• Mondo Fuori

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • 25 Aprile 2019- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Scamardistudio-Siviglia. Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    locandina

    A Siviglia aprono la mostra collettiva Ciclonicas, Le FARFALLE SACRE di Stefania Scamardi

  • Marzo-Diritti delle Donne. Una lotta continua…

    Il racconto dell'ancella di M.Atwood-Giochi di potere sul corpo delle donne

    Per il ritiro del DDL Pillon e la riaffermazione della libertà di scelta degli "Italiani", uomini e donne liberi. Margaret Atwood-Il Racconto dell'Ancella: " In un’America reduce da una catastrofe ecologica, che ha falciato gran parte della popolazione e messo in forse la stessa sopravvivenza della specie, un gruppo di fanatici religiosi ha fondato uno stato totalitario, Galaad, riducendo in completa schiavitù le donne. I rapporti umani, sociali, culturali sono stati aboliti: unico supremo fine è la procreazione. Attraverso il diario segreto della giovane “ancella” Difred, si delinea l’inquietante profilo di un mondo futuro ma non troppo, già presente in embrione nella società degli anni Ottanta...apri il link all'immagine per continuare

  • Amo l’Europa. Voglio prenderla dal verso giusto e allora VOTO.

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    Giornata Mondiale del Rifugiato 2018-Diamo senso a queste ricorrenze! Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Dove operano le mafie: sguardo sul Nordest

    G.Falcone: L'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa.

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

    “Despite everything, life is full of beauty and meaning.” ― Etti Hillesum, Lettres De Westerbork

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • 3 Ottobre a Lampedusa-Memoria e Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...

  • 2 Giugno 2018-Festa della Repubblica Italiana

  • Siria: continuiamo ad essere dentro una guerra insaziabile

    Chi bombarda cosa? Partono impietosi i razzi di USA, Russia, Francia, Regno UInito... immediatamente tutti gli altri si stanno accodando alla magnifica follia dei bellissimi missili Trumpiani! Ma quando , come e con chi ne verremo fuori? ONU batti un colpo di pace, please!

  • 13 Maggio 2018- Festa della Mamma

    festa della mamma 2018-storia di un' assoluzione
  • UN GIORNO, TUTTO QUESTO-Salone Internazionale del Libro di Torino 2018

    Un giorno tutto questo...Torino 10-14 Maggio 2018

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • Sabato 24 e Domenica 25 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

  • 8 Marzo 2018-Donne insieme con determinazione e speranza

  • 20 Novembre2017- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • Liberi Lettori di Libri: Maria Luisa

    Spazio dedicato a chi vuole condividere le proprie letture con Affascinailtuocuore e con voi tutti. nuova recensione di Maria Luisa! Clicca sul triangolo per saperne di più.

  • Libriamoci a scuola- leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 96.265 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • vi aspetto qui

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com

FAMIGLIE IN MOVIMENTO nella rete di Mamme di Cervelli in Fuga

Ideato da Brunella Rallo, sociologa napoletana Mamme di Cervelli in Fuga è allo stesso tempo un racconto collettivo e uno speciale blog “di servizio”. Le ragioni che hanno spinto Rallo ad inventarsi questo spazio-tempo virtuale le potete trovare direttamente nelle sue parole e nella sua esperienza professionale e familiare: Sociologa con due figli all’estero…

Mamme di cervelli in fuga è un blog dedicato alle mamme (esteso alle famiglie) di giovani che, per studio o per lavoro, hanno scelto di andare altrove..

Mamme di cervelli in fuga è uno spazio ed un tempo in cui scambiare storie, sentimenti e stati d’animo, consigli pratici e aiuto reciproco con tono, se non proprio sempre sereno, almeno ironico.

Cosa ho trovato io, madre di due figlie all’estero (Inghilterra e Spagna) e nonna di tre splendidi bambini,  nel “progetto” di Brunella? Uno stimolante ambiente virtuale dove chi ha figli che studiano, lavorano e vivono all’estero o che stanno programmando di farlo, può ricevere dei suggerimenti pratici sulla ricerca dell’alloggio nel nuovo paese, la gestione dei frequenti  spostamenti, il supporto linguistico, le informazioni geografiche, i consigli di lettura, gestione della comunicazione a distanza, e così via.

mammedicervelliblog (2)

 

Elemento imprescindibile di questi “servizi” così speciali è la condivisione delle esperienze. Facciamo un esempio: mia  figlia è in partenza per la Nuova Zelanda, lo spaesamento  dell’organizzazione iniziale è innegabile. I giovani  vogliono fare tutto da soli, e se la cavano bene è vero, ma un aiuto in più non guasta. Allora, tramite l’appello su Mamme di Cervelli in Fuga e l’intervento immediato  degli altri genitori che condividono la stessa esperienza si possono individuare  delle buone soluzioni.  Di fatto il blog diventa un moltiplicatore di possibilità.

La condivisione  non è solo di tipo pratico, ma copre anche l’ area dei sentimenti, un’area molto sensibile dove si incrociano emozioni forti d’amore, di nostalgia, di riscoperta progettualità. La condivisione emotiva potrebbe comportare il   rischio  di  rendere il blog un “punto di sfogo”, talora   doloroso e sterile. Ma ciò accade di rado. La redazione vigila con intelligenza e discrezione su  questo aspetto. Anche i genitori che condividono le loro esperienze, soprattutto mamme super tecnologiche, sono bravissimi a stabilire  la “giusta distanza” dalle emozioni forti, spesso ricorrendo a un pizzico di ironia.

Genitori e nonni a distanza vivono questo processo quotidianamente. Sono abituati a farlo con i  loro figli  che hanno deciso di  esplorare la vita altrove e  con i nipoti se sono nonni. Lo fanno perché vogliono che nessuno soffra   troppo. Insomma, si allenano a filtrare la loro emotività. Il più delle volte ci riescono, a volte no.

Spesso penso ai nostri connazionali emigrati in tempi in cui  dovevano necessariamente  tagliare i ponti con i propri  cari, lasciandosi  dietro mamme, papà, mogli, figli  che per anni e anni  non li vedevano, non li sentivano, non li abbracciavano. 

Noi  siamo la testimonianza di come il nostro mondo sia  cambiato in meglio. Molto di più in  una piccola fetta della nostra terra, molto di meno nella parte più estesa e povera. Penso anche ai  migranti che arrivano da queste aree e alle  critiche sciocche e sterili di chi dice:

” però, il telefonino di ultima generazione ce l’hanno i poveri migranti!”

oppure” se vengono perché fuggono dalla guerra li accogliamo, se per motivi economici, o altro, NO!”

Nessuno pensa mai  a cosa si lasciano  dietro  queste persone? I sogni che inseguono? Proprio come i  nostri figli, che  non fuggono certo da una guerra, né da una evidente povertà, ma sono figli del nostro  tempo,  giovani  pieni di voglia di esplorare se stessi e il mondo. Allora, per una certa logica perversa dominante sarebbe giusto che i paesi in cui  decidono di studiare e vivere dicessero: “fuori tutti?”

Gli Stati Uniti d’America sono nati e cresciuti grazie alle migrazioni. Energie, conoscenze, competenze e umanità diverse ne hanno fatto il più grande paese al mondo, almeno fino ad oggi. Anche i nostri figli all’estero si portano dietro e dentro un formidabile bagaglio di formazione, passione ed energia di cui godranno certamente anche i paesi in cui emigrano. 

E noi, genitori dei nuovi migranti Italiani, possiamo  mantenere il contatto con loro, possiamo  alimentare la reciproca presenza fisica o virtuale e dunque possiamo accettare con maggiore serenità le nuove situazioni. Il blog fornisce dunque anche ottimo   “Food for Thought“, cibo per la mente oltre che per il cuore e ci spinge a riflettere sulla nostra identità  sociale e umana. 

Chiudiamo con un tocco di magia e speranza  grazie al  meraviglioso frammento poetico di nonna Giuly, che si proietta nel futuro insieme alla  nipotina Bea e alla scatola magica che sta “riempiendo” per lei.

Una scatola per Bea

Ho trovato finalmente la scatola per raccogliere le cose che ho conservato per te, cara Bea.  E’ una bellissima scatola rosa, con simpatici coniglietti vestiti che la rallegrano…ti piacerà!

E’ anche il giorno giusto per scriverti. Nevica come raramente capita a Milano e c’è un’atmosfera da fiaba. Noi siamo lontane, come sempre… per questo voglio starti vicina come posso, per esserci nella tua vita! Voglio che tu senta che sono solo le nostre case ad essere lontane!

Sei così piccola, non hai ancora 2 anni… al telefono mi farfugli parole incomprensibili e mi mandi baci quando ci vediamo con la webcam, so che mi riconosci, ma ho sempre paura che tu possa non ricordarti di me.

Per prima cosa metterò nella scatola il quotidiano di quando sei nata, che ho tenuto a ricordo di un giorno speciale, l’inizio del tuo lunghissimo viaggio! C’è anche il tappo dello spumante che 30 giorni prima del tuo arrivo avevo bevuto per brindare al 2007, ed in quei sorsi provavo già tutta l’emozione per l’annuncio della tua nascita, da lì a pochi giorni. Profuma ancora di dolce, speriamo si conservi fino a quando lo respirerai tu! Ci metterò la prima foto fatta insieme. Tu hai 11 giorni, ed io sono completamente assorbita da te… sentivo che senza di me non saresti esistita neppure tu, e questo ha dato ancora più valore alla mia vita. Si vede che sono una nonna innamorata! Troverai anche le foto dei tuoi compleanni, dell’unico già passato e di quelli futuri… sarò sempre da te per questa ricorrenza, perché mi piace che tu veda come cresceremo e cambieremo insieme: tu sarai sempre più bella, io lo sarò sempre un po’ meno, ma saremo sempre abbracciate!

Ad un mercatino ho trovato una pergamena che parla del tuo nome, è curiosa e l’ho comprata per te. Sai, Beatrice era anche il nome della tua trisnonna. Io ricordo così poco dei miei nonni, per questo, se fosse possibile, mi piacerebbe poter scaricare tutta la mia vita nel computer, come si fa con le foto, e te la passerei da guardare nei giorni di pioggia, come un film. Nella scatola troverai anche il giornale delle elezioni di Obama a Presidente, perché ne parlerete a scuola.. sicuramente sarà un po’ ingiallito quando lo aprirai!

Mamma mia Bea, non hai idea della neve che scende mentre ti scrivo…già, ma tu ancora non la conosci! Vado a fare qualche foto, così vedrai com’era il mondo oggi…gonfio di bianco, di pulito, di silenzio, ma il freddo l’ho chiuso fuori dalla finestra!

Quando aprirai la scatola, non ci sarà solo quello che vedrai… Io ci metterò tante cose, ma le più dovrai cercarle, e nel tempo le troverai, ne sono sicura. Ti ho messo il profumo di ogni fiore, del miele, del rosmarino e della menta fresca, quello della legna che brucia nei camini, il calore della sabbia fra le dita, l’emozione di un tramonto ed il brivido di un temporale… Ho rinchiuso tanti sorrisi, che non dovrai risparmiarti…non dimenticarti mai di regalarne uno, e vedrai, non finiranno lo stesso. Ho messo tanti abbracci, per stringere i tuoi genitori anche senza una ragione, solo perché ti amano, e saranno sempre la tua certezza. Ci sono anche le ali di una farfalla, per volare nelle fantasie che più ti piacciono anche nei momenti un pò difficili…ci sarà sempre un pensiero bello da raggiungere. Beatrice…ti metto anche le sfumature, ma non dei colori, quelle sono facili da vedere! Le mie sono quelle di uno sguardo, di un gesto, di una parola…ti aiuteranno a capire di più gli altri, a farti capire meglio, a cogliere le differenze!

Non è un po’ come una caccia al tesoro?

Negli anni aggiungerò sempre qualcosa, e ti domanderai come farà a starci tutto. Ci starà, ci starà…c’è sempre spazio per l’amore e le emozioni! Ti sto preparando un grosso lavoro. Quando crederai di trovare una delle cose che non puoi toccare, chiudila subito nella scatola…e diventerà tua!

Poi un giorno, come per magia, ti accorgerai che tutte le cose trovate faranno parte di te, e sentirai che la scatola ed il tuo cuore saranno la stessa cosa! Rimarranno i giornali, il tappo, la pergamena, le foto e le piccole cose materiali, ma scoprirai che saranno le cose invisibili che ti avranno resa più ricca!

Cara Bea, io sono il tuo prima e tu sei il mio dopo…siamo il prolungamento una dell’altra! Questa scatola l’apriremo insieme, fra qualche anno, ma se non fosse possibile questo dono un po’ ti parlerà di me, e ti basterà pensarmi per liberarmi del tempo che non avrò più e farmi rivivere nel tuo futuro. Sono così contenta che tu sia femmina…vedrai che chiacchierate ci faremo fra poco, saremo due zabette! Alcune cose non le capirai subito, e dovrai aspettare di saper leggere oltre le parole, ma arriverà quel momento! Anche questa lettera dovrà aspettarti…

Fra qualche giorno verrò da te. La strada che percorro in pullman, dopo l’aereo, è sempre colorata, a seconda delle stagioni, di arance, di mandorli in fiore, o di rossi fichi d’india maturi. Questa volta troverò le arance.

nonna Giuly

 

Godetevi anche la bellissima lettera che ha vinto il concorso Lettera a un cervello in fuga 2017. Irene la manda a suo fratello che parte.

 

Bologna, 27/07/2017

Caro mio, la vita non è altro che un susseguirsi di onde.
Basta osservare il flusso degli eventi per capirlo, per capire che quella in cui viviamo è una stagione di mare grosso, in cui i più navigano ormai a suon di biglietto di sola andata.

Negli ultimi mesi ho salutato molti marinai, pronti a salpare in cerca di un porto migliore di questo. Amici, colleghi, così detti ‘cervelli in fuga’. Sono meno in moto di loro, certo, ma spero davvero di non adagiarmi sulle parole e di non dimenticare mai le storie, i volti, le mani e le braccia che stanno dietro a quei cervelli. Decine, centinaia di braccia che ogni giorno sfidano il mare nel tentativo di intercettare la buona onda.

I marinai li riconosci da lontano: biglietto di sola andata in tasca e occhi che luccicano. Sono affascinanti, entusiasti e timorosi al tempo stesso, regalano sorrisi a denti stretti e abbracci che non finirebbero mai.

Oggi tocca a te, marinaio amico e fratello.
Sei pronto?
È una domanda stupida, lo so. Che ci vuoi fare? Le sorelle a volte sono così, stupide al punto giusto da perdere le parole. M’impegno a frugare tra i pensieri ma non trovo di meglio, così li metto a tacere e ti guardo allontanarti. Passo sicuro e spalle grosse, pronte a sostenere i tuoi sogni.
Un istante dopo svanisci oltre il gate.

Non sei ancora partito e già mi chiedo quando ci rivedremo. Che stupida! Mi rattristo all’idea che passeranno mesi, eppure non verso una lacrima. La tristezza mi prende allo stomaco, mi svuota. È come avere fame all’improvviso, ma è chiaro che mangiare non servirà a molto, certamente non a rimpiazzare quel pezzo di me che stai portando oltreoceano.

Eppure dovrei essere abituata. Ho consegnato pezzi di me in mani amiche e anch’io che resto qui a sorvegliare il porto ne ho piene le mani, di preziosi pezzi altrui. Li custodisco gelosamente e mi moltiplico con loro.

Ripenso a quando era bambina, una bambina felice e intera. Ti farà sorridere che mi definisca così, ma dopo il tuo arrivo intera non lo sono più stata. Con te ho appreso molte cose, in primis la suprema arte della divisione. Sei entrato nella mia esistenza a gamba tesa, prendendoti tutto: camera, giocattoli, attenzioni e anche una consistente parte del mio cuore. Avrò avuto si e no cinque anni quando l’ho capito. Mancava poco all’ora di cena e non so come, a un tratto ti ritrovasti con la testa incastrata tra lo schienale e il piano impagliato di una sedia. Ricordo il mio pianto disperato nel sentire la nonna dire: “Non si può mica rovinare la sedia, gli si taglierà la testa”.
Crescendo abbiamo avuto litigi, attraversato l’immancabile fase dell’indifferenza adolescenziale, ma oggi ringrazio il cielo che quella testa sia rimasta al suo posto.

Un aereo prende il volo, alzo lo sguardo.
E così te ne sei andato anche tu.
Lo dico ma non ci credo. Allora me lo ripeto, che se c’è qualcuno a cui devo credere quella sono io. Ma continuo a non prendermi sul serio. Sarà che sono passati solo pochi minuti, che ho lo stomaco pieno di buchi ma non mi sento sola. Fuori splende il sole e non riesco neanche ad essere triste, non quanto vorrei.
Allora sai che ti dico fratellino?
Avanti, tuffati!
La tua buona onda ti sta aspettando.

IRENE ROMANO

 

 

In lettura: arriva il turno del mio primo Kindle book: L’abbazia dei mille peccati di M.Simoni

SimoniSto per iniziare la lettura del mio primo libro  su Kindle. 

Davanti ad una bella bibita fresca, dopo tanto che non ci vedevamo, la mia amica ed io  abbiamo cominciato a parlare di libri. A lei si accende lo sguardo al ricordo del suo ultimo libro letto: L’abbazia dei mille peccati di Marcello Simoni.

Così entusiasta, così sorpresa dal piacere provato per un genere per cui non ha mai fatto follie, così convincente che mi ha spinto a leggerlo.

Ne parlo con Vladimiro,  appassionato del genere, e lui subito  lo acquista su Kindle. Ecco, penso io, forse è arrivato il momento che anche io provi “l’ebbrezza” di un e-book.

So che mi mancherà molto  la possibilità di toccare  le pagine, di annusarne l’odore, di sentirne  il fruscio, ma ho proprio voglia di provare e poi,  come resistere al richiamo  di una recensione così vibrante di parole sonanti e  di bagliori negli occhi?

E allora, non mancate all’appuntamento con Affascinailtuocuore per il “post-lettura -Kindle” .

Kindle reading on my tablet

Kindle reading on my tablet

Letto! ecco la recensione   del romanzo di Simoni e un commento “a faccine”  della lettura su Kindle

#io leggo perché… mille ragioni per leggere un buon libro! Scopriamole insieme Giovedì 23 Aprile 2015

Io leggo per non far invecchiare la mia anima…  FeliceMente.

ioleggoperche

Il progetto

Il libro come esperienza da condividere.

Un link per connettersi al mondo.

Una rete cui appartenere.

Una passione da diffondere.. vai al sito

A Bologna incontro su ETTY HILLESUM E LA RICERCA DELL’ALTRO. Quanto ancora possiamo imparare da lei!

Serata Etty Hillesum Bologna

Materiali didattici  

Etty Hillesum Brani scelti dal Diario e dalle Lettere.pdf

Biografia di Etty Hillesum.pdf

 Profilo di Etty Hillesum.pdf 

 Voci per Etty

 Etty, la giovane scrittrice che da grande voleva fare la scrittrice di Alba L’Astorina (Donne della Realtà)

E.Hillesum-Diario e Gomitoli aggrovigliati di O.Fortuna (Affascinailtuocuore)

2013 in review

Alla Newsletter di Affascinailtuocuore 2013, aggiungiamo il report annuale di   Wordpress sul sito. Click here to see the complete report.

2012-emailteaser

30 Settembre 2013

 banner 2013

Tre anni con Affascinailtuocuore

  Inizia il terzo anno di vita di Affascinailtuocuore e non ci sono particolari novità di rilievo da segnalare. Il blog continua ad essere una sorta di Diario Letterario in cui condivido le mie riflessioni sui libri letti. Tra questi ci sono quelli che io scelgo, ma anche quelli che gli amici della comunità mi segnalano.  

Le mie recensioni non seguono lo schema testuale canonico, ma sono piuttosto dei percorsi personali, spesso integrati
con recensioni ufficiali di case editrici o di quotidiani e riviste specializzate. Le opinioni di amici che hanno letto lo stesso libro prima di me arricchiscono alcuni miei articoli.

 A volte ho la tentazione di cambiare il tema del blog, ne vedo di bellissimi e molto efficaci nei weblog degli amici di rete, ma poi, da grande conservatrice quale mi sono scoperta essere, non riesco ad effettuare il cambio. In fondo il mio blog non deve inseguire target commerciali e dunque mi lascia libera di mantenere il mio “marchio” originale, che la piccola comunità che mi segue ha imparato a riconoscere e identificare con i contenuti e la filosofia di Affascinailtuocuore. 

Tuttavia, ho   pensato di   aggiungere un po’ di movimento inserendo nuovi gallery widget, come ad esempio la galleria delle copertine dei libri letti nella stagione in corso e quello dei vecchi libri che “scendono” dai vecchi scaffali e nei quali rintraccio note, appunti e pensieri “scribbled” sulle ultime pagine.

Ho inserito anche il widget in evidenza” in alto a sinistra, dove presento un evento speciale o un tema scottante o altro che voglio evidenziare e il widget “mi piace” nel quale segnalo un autore o artista o professionista che ammiro in modo particolare.

Accessi

Continuano ad aumentare gli accessi dall’Italia e da diversi paesi di tutti i continenti. L’estesa dimensione transnazionale mi colpisce piacevolmente: tanti Italiani all’estero? Tanti amanti e cultori della nostra lingua e della nostra civiltà? Accessi casuali nel complesso universo della rete? Di tutto un po’. Vista la natura del blog, ricevo da molte case editrici regolari aggiornamenti, inviti e promozioni, oltre che richieste di collaborazione.

Attualità

L’attualità è sempre stata un importante punto di incontro nel blog. Gli articoli su Politica, Costume e Società sono tra i più letti, ma in questo periodo, non riescono più a trovare spazio nelle mie parole. Come cittadina avrei molte, moltissime cose da dire sulla scuola, sulla politica, sui rapporti interpersonali, sulla situazione internazionale, sul razzismo dilagante, ma sempre più spesso mi sento sopraffatta dagli eventi e dalla sfiducia.

Scrivere di questi argomenti rischia di diventare più uno sterile sfogo personale che non un’azione lucida che possa produrre dei risultati e allora rimando alle parole ben più incisive dei professionisti e degli scrittori che, fortunatamente, contribuiscono ancora ad aprire la mente verso orizzonti più ampi dell’orticello di casa, per orientare anche l’azione politica, sociale e culturale.

 Social networks

Si è intensificata anche l’interazione con gli amici di Facebook, molti sono miei ex-studenti che mi aiutano a mantenere uno sguardo aggiornato al flusso continuo di vita, esperienze e cambiamenti. Il loro modo di interagire con il mondo esterno mi riporta alla complessità della nostra realtà e, nello stesso tempo, alla concretezza entusiasta tipica dell’età dei giovani adulti.

Non sono ancora riuscita a trovare la modalità giusta dei miei interventi su Twitter, che attualmente utilizzo solo per condividere i post di Affascinailtuocuore e per rispondere ad alcuni post che riguardano il mio campo di interesse. Colgo le potenzialità professionali di Linkedin, ma anche in questo caso il campo è ancora tutto da esplorare.

Invasività degli Ads

Durante quest’anno mi è stata segnalata dai lettori la presenza di comunicati commerciali alla fine di alcuni post. Saltano agli occhi inaspettati e indesiderati! È vero. Quelli che promuovono il gioco mi risultano particolarmente “indigesti”. Si potrebbero eliminare comprando un’application. Ho provato a farlo e, vi garantisco che mi sono imbattuta in un percorso a scatole cinesi. Ho rinunciato, per ora.

Recentemente WordPress, nel suo complesso sicuramente  user-friendly, ha opportunamente inserito un avviso in modalità autore, sulla possibile presenza di ads in alcuni post, necessari per poter continuare ad offrire il servizio gratis e mantenere alto il livello di qualità dell’offerta stessa. Non si capisce però perché questo valga anche per chi acquista il dominio.

La verità è che quando entri, volontariamente, dentro un gioco così, devi poi sottostare alle regole dei livelli: ne passi uno e ti trovi a dover affrontare immediatamente e inevitabilmente quello successivo. Ma se si vuol giocare tant’è…Dunque abbiate pazienza se trovate degli annunci alla fine di alcuni post. Spero non vi facciano scappare disgustati! Intanto io continuo a cercare il modo per liberarmene definitivamente. Suggerimenti operativi sono benvenuti!

Copyright/Copyleft

Quest’anno ho aderito a Creative Commons. Uno dei vizi e vezzi di un blogger è la condivisione. Ad essa si accompagna però anche il piacere che ciò che scrivi e che viene apprezzato, tanto da riutilizzarlo in altri contesti, venga reso “riconoscibile” con opportuni riferimenti all’autore.  

Avanti tutta!

Le attività di Affascinailtuocuore proseguiranno dunque secondo la linea tracciata in questa NL. Mi auguro di leggervi sempre più numerosi e interessati alla mia storia digitale.

Intanto un grazie a tutti grande come…la Rete

 

 

 

 

Newsletter N.0

Newsletter N.1

E.A.Abbott- FLATLANDIA. Satira, Distopia e Paura del Diverso

flatlandia[1]

Da Tuttolibri di oggi,  Sabato 2 Luglio 2011, segnaliamo con grande piacere l’invito a leggere Flatland, a Romance of Many Dimensions, di E.A. Abbott.

Un romanzo che attraversa  con grande efficacia la satira, la distopia e la paura del diverso. Una lettura  importante per tutti e soprattutto  per i  giovani.

 Tanto importante da diventare protagonista di una bella esperienza didattica di cui  voglio raccontarvi la storia.  

 

FLATLAND: A PLACE IS A LANGUAGE

A CLIL module to refresh students’ interest in scientific subjects

Based on A.E. Abbott Flatland, A Romance of many dimensions, 1884 

 

The CLIL module here presented was carried out by the English and Mathematics teachers in the fifth form of a Language Course, at  ITAS “P.Scalcerle”, a secondary school in Padua.

The aim was to creatively refresh the students’ interest in Mathematics and Physics through the integration of the scientific area with the literary and linguistic “dimensions” of English.

The fantastic English novel, Flatland, A Romance of many dimensions, written by A.E. Abbott in 1884, offered the ground for the analysis. In fact the main characters of the story are geometrical figures and the setting consists in different dimensions and/or fantastic worlds and unusual situations. Style is basically realistic, denotative and scientific, but also rich in irony and satire.

The project is presented and discussed in this paper to assess the experience and highlight its most qualifying aspects, among which the theoretical reference supporting the didactic choices made and the role and level of participation of the discipline teacher. A basic proposal for assessing and optimizing his competence on the medium language is introduced as hint for further development in the field…read the paper

Il lavoro presenta  spunti interessanti di applicazione di approcci  metodologici innovativi come il CLIL  (Content and Language Integrated Learning) e il Cooperative Learning.

Con  gli studenti  di una classe Quinta del Liceo Linguistico “P. Scalcerle” di Padova e con il collega di Matematica e Fisica abbiamo impostato un percorso didattico articolato basato su:

-concetto di Competenza Parziale (Quadro Comune Europeo di Riferimento per l’Insegnamento/Apprendimento delle Lingue Moderne) per permettere al docente di Matematica di  partecipare alle attività sfruttando le sue competenze nella Lettura e Comprensione di testi  scientifici   in Inglese;

-sviluppo  delle abilità linguistiche superiori degli studenti . 

Fanno buona compagnia a questo romanzo integrandone il contenuto e il messaggio, due ben note Distopie trattate a scuola nel programma di  Lingua e Civiltà Inglese: 1984 di George Orwell e Brave New World di Aldous Huxley.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: