• Mondo Fuori

    In questa colonna i widget sul mondo che circonda affascinailtuocuore

  • vi aspetto qui

  • Memoria e Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...‎‎

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    15 gennaio-Giornata Mondiale del Rifugiato 2017-Diamo senso a queste ricorrenze! Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

    Sì, LA verità si sta facendo strada, piano piano, inesorabilmente, tra le tante fake-verità o post-verità...

  • Festa della Repubblica Italiana

    Teresa Mattei, Insegnante. La più giovane eletta all'Assemblea Costituente, ai giovani di oggi: "siete migliori di noi e lo dimostrerete coi fatti..."

  • Contromafie per non dimenticare

    « La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio, e avrà anche una fine. Piuttosto bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave e che si può vincere non pretendendo eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni. » Giovanni Falcone

  • Stragi di Maggio: sempre più vite spente, da Manchester Arena al Mar Mediterraneo. Bambini, Giovani, Adulti

    Stragi -Non dimenticheremo!Non dimenticate!

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • Siria: 6 anni di Indegnità. E la comunità Internazionale cosa fa?

    “Can you believe that a government and a state could bomb its own people. I’ll never understand this for as long as I live!" Yazbeck-The-Crossing. My journey to the shattered heart of Syria p.71

  • Oltre il confine-Salone Internazionale del Libro di Torino 2017

    18-22 Maggio 2017. È Oltre il confine il tema del 30° Salone Internazionale del Libro di Torino.

  • 14 Maggio 2017- Festa della Mamma

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • Amo l’Europa. Prendiamola dal verso giusto…

    9 Maggio festa dell'Europa-Dopo 60 Anni dal trattato di Roma è tempo di cambiare qualcosa. Ma che resti il sogno e la realtà di un'Europa unita.

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

    Grazie Libro, perchè mi coccoli, mi accompagni, mi lusinghi, mi diverti, mi rattristi, mi aiuti, mi conforti, mi stimoli, mi persuadi, mi accusi, mi difendi, mi fai piangere, mi fai arrabbiare, mi fai incontrare il mondo, mi fai vivere!

  • 22 Aprile-Giornata Internazionale della Terra 2017

    La Terra è "Un Pianeta Blù Senza Confini" (La Stampa)

  • 25 Aprile 2016- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • Sabato 25 e Domenica 26 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

    Scopri i luoghi da visitare...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 8 Marzo 2017- Donne in Marcia

    Sciopero Globale contro la violenza sulle donne

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria-Fatti e idee in Il Tempo e la Storia- RAI3

    "È uno dei capitoli più dolorosi della storia del Ventennio fascista: le leggi razziali del 1938, l’antisemitismo che diventa discriminazione, esclusione dalla vita pubblica. Fino alle deportazioni."

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    Ritratti di vite e corpi nello sguardo della Fotografa-Architetta Stefania Scamardi

  • Libriamoci a scuola- leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • 20 Novembre2015- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 72,383 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com

P.Mastrocola-Non so niente di te. La vita a geometrie variabili

NON SO NIENTE DI TE_MASTROCOLAHo deciso di leggere questo libro senza sapere nulla del suo contenuto. Di Mastrocola avevo letto Una barca nel bosco, preso in prestito dalla piccola biblioteca di mia figlia. Di quella storia ricordo non tanto lo spaesamento sociale del protagonista, figlio di meridionali immigrati nell’ algida Torino, ma il paradosso di quella foresta puntigliosa costruita, foglia dopo foglia, all’interno della sua casa, metafora della costruzione di un’ identità “vegetale”, che fornisce ossigeno alla sua vita e a quella degli altri.

Di Mastrocola apprezzo  proprio il UNABARCANELBOSCO_MASTROCOLAparadosso come elemento narrativo catalizzatore di eventi. Lo utilizza per sdrammatizzare o per illuminare i personaggi, la loro quotidianità, i rapporti problematici tra genitori e figli, i conflitti e i cambiamenti sociali.
In Non so niente di te il paradosso riguarda ancora una volta un giovane uomo, Filippo detto Fil, e la sua famiglia, questa volta alto-borghese, influente, residente in una ricca città del nord ai tempi della grande crisi globale del 2008.

Il narratore ci parla dal 2060 e il suo è il ritratto di un mondo ormai scomparso, visto dall’alto! Saltano tra le parole, quasi come immagini in un pop-up book, scene della nostra contemporaneità: credit crunch, crisi globale, teorie economiche in antitesi tra loro, governi di emergenza, disorirentamento sociale. Una specie di riassunto letterario degli ultimi cinque anni di vita Italiana, Europea e  mondiale.

cafe a broad street OxMi piace molto la scenetta iniziale tra Burt e Judith, coppia di anziani pacificati, seduti al solito tavolino del solito bar, a fare colazione e a ricordare con nostalgia il passato, in un tempo dilatato di Novembre in cui l’aria inglese sa ancora di Indian Summer e può regalare mattinate dolci. Parlano di foglie cadute, di caducità della vita, di poeti incontrati nel passato, di ovvietà da terza età, che però emanano un fascino senza tempo…

“Quand’ecco che un compatto gregge di pecore sbucò dall’angolo, invase a poco a poco la via e cominciò ordinatamente a entrare, animale dopo animale, nel portone del Balliol College.

‘Sheep!’ esclamò Judith

 ‘Oh my God!’ Le fece eco Burt, smettendo di sorseggiare il caffè…”

Balliol College_Oxford

Fil è il figlio ideale, quello che fa le scelte giuste, con naturalezza conseguenziale. Si laurea a pieni voti alla Bocconi, frequenta un master alla London School of Economics approda al dottorato di Stanford e quindi, accede inevitabilmente ai piani altissimi della finanza o della politica o altro di questo livello. Il percorso “giusto” per contare nella società “giusta”. Questi i piani dell’orgoglioso papà Cantirami.

pecore SuffolkMa Fil, altrettanto naturalmente, inciampa nelle pecore Suffolk dal muso nero, che pascolano libere nel verde ipnotizzante dell’ Oxfordshire. Insieme a loro ri-orienta il suo destino  verso la piena realizzazione del suo più vero e profondo self, al ritmo del suo tempo interiore, lento e riflessivo.

La scelta è sua e ne sopporta le conseguenze, inclusi il dolore, lo sconcerto, la rabbia e la delusione dell’onnipotente padre, Guido Cantirami, costretto a scendere dal suo scranno e a confrontarsi con la grandezza e l’originalità delle scelte “controcorrente” di suo figlio. Anche la mamma e la zia prediletta, Giugiu, sono obbligate a rivedere la loro vita e i loro rapporti passati con Fil, alla luce di quanto vanno scoprendo su di lui. Il processo è immediato e quasi salvifico.

Fanno da co-protagonisti le simpatiche pecore dal muso nero, vere catalizzatrici della storia, le prestigiose Università Inglesi e Americane, duchi gentili è un po’ nel pallone, economisti di rango, economisti emergenti, ricche fanciulle occupy qualcosa, ammalianti  fiordi norvegesi.

fiordi norvegesi

Personaggio amabile e necessario è la zia Giugiu, che lavora alla Biblioteca Centrale della città e che impara l’Inglese (e tutti pensano che lo faccia per amore di Fil che lei decide di andare a trovare in America) e finalmente capisce, con stupore e felicità, il significato delle parole di The Sound of Silence di Simon and Garfunkel e lo comunica allegramente a tutta la famiglia riunita per festeggiarla. (qui il testo della canzone)

 
 Quasi una controfigura di Fil è Jeremy, che viene travolto dai piani dell’amico che, comunque, lo conducono verso il successo fermamente voluto e cercato. Forse l’avrebbe raggiunto lo stesso e in modo meno problematico, ma la vita si sa è sorprendente. È lui che racconta tutto a Giuliana, per la quale prova un immediata attrazione.

StanfordUSADurante il colloquio rivelatore con Jeremy a Stanford, Giuliana si sofferma a considerare le sue scelte e la sua riflessione potrebbe essere la nostra:

“Le sue scelte… Ma quali erano state, poi, davvero le sue scelte? Ce l’aveva, lei, la vita che voleva? E che cos’è la vita che si vuole? Tutti dovrebbero sapere che vita vogliono, e quindi farla, o provarci. A patto che siano in grado di poter scegliere,o vvio. E allora perché invece c’è tanta gente cha fa una vita non sua? Perché tutti, o quasi tutti, hanno una vita che non è quella che vorrebbero?” (p.144).

giovaniOggi, in questa bella giornata di Luglio, luminosa e calda, sono contenta di aver letto questo libro. Mai avrei pensato che potesse toccarmi così tanto! Nella storia di Fil, di Jeremy e delle loro famiglie ritrovo parte di me. Forse è una caratteristica generazionale, che investe quelli, o meglio, quelle che Mastrocola individua come “club delle madri di figli all’estero”.

Il tema centrale del romanzo è quello delle “scelte” esistenziali. Chi sceglie cosa? E perché? Chi ha il coraggio di escludere, scegliendo, altre possibilità destinate a rimanere ignote? Da madre di figlie all’estero, mi auguro solo che abbiano fatto e continuino a fare le “loro” scelte di vita, quelle che appartengono al loro mondo intimo e profondo, con convinzione, al di là delle aspettative di mamma e papà e dei condizionamenti sociali.

Come capisco la riflessione di Nisina, madre di Fil, successiva a ripetuti tentativi di contattare il figlio, inutilmente! Esprime perfettamente un nostro bisogno di genitori. Solo nostro.

“È che a una madre non sembra lontano un figlio lontano, quando sa con precisione dove si trova, cosa fa, quali luoghi e quali persone frequenta. Fino a che ha almeno un barlume della sua vita concreta. Lontana, ma concreta. Più sa con precisione meno patisce. Lo colloca. È in grado di collocarlo in uno spazio definito, un ambiente, un tempo.[…]Quella sera, Nisina avvertì di colpo la lontananza di Fil perché di colpo non lo collocava più”.

Un ennesimo romanzo per genitori che non si rassegnano al distacco e al cambiamento dei ruoli familiari. Che pensano di conoscere benissimo i bisogni dei propri figli e si danno un gran daffare per esaudirli. Ma quanto si sbagliano!

Un invito ai giovani ad essere più coraggiosi e ad impegnarsi perché i loro sogni e le loro scelte si realizzino senza mamma e papà alle spalle e, soprattutto, senza farsi condizionare dalle ipocrisie di alcune convenzioni sociali. Certo il punto di partenza di Fil è “leggermente” diverso da quello di Jeremy, proveniente da una famiglia economicamente meno attrezzata della sua, ma questa è un’altra storia.

Non so niente di te è un bel romanzo per riflettere, discutere ed emozionarsi. Raccontato da diversi punti di vista e per questo ricco e sfaccettato, a geometria variabile.

Una colonna sonora, amatissima,  come sottofondo di lettura

Procul Harum  A Whiter Shade of Pale, live in Danimarca 2006

Annunci

Una Risposta

  1. […] poco, se non che è alto, bello, bruno e appassionato e infiamma il cuore di Isabelle. in Non so niente di te di Mastrocola Fil, mancato economista, amante della lettura e delle Shropshire Sheep  assomiglia […]

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: