• Mondo Fuori

    In questa colonna i widget sul mondo che circonda Affascinailtuocuore

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    Giornata Mondiale del Rifugiato 2018-Diamo senso a queste ricorrenze! Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Memoria e Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...‎‎

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • 2 Giugno 2018-Festa della Repubblica Italiana

  • Stragi di Maggio: non dimenticheremo.

    G.Falcone: L'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa.

  • Libera contro la mafia “Cento passi verso il 21 marzo”

  • 13 Maggio 2018- Festa della Mamma

    festa della mamma 2018-storia di un' assoluzione
  • UN GIORNO, TUTTO QUESTO-Salone Internazionale del Libro di Torino 2018

    Un giorno tutto questo...Torino 10-14 Maggio 2018

  • Amo l’Europa. Voglio prenderla dal verso giusto…

    9 Maggio festa dell'Europa-Dopo 60 Anni dal trattato di Roma è tempo di cambiare qualcosa. Ma che resti il sogno e la realtà di un'Europa unita.

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • 25 Aprile 2018- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Siria: continuiamo ad essere dentro una guerra oscena.

    Chi bombatrda cosa? Stanotte sono partiti i razzi di USA, Francia e Regno UInito... immediatamente tutti gli altri si stanno accodando alla magnifica follia dei bellissimi missili Trumpiani! Ma quando , come e con chi ne verremo fuori? ONU batti un colpo di pace, please!

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • 22 Aprile-Giornata Internazionale della Terra 2017

    La Terra è "Un Pianeta Blù Senza Confini" (La Stampa)

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

    Grazie Libro, perchè mi coccoli, mi accompagni, mi lusinghi, mi diverti, mi rattristi, mi aiuti, mi conforti, mi stimoli, mi persuadi, mi accusi, mi difendi, mi fai piangere, mi fai arrabbiare, mi fai incontrare il mondo, mi fai vivere!

  • Sabato 24 e Domenica 25 Marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 8 Marzo 2018-Donne insieme con determinazione e speranza

  • 20 Novembre2017- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria-Fatti e idee in Il Tempo e la Storia- RAI3

    "È uno dei capitoli più dolorosi della storia del Ventennio fascista: le leggi razziali del 1938, l’antisemitismo che diventa discriminazione, esclusione dalla vita pubblica. Fino alle deportazioni."

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    Ritratti di vite e corpi nello sguardo della Fotografa-Architetta Stefania Scamardi

  • Libriamoci a scuola- leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 86,409 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • vi aspetto qui

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com
  • Annunci

Ma che Londra è mai questa?

 London Riots 2011

Woolwich fa parte della  Constituency di Greenwich & Woolwich e  si trova nell’area Sud-Est della Greater London.  Per ragioni familiari frequento questa area  da circa dieci anni durante i quali  ho visto crescere la cittadina. Ho visto la High Street trasformarsi lentamente in una zona commerciale vissuta e curata.

Ho visto anche gli angoli “bui” di questo suburb inquieto: i centri per l’impiego con lunghe code di disoccupati, per la maggior parte neri, in cerca di lavoro.  Ho visto anche  lunghe code davanti  agli sportelli delle banche, ben visibili e accessibili dalla strada. Ho  verificato  i miei pregiudizi e le mie effettive conoscenze della città e del Regno Unito  nel suo insieme. 

Molte le single mothers, accompagnate da giovani nonne e da pargoletti al seguito. I padri? Chi sono costoro? Spesso  partner di una serata al pub e poi via nel nulla…Quello  delle madri  singole  adolescenti, quasi sempre bianche, è un problema antico in Inghilterra. In molte scuole si affronta il problema  con l’ educazione preventiva per evitare gravidanze non volute e l’assistenza successiva, aiutando  le madri  a prendere un titolo di studio professionale e a inserirsi nel mondo del lavoro. Il più delle volte però, le giovani mamme “sole” rivevono un   sussidio   dallo Stato, e con questo  vivono e mantengono un’intera famiglia, spesso allargata ai genitori.

 A  Woolwich vive una popolazione in altri tempi definita di sottoproletariato urbano. Giovani e vecchi, bianchi e disoccupati, con problemi di alcolismo e di abbandono sociale. A Woolwich vivono anche  comunità di varia provenienza etnica. Tutti, a diversi livelli e nonostante tutto, credono  nel Sistema. E tuttavia, in questi tempi di  crisi e recessione, il lavoro diventa sempre più una chimera; lo studio non è più un’opportunità per tutti, tagli e aumenti delle tasse hanno prodotto insoddisfazione e mancanza di prospettive. Le famiglie sono sempre più problematiche. I vari fattori  vivono a Woolwich, come in molte  altre aree londinesi, in un eqiuilibrio molto delicato.

Lunedì, questo equilibrio si è spezzato violentemente. Ma le avvisaglie c’erano tutte, già da qualche tempo, evidenti e trascurate: La crisi  del  credito (credit crunch) e il crollo delle banche, le dimostrazioni  contro i tagli all’istruzione, la perdita di credibilità e prestigio   della Polizia, dei politici e della Stampa “Libera” a seguito dello scandalo Murdoch. I Pilastri  che da sempre hanno garantito certezze intoccabili ai cittadini britannici, hanno cominciato a mostrare delle crepe profonde e il governo  di Cameron da l’impressione di agire sotto la spinta  del recupero forzato, a tutto campo.

Angoscia, delusione, rammarico  mi  lasciano muta  mentre guardo su Utube i video  dei riots.
 Sembra incredibile che in questo  spicchio d’Inghilterra, dove fino a Lunedì fervevano i preparativi per le Olimpiadi e si procedeva a ritmo  incalzante nel costruire case, allestire spazi sociali, costruire vie di trasporto  veloci ed efficienti, come la metropolitana di superficie,   subisca un tale stop, almeno psicologico, che quasi riporta la lancette dell’orologio indietro nel tempo.

 Mi colpisce il fuoco. Incendi terribili, fiamme alte. Bruciano edifici simbolo della cittadina come il pub The Great Harry Wetherspoons che   si vede andare in fumo in un video amatoriale, lentamente e inesorabilmente e di  vigili del fuoco o forze dell’ordine neanche l’ombra. I tagli hanno colpito anche loro!

Impressionante il video sull’ attacco dei giovani  al piccolo  gruppo di poliziotti che indietreggiano, impauriti e inermi… nel centro di Woolwich.

E non sono  solo Black Riots, ci sono  “looters” bianchi  nei gruppi di rivoltosi,  tutti giovani disperati che assaltano  negozi non già di  alimentari, perché la fame li spinge a farlo, ma negozi di elettronica, di  abbigliamento e di alcolici. Non è un caso che Sainsbury, il grande supermercato del centro, non sia stato nemmeno sfiorato.

Sono stati particolarmente colpiti proprio  quei piccoli imprenditori  che stanno lavorando alacremente per migliorare se stessi, la propria vita e quella della comunità.  Sono  la parte attiva   della società che a Londra ha trovato terreno fertile per  realizzare i propri progetti.

Ma non ci si ferma, non ci si può fermare.  Si deve andare avanti  e gli Inglesi, vecchi e nuovi, lo sanno  e lo vogliono con convinzione, nonostante lo shock forte che stanno vivendo.

Si deve andare avanti e  senza “ronde”… Non sono i cittadini che devono garantire la sicurezza. Loro possono e devono essere prudenti e socialmente consapevoli, ma altra cosa è il mantenimento dell’ordine! Non si può delegare  a semplici cittadini, impreparati  e condizionati dalla paura, la tranquillità del paese. Si rischia di aggiungere violenza a violenza. Un esempio? A Eltham, vicino a Woolwich, una “ronda” di circa 200 residenti bianchi ha preso  d’assalto un autobus con dei giovani neri dentro. La polizia è dovuta intervenire per evitare  nuovi disordini…

Lasciamo lavorare la Polizia, mettiamola nelle condizioni di operare  efficacemente e correttamente, ma non  ricorriamo ai cannoni ad acqua, all’esercito,  ai manganelli e chi più ne ha più ne metta…Violenza porta violenza.

Torniamo  ai valori che hanno fatto grande l’Inghilterra e ne hanno fatto un punto di riferimento per tutto il mondo: Civiltà, Cultura, Rispetto del cittadino e delle Istituzioni.

Video e altro in  Newshopper

 

Annunci

2 Risposte

  1. […] davanti al Pub “The Great Henry”. Nei giorni immediatamente successivi ai riots, hanno costruito una specie di muretto di legno […]

    Mi piace

  2. […] La rabbia che esplose tra le comunità di giovani nella Greater London , e non solo, che portò a saccheggi, incendi e feriti? Sfogliate il post pubblicato nel blog  in quell’occasione: Ma che Londra è mai questa? […]

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: