• Mondo Fuori

    In questa colonna i widget sul mondo che circonda Affascinailtuocuore

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    Giornata Mondiale del Rifugiato 2018-Diamo senso a queste ricorrenze! Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Memoria e Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...‎‎

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • 2 Giugno 2018-Festa della Repubblica Italiana

  • Stragi di Maggio: non dimenticheremo.

    G.Falcone: L'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa.

  • Libera contro la mafia “Cento passi verso il 21 marzo”

  • 13 Maggio 2018- Festa della Mamma

    festa della mamma 2018-storia di un' assoluzione
  • UN GIORNO, TUTTO QUESTO-Salone Internazionale del Libro di Torino 2018

    Un giorno tutto questo...Torino 10-14 Maggio 2018

  • Amo l’Europa. Voglio prenderla dal verso giusto…

    9 Maggio festa dell'Europa-Dopo 60 Anni dal trattato di Roma è tempo di cambiare qualcosa. Ma che resti il sogno e la realtà di un'Europa unita.

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • 25 Aprile 2018- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Siria: continuiamo ad essere dentro una guerra oscena.

    Chi bombatrda cosa? Stanotte sono partiti i razzi di USA, Francia e Regno UInito... immediatamente tutti gli altri si stanno accodando alla magnifica follia dei bellissimi missili Trumpiani! Ma quando , come e con chi ne verremo fuori? ONU batti un colpo di pace, please!

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • 22 Aprile-Giornata Internazionale della Terra 2017

    La Terra è "Un Pianeta Blù Senza Confini" (La Stampa)

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

    Grazie Libro, perchè mi coccoli, mi accompagni, mi lusinghi, mi diverti, mi rattristi, mi aiuti, mi conforti, mi stimoli, mi persuadi, mi accusi, mi difendi, mi fai piangere, mi fai arrabbiare, mi fai incontrare il mondo, mi fai vivere!

  • Sabato 24 e Domenica 25 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 8 Marzo 2018-Donne insieme con determinazione e speranza

  • 20 Novembre2017- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria-Fatti e idee in Il Tempo e la Storia- RAI3

    "È uno dei capitoli più dolorosi della storia del Ventennio fascista: le leggi razziali del 1938, l’antisemitismo che diventa discriminazione, esclusione dalla vita pubblica. Fino alle deportazioni."

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    Ritratti di vite e corpi nello sguardo della Fotografa-Architetta Stefania Scamardi

  • Libriamoci a scuola- leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 85,456 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • vi aspetto qui

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com
  • Annunci

M.Zusak-La splendida STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI ai tempi del terrore nazi-fascista

the bookthiefSubito dopo aver finito il libro, l’ho chiuso e  ho alzato lo sguardo. Attraverso le tende bianche e traforate, gli occhi si sono riempiti di azzurro e oro. Filtrano magici dal tessuto leggero il celeste nitido del cielo e il prezioso sole dorato.

L’aria è tersa e ormai dimentica del brutto tempo degli ultimi giorni. Ed io penso subito  a Liesel che con i suoi bollettini meteo cerca di descrivere il “mondo fuori” a Max. 

Da dove comincio per comunicare le innumerevoli suggestioni di questo romanzo? Decido di prendere in prestito dalla superattiva narratrice, Nostra Signora Mortele parole della sua Ultima Postilla. Sono  simili a quelle che già andavano prendendo forma nella mia mente per riassumere il senso di questa storia così speciale:

“Avrei voluto dire tante cose alla ladra di libri, parlarle della bellezza e della brutalità. Ma cos’altro avrei potuto dire che lei già non sapesse? Volevo spiegarle cha da sempre mi capita di sovrastimare o sottostimare il genere umano…di rado mi limito a stimarlo. Volevo domandarle come potesse una medesima cosa essere terribile e splendida allo stesso tempo e le sue parole dure e l’unica verità che conosco davvero. Nulla di tutto ciò mi uscì dalla bocca. “(p.562)

 Monaco-Baviera-Germania_-Autore-Richard-Huber_-Licenza-Creative-Commons-Attribuzione-Condividi-allo-stesso-modo-600x330La storia di Liesel Meminger, data in adozione agli Hubermann da una madre disperata, è la storia di un viaggio di formazione, (non a caso parte da un treno che perseguiterà la ragazza nei suoi incubi ricorrenti) tra le strade e le genti di Monaco negli anni cruciali che accompagnano l’Europa verso un destino sciagurato di discriminazione, guerra e morte. Sono anni cruciali anche per Liesel che vede morire il fratellino, soffre l’abbandono della madre e si trova costretta ad accettare una nuova mamma e un nuovo papà. Gli inizi sono drammatici, ma dopo…

Affascina in questo libro la freschezza dei protagonisti e lo spaesamento che essa produce nel lettore. Nonostante il contesto funereo e tragico della Germania nazista, i bambini sono bambini e giocano in strada, rubano mele dagli alberi e combinano marachelle. E muoiono, anche.

 

Liesel e Max_i sogni

Illustrazioni di Trudy White

Liesel Meminger gioca e cresce con Rudy Steiner, un compagno fuori dagli schemi anche per la feroce e pericolosa  passione verso il suo  mito: il  grande  atleta nero  Jesse Owens.

Liesel aiuta mamma Rosa isterica e borbottona, a prelevare e riportare il bucato ai clienti che possono permettersi i servizi di pulitura e stiratura;

Impara pian piano a gestire i suoi incubi e le sue tristezze anche prendendosi cura, insieme ai suoi, dell’ ebreo Max, confinato nella cantina di casa. Con lui crea letteratura e arte. Max scrive per Liesel un meraviglioso libro illustrato in cui registra ogni minuto, ogni sensazione, ogni piccolo evento della sua vita clandestina nella cantina degli Hubermann. 

Max Valuables

Illustrazioni di Trudy White

Liesel impara a leggere sotto la guida paziente e amorevole di papà Hans dagli occhi d’argento, imbianchino creativo, suonatore di fisarmonica e  armonizzatore di colori:

“L’Arte di mescolare le tinte… La bravura di Papà nel suo mestiere faceva crescere ancor di più il rispetto per il genere di uomo. Spartire pane e musica era bello e buono, ma lo era anche saperlo molto bravo nel suo lavoro. L’abilità attrae”.

  Una narratrice speciale, Nostra Signora Morte, contribuisce a far immergere il lettore in un’atmosfera quasi gotica. E tuttavia, questa entità universale si lascia penetrare empaticamente, quasi avesse un’anima. 

Il sogno del pugile

Il direttore orchestra

Illustrazioni di Trudy White

Nel sogno di Max, ventiquattrenne pugile ebreo,  i due contendenti sono  lo stesso Max  e Lui, Il Führer Adolf Hitler che, sebbene alle corde, non ci pensa proprio a darsi  per vinto. Non può farsi sconfiggere da un piccolo, insignificante ma, per sua natura, pericoloso ebreo. E allora ricorre a quella che diventerà una delle sue armi letali: le parole di propaganda.

“Le parole erano visibili: gli cadevano dalla bocca come gioielli…”

markus zusakZusak usa termini splendenti e ammalianti per descrivere l’ ars oratoria del terrificante Hitler, chiave di volta della sua sciagurata carriera politica…

Nella biblioteca di Ilsa Hermann

Liesel nella bilbioteca del sindacoLiesel è fantastica e il suo rapporto con i libri è tra i più freschi e vitali che abbia mai incontrato in un romanzo. I titoli dei libri che ruba mi riportano in un certo senso al Viaggiatore di Calvino. Essi riproducono, insieme, una sorta di never-ending-story, in cui ciascuno rappresenta un passo ulteriore nella definizione della grande storia narrata.

  “Bastardi, pensò. Adorabili bastardi. Non rendetemi felice. Non riempitemi, per favore, non lasciate che mi persuada che qualcosa di buono possa venire fuori da tutto ciò[…]

Strappò una pagina dal libro e la lacerò in due. Poi un intero capitolo. Poco dopo non ci furono che brandelli di parole sparsi tra le sue gambe e tutto intorno a lei. Le parole. Perché dovevano esserci le parole? Senza parole non ci sarebbero stati il Führer, né prigionieri zoppicanti, nessun bisogno di conforto o giochi di prestigio per farci sentire meglio. Che bene facevano le parole? (p.533)

 Fortunatamente la guerra non riesce a spegnere le anime. La vita non finisce  e la lotta degli umani per la sopravvivenza continua ad essere scritta e letta tra le rughe dei protagonisti e tra le righe dei loro libri.

 

***LA LADRA DI LIBRI: ULTIMA RIGA***

Ho odiato le parole e le ho amate,

e spero che siano tutte giuste. 

albero-di-Liesel2.jpg

Affascinailtuocuore_tagxedo creator

 

Lettere dall’oggi

  

QUANDO LA REALTÀ SUPERA LA FANTASIA

***Massimo Epifanio, decoratore, è un Ladro di Libri***

La pena giusta per lui?

“essere affidato ai servizi sociali. Lavorando in una bilbioteca…”

Dalla lettera di Stefano Bottoni a

La Stampa

12 Luglio 2014

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: