatici religiosi ha fondato uno stato totalitario, Galaad, riducendo in completa schiavitù le donne. I rapporti umani, sociali, culturali sono stati aboliti: unico supremo fine è la procreazione. Attraverso il diario segreto della giovane “ancella” Difred, si delinea l’inquietante profilo di un mondo futuro ma non troppo, già presente in embrione nella società degli anni Ottanta...apri il link all'immagine per continuare

  • Amo l’Europa. Voglio prenderla dal verso giusto e allora VOTO.

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    Giornata Mondiale del Rifugiato 2018-Diamo senso a queste ricorrenze! Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Dove operano le mafie: sguardo sul Nordest

    G.Falcone: L'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa.

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

    “Despite everything, life is full of beauty and meaning.” ― Etti Hillesum, Lettres De Westerbork

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • 3 Ottobre a Lampedusa-Memoria e Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...

  • 2 Giugno 2018-Festa della Repubblica Italiana

  • Siria: continuiamo ad essere dentro una guerra insaziabile

    Chi bombarda cosa? Partono impietosi i razzi di USA, Russia, Francia, Regno UInito... immediatamente tutti gli altri si stanno accodando alla magnifica follia dei bellissimi missili Trumpiani! Ma quando , come e con chi ne verremo fuori? ONU batti un colpo di pace, please!

  • 13 Maggio 2018- Festa della Mamma

    festa della mamma 2018-storia di un' assoluzione
  • UN GIORNO, TUTTO QUESTO-Salone Internazionale del Libro di Torino 2018

    Un giorno tutto questo...Torino 10-14 Maggio 2018

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • Sabato 24 e Domenica 25 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

  • 8 Marzo 2018-Donne insieme con determinazione e speranza

  • 20 Novembre2017- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • Liberi Lettori di Libri: Maria Luisa

    Spazio dedicato a chi vuole condividere le proprie letture con Affascinailtuocuore e con voi tutti. nuova recensione di Maria Luisa! Clicca sul triangolo per saperne di più.

  • Libriamoci a scuola- leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 96.228 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • vi aspetto qui

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com

A.Munro-NEMICO, AMICO, AMANTE…Lo sguardo di Alice su uomini e donne.

 

 

 

 

 

nemicoamicoamante_Munro_thumb.png

 

 Lo sguardo di Alice

fontanelle di montagna_Piero MazziVi è mai capitato di fare una passeggiata in montagna e trovarvi presso un ruscello o vicino ad una fontanella, dove raccolta un po’ d’acqua con le mani a “coppa” la mandate giù avidamente e con soddisfazione?

E immediatamente sentite il vostro corpo vivificato da quella linfa ricca e vitale, di cui conserverete un ricordo indelebile?

Ebbene, questa è l’esperienza sensoriale, intellettuale e umana che i racconti di Alice Munro ti fanno vivere.

Che magia la costruzione dei vari personaggi! Il linguaggio è  spesso poetico, ricco di parole evocative eppure naturale e fisico. Ci sono visioni che si alternano ad alterazioni del fisico e diventano tocchi di stile, come i denti di Alfrida pre-dentiera.

 

Alice MunroQuello di Munro è un linguaggio che richiama i quadri di  grandi pittori: realistico e immaginifico allo stesso tempo. Evocativo di esperienze emotive, sensuali, personali e universali.

Le singole storie e i singoli personaggi sembrano sovrapporsi: Queenie-senza padre è Polly- senza padre; tutte le coppie-sposate-da-tanto-tempo sono uguali e tutti i giovani si intrufolano nelle loro vite; e si assomigliano gli amici di una volta, i malati senza e con speranza di guarigione, le vecchie madri e le fantasiose zie. Nemico, Amico, Amante è un grande mosaico dove i racconti sono capitoli di una vita.

In tutti i racconti di Nemico, Amico, Amante… c’è lo sguardo empatico di Alice sugli uomini e sui loro ruoli privati e sociali, le debolezze, le paure, i pregi.

“Gli uomini erano diversi, nella mia esperienza. Gli uomini distoglievano lo sguardo da tutto ciò che faceva paura il più in fretta possibile, e si comportavano come se, a cose avvenute, non avesse alcun senso parlarne o pensarci. Non avevano voglia di tormentare se stessi, né gli altri” Mobili di Famiglia, p. 107

 

Nemico, amico, amante.

lettere d'amoreO degli effetti imprevisti delle false lettere d’amore in un cuore indomito di “crocerossina”.

Johanna è la protagonista della storia. Gli uomini che la circondano prendono vita come personaggi dalle sue azioni e reazioni. Le adolescenti Sabitha, nipote dell’uomo per cui lavora e figlia dell’uomo di cui si innamora, e Edith sua amica, le giocano un brutto tiro: le scrivono delle lettere “d’amore” firmate Ken Boudreau, le inviano insieme a quelle per Sabitha. A loro piace giocare, con la vita degli altri… Da un loro gioco nasce il titolo del racconto e della raccolta.

Joahnna prende la decisione della sua vita. Va a raggiungere l’uomo che ama e che le parla d’ amore. La scusa è quella di portargli i mobili di famiglia, spediti per ferrovia, con una procedura d’altri tempi…

E per l’occasione decide di acquistare un vestito nuovo, da Milady, il negozio chic dove non aveva mai messo piede.

In vetrina un avviso:

“Eleganza sobria. Moda d’Autunno”

Sembra il posto adatto ad un’anima autunnale come quella di Johanna… La descrizione del negozio, il rapporto con la venditrice e la scelta dell’abito giusto sono pagine di sapiente scrittura e conoscenza dell’animo femminile. Quando Johanna esce dalla boutique, i ruoli sembrano essersi capovolti.

L’abito le sta proprio bene. Lo indossa per incontrare il suo amore, ma, non appena vede Ken Boudreau sofferente a letto, se lo toglie subito e via nell’armadio, per riprendere le abitudini di sempre: la cura dei malati nel fisico e nello spirito. Questa volta c’è da curare l’uomo che ama e che appare come un concentrato di fragilità e meschinità. Cosa accadrà a loro e  al vecchio albergo in cui Ken vive?

Il ponte galleggiante

trakai-pontegalleggiante.jpgStoria di Jinny, di Neal e della malattia. Storia di corpi, grassi, vecchi, giovani, malati. Voglia di perdersi, scomparire, tra le alte piante di mais o nella palude buia con l’entusiasta Ricky, figlio di June e Matt. La sensazione sconosciuta è nuova e investe Jinny sul ponte galleggiante:

“la tirò da una parte e guardarono giù. C’erano delle stelle a galla sulla palude”.

Poi il bacio, inaspettato e bellissimo. Pura poesia. La malattia? Neal? Helen ragazza problematica che l’accudirà, I problemi?

“Quello che provava era una specie di leggerezza indulgente, quasi una voglia di ridere. Un fremito di affettuosa ilarità, che ebbe la meglio su tutto il dolore e il senso di vuoto, per il momento.”

Il resto è per il domani…

Mobili di famiglia

mobili-di-famiglia.jpgAlfrida scrive sul giornale, sempre sotto mentite e fantasiose spoglie, amenità che le massaie tanto amano:  cosmetici, cristalleria, posta del cuore, piccoli rimedi, consigli di cucina e di arredamento. Alfrida è un personaggio davvero interessante:

“nessuno l’avrebbe mai definita bella; per me, del resto, qualsiasi donna dopo i venticinque si era ormai lasciata alle spalle ogni possibilità, ogni diritto e perfino ogni desiderio di esserlo. Ma era febbrile e impetuosa. Tutta pepe, come diceva mio padre con aria assorta”

La sua descrizione fisica, soprattutto quella dei suoi denti, è assolutamente fantastica, contribuisce a conferire forza e personalità al suo personaggio letterario.

Alfrida mi piace, con i suoi denti, la sua risata alta e roca, le sue sigarette, i suoi uomini, i suoi consigli alle casalinghe, i suoi ingombranti mobili di famiglia. Persino la sua reazione sdegnata – “Che porcheria!” di fronte all’apprezzamento della nipote per “Un tram chiamato desiderio” di Tennessee Williams

Conforto

evolution-wars-Time.jpgLewis, insegnante di Scienze in pensione, decide di porre fine alla sua vita come e quando lui stesso ritiene opportuno, per “fermare” la sua malattia degenerativa.

“temevo di essere diventato nevrotico, e invece ho solo una sclerosi laterale amiotrofica. Risero, incespicando nel corridoio moquettato…” p.134

 

Nina, sua moglie è a conoscenza delle sue intenzioni, ma quando l’evento accade viene travolta. Lei non è presente, e lui non le ha lasciato neanche un biglietto d’ addio…Ma un biglietto comparirà nella storia.

L’incontro al funerale con Ed risveglia vecchi ricordi, soprattutto di una serata in cui Lewis e Kitty,moglie di Ed, stavano per venire allo scontro non solo verbale nel sostenere le proprie tesi in fatto di visione del mondo. Nina e Ed insieme avevano cercato una via di fuga e un po’ di aria fresca sulla porta della cucina. Complice il buio, la notte, la neve e lo sfinimento causato dai rispettivi coniugi, i due si incontrano, si sfiorano, si baciano:

“Il ricordo del bacio di Ed Shore sulla porta della cucina, le divenne comunque prezioso…”(p.144)

concedendole il conforto di una relazione emotiva e privata, preservata nel tempo dalla sacralità dei rispettivi matrimoni.

Il racconto è ricco di ironia e di spunti interessanti che mi riportano indietro nel tempo ad una mia esperienza personale.

La discussione, a volte grottesca e venata da un pizzico di ipocrisia che tanto serve agli umani, sul rito funebre in ricordo di Lewis, indomito professore evoluzionista, in lotta continua con i bigotti concittadini Creazionisti mi ricorda il “funerale laico” di Bepi.

Caro, vecchio Bepi, amatissimo dai suoi studenti, simpatico e saltellante nei lunghi corridoi della scuola, sempre pronto alla disputa politica, allo scherzo, alla battuta salace, all’ammiccamento. Trovava un soprannome per tutti e riusciva sempre a racchiudere l’anima di ognuno in un nome. Eravamo tutti lì, studenti, colleghi, amici ed è stato un vero incontro intorno all’urna, in un luogo molto pubblico e laico.

Qualcuno cantava, qualcuno leggeva lettere di addio, qualcuno si commuoveva nella ricostruzione di una vita, di un corpo, di un’anima. È un rito di conforto per se stessi e per chi ti ha conosciuto e voluto bene, apprezzato o disprezzato, per quello che hai realmente fatto e sei realmente stato.

Il racconto di Alice Munro? Note forse già conosciute, ma suonate con passione e sapienza stilistica inusitate.

Ortiche

ortiche.jpgRimane impressa e quasi sensibile sulla pelle l’ortica. L’incontro a casa di amici con Mike, presenza importantissima della sua fanciullezza, provoca una scossa nella vita di lei. Piove, gita di gruppo rimandata, ma Mike decide di andare comunque al campo di golf. Lei lo segue. Il tempo peggiora. Sotto l’assalto inaspettatamente violento del temporale

“lo scroscio d’acqua che ci inondava la faccia” (177)

i due cercano riparo. Il bush accoglie i due vecchi amici che, stravolti dal terrore provocato dalla tempesta, non avvertono l’attacco dell’ortica. Solo al rientro a casa ne vedranno e sentiranno gli effetti su braccia e gambe.

L’ortica li ha protetti con il suo fogliame urticante, diventando testimone di una confidenza atroce e dolorosissima, segreto legame di un’amicizia profonda.

golf in Canada

Quello che si ricorda

Meriel e Pierre formano una coppia collaudata e perfetta. Hanno due bambini e una vita tranquilla. Tra le pieghe della quotidianità si insinua l’imprevisto. Molto pungente è la descrizione dei “giovani mariti” e delle trasformazioni che essi subiscono nel passaggio da corteggiatori

 “quasi comici, titubanti e devastati dalla smania di sesso” a “giovani mariti risoluti e critici” a pag 116

Asher and Meriel, amanti per un’unica volta, si conoscono al funerale di un amico di Pierre. Asher fa il suo “dovere” di corteggiatore e Meriel accetta le sue attenzioni, a cominciare dal passaggio che le da per andare a trovare una vecchia zia in una casa di riposo. Senza complicazioni, senza recriminazioni e ipocrisia si abbandonano al sesso. I loro corpi si sono attirati, chiamati, cercati e hanno urgentemente voluto realizzare il loro desiderio. È solo sesso? È anche amore? È certamente materiale vivo per il ricordo. O meglio per quello che a Meriel piace ricordare: sfumature, sensazioni senza volto, piacere.

Queenie

donne che amano troppo_NorwoodChe personaggio questa Queenie! Bellissimo! Tratti fisici e personalità sono un tutt’uno e fanno di lei un personaggio a tutto tondo, molto, molto efficace. Queenie è descritta in modo splendido in coppia con il signor Vorguilla/Stan, vedovo musicista dai gusti anche raffinati, ma orribile compagno, prepotente, debole e vendicativo. Lei è solare, libera. Fugge da chi non sopporta, ma sceglie compagni di viaggio sempre problematici.

Flash di lettura di Donne che amano troppo della psicologa Robin Norwood. Ci si innamora sempre di uomini, sbagliati, che in qualche modo sono speculari a noi, i cui problemi sono complementari ai nostri. Sembra vero anche per Queenie/Lena.

Chrissy, la sorellastra, va a trovarla a Toronto per cercare lavoro. Ma il signor Vorguilla/Stan non è molto contento all’idea di averla tra i piedi. Chrissy assiste a momenti molto particolari della vita coniugale di Queenie e sarà testimone di una sua ennesima fuga: con chi fuggirà questa volta? da chi e da cosa?

 

Post and beam

postandbeamhouse.jpgLorna e Brendan vivono nella loro bella casa in stile post and beam, che si affaccia su Burrardd Inlet e sulle luci di Point Grey.

Si inserisce nel loro rapporto Lionel, un ex alunno di Brendan, che inonda Lorna di poesie. Altra protagonista della storia è Polly, sua cugina, figlia della zia Beatrice e senza un padre. Va a trovare Lorna, critica lo stile della casa e Brendan non gradisce, ma abbozza. Il rapporto tra le due donne e quello tra Lionel e Lorna sono complessi e caratterizzano tutto il racconto che diventa perciò anche una storia di “patteggiamenti esistenziali”, con un pizzico di suspense.

 

The bear came over the mountain

Amore e AlzheimerAncora immersa nella bellezza tutta particolare di Pantelleria e già turbata dal pensiero di lasciarla, nonostante lo scirocco infernale, leggo l’ultimo racconto di Munro. Finisce la vacanza e finiscono le storie di Nemico, amico, amante.

Non mi aspettavo quest’ultima vicenda di Fiona e Grant. Storia di un matrimonio felice e appagante invaso da una malattia degenerativa, che Munro tratta in modo lieve, senza la morbosità del dolore e della tristezza, ma come un aspetto “collaterale” dell’amore.

Cervello e memoria possono giocare brutti scherzi, ma il cuore no, il cuore impone le sue regole che sono le regole della vita e dell’amore. Fiona e Grant continuano ad essere una bella coppia, con i capelli bianchi lunghi o corti, con gli acciacchi dell’età e della memoria, con gli scherzi d’amore che una nuova e sconosciuta condizione fisica determinano in Fiona.

Ma Fiona e Grant, a dispetto di tutti i cambiamenti più o meno devastanti, rimarranno per sempre uniti, proprio grazie alla forza del loro ricco amore matrimoniale, che continua.

A Munro il Premio Nobel per la Letteratura 2013

Nobel Prize 2013 for MunroIl Racconto breve  (Short Story) ha ricevuto la sua più alta consacrazione contemporanea con il Nobel ad Alice Munro.

Vi invito  ad ascoltare il video di R.it  sull’annuncio dell’assegnazione. Puro Tocco di Classe

M.Richler-LA VERSIONE DI BARNEY: storia di una vita “strampalata”

 

La versione di Barney_Mordecai Richler

Strana storia. Storia di alti e bassi nella memoria, nella vita e negli amori di Barney, nel suo andare e venire da un mondo all’altro: Parigi, Londra, l’Europa, New York,  Toronto, Montreal, le  Laurentian Mountains nel Quebec… Bella la struttura narrativa che accompagna il lettore attraverso 50 anni di storia del mondo occidentale post sec ond-world-war: nelle librerie con gli immortali della letteratura ( ma anche a volte un poco “plagiarist” che hanno ingannato generazioni di  lettori…) e  nelle strade, nei jazz club con altri immortali  Charlie Parker, Miles Davies, Billie Holiday e nelle soffitte  di Parigi dove  Barney vive la storia triste ma intensa con Clara, Il matrimonio con Clarala prima moglie-per–caso-  Amore mai nato, arte, trasgressione, incontri promiscui, droga e annichilimento. E Clara tragicamente muore… in un palcoscenico di lugubre abbandono.

La prima moglie

Primo “fallimento” sentimentale e esistenziale di Barney. Contemporaneo  è l’avvio della sua crescita imprenditoriale che lo porterà a fondare la “Totally Unecessary Productions”, casa di produzione televisiva che già dal nome indica il suo programma. Interessante tutta la storia della fortuna letteraria di Clara e i suoi disegni e  la storia della sua fuga a Venezia con zia,  a casa di Peggy Guggenheim e i suoi Russian greyhounds che le hanno lacerato la schiena…Clara diventerà un cult e in suo nome nasce una fondazione…

La seconda moglie

Dopo Clara, la seconda moglie… Mrs Panofsky.la seconda signora Panofsky A supporto di questa scelta non proprio felice arriva la citazione da Orgoglio e Pregiudizio” di Jane Austen:

 

“it is a truth universally acknowledged that a single man in possession of a good fortune must be in want of a wife…” pag-185

Bozzetti di vita nella comunità ebraica. Famiglie ingombranti, standard borghesi super osservanti, attenti alle regole. Poshy e sprezzanti con  gli “outsiders” Esilaranti le conversazioni telefoniche tra madre e figlia, mentre Barney è lì presente fisicamente, pretending to listen to… while  totally concentrated on the latest news on hockey.

La terza moglie

La terza e unica, vera moglie: Miriam. folgorato da Miriam la terza moglieVisione in Blu da quella prima volta che le è apparsa davanti agli occhi: Folgorato! Nel giorno delle nozze con la seconda moglie, unbelievable! daffodilsinsnowMiriam a Toronto  con i primi daffodils, ancora spolverati di neve eppure preavviso di primavera, Il lago alle Laurentians, lo chalet  luogo della felicità, della famiglia, dell’amore totale con Miriam e i tre bambini nati dal vero matrimonio di Barney, ma anche luogo del presunto delitto del suo amico Boogie e comunque del tradimento della seconda signora Panofsky. Blair Hopper, l’altro uomo, e la paura del tradimento, dell’abbandono…

 

It’s on the tip of my tongue…Memory slips.

chaletUna  storia profonda che accompagna ogni evento dall’inizio di questa strampalata autobiografia. Il convitato di pietra è lì. All’inizio  appesantisce l’animo  e quasi ti spinge a mollare. Poi viene sfiorato dalla leggerezza ironica di Barney, dalle sue vicissitudini, dal suo tocco drammatico e coinvolgente e quasi non ti accorgi più che stai seguendo il filo rosso che, centimetro dopo centimetro,  ti porta con Barney alla conclusione prevedibile.

E shit, shit, shit l’epilogo super drammatico: Miriam, my heart’s desire,  il tuo numero di telefono? Perso nei meandri oscuri  di una memoria in rovina. Dramma,  noir, omicidio-forse, amicizie  sofferti, invidie decennali e  giochi di parole funzionali al ricordo e alla ricomposizione dei puzzle della memoria: il nome dei sette nani in fila… Bellissima la telefonata nel cuore della notte a Mike, che vive a Londra, per farsi dire come si chiama quell’ oggetto che serve per scolare gli spaghetti.

Lingua e linguaggio

Il linguaggio è ricco, articolato, personalizzato, efficacissimo. Mi ha messo di fronte alle mie grandi limitazioni nella conoscenza del vocabolario Inglese. E  via allora a sottolineare parole  di cui cerco di cogliere il significato  dal contesto. Ci riesco, spesso,  ma alcune  sono proprio nuove… Usa la Lingua in libertà come se volesse sbeffeggiare i Tongue–trooper (come vengono definiti in dialetto locale) che girano per le strade di Montreal a controllare che le insegne non vedano prevalere la lingua Inglese su quella francese e che le lettere di queste ultime insegne siano sempre più luminose!!!  Ironica  l’introduzione  del termine Downsizing per parlare di “licenziamento” in anni in cui questo termine così ipocrita ancora non era ancora di uso comune.

MontrealEppure la lettura in Inglese mi cattura e le parole fanno emergere il tono  sostanzialmente arrabbiato del libro. Il disprezzo per l’umanità ma anche la grande capacità di amore e tenerezza. La presa in giro delle persone che gli stanno antipatiche. L’invidia per McIver e la sua fortuna editoriale. Stimolante, digressiva, la lettura richiede una certa attenzione nel seguire il ritmo “stream-of-consciousness” di Barney. A volte si ha l’impressione di  leggere la sceneggiatura assurda, lunare, talora esagerata di una fiction televisiva prodotta dalla TUP.  Montreal… uno sguardo intenso e disincantato alla realtà politico sociale del  Quebec. Al separatismo, alla ricerca della vera identità canadese.

 

La Postfazione di Mike Panofsky

E anche la postfazione (Afterword) di Mike è bella e in armonia con il resto della storia. La famiglia allargata si ritrova intorno a Barney,  alla sua nuova vita, al mescolarsi  nella sua testa di tutte le sue storie e Miriam diventa Solange e lui Boogie  e tutto si confonde, ma i suoi bambini, i figli di Miriam-his heart’s desire,  sono lì, sono la continuazione della sua entità, chi per un verso chi per l’altro, tutti assillati e tormentati dal giallo della morte di Boogie. Tutto in questa Afterwords trova la collocazione giusta, pianificata da un lucido Barney prima della caduta. Tutto si ricompone e, nelle ultime righe, epifania fantastica, anche il giallo di Boogie, sulle ali di un Canadair…

    Il libro, i libri…

Second Mrs Panofsky didn’t read for pleasure, but to keep up. Sunday mornings she sat down to the New York Times Book Review, like an exam  that had been set for her, noting only those books likely to be discussed at dinner parties, ordering them promptly,and careering through them at breakneck speed: Dr Zivago, The Affluent Society, The Assistant, By love Possessed…” p.188

 

Il film

Miriam la terza moglie

La Versione di Barney  di Richard J. Lewis, presentato al festival cinematografico di Venezia 2010. Festival di Toronto 2010. Il Trailer

leggi qui la recensione di Affascinailtuocuore 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: