• La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

    Lo dobbiamo a "un ragazzo contemporaneo" , come lo definisce sua madre Paola, che come tanti nostri giovani ha attraversato il mondo cercando di ascoltarlo e di capirlo

  • Indegnità

    “Can you believe that a government and a state could bomb its own people. I’ll never understand this for as long as I live!" Yazbeck-The-Crossing. My journey to the shattered heart of Syria p.71

  • Migranti, Rifugiati, Profughi: Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    Lampedusa 3 Ottobre 2013- Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Rifugiati… Refugee Blues (1939), by W.H.Auden

    Poniamo che in questa città vi siano dieci milioni di anime, V’è chi abita in palazzi, v’è chi abita in tuguri: Ma per noi non c’è posto, mia cara, ma per noi non c’è posto...‎‎

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • Fermiamo gli assassini!

  • Libriamoci a scuola 2016: leggiamo ad alta voce!

    24-29 Ottobre 2016- appuntamenti di lettura ad alta voce nelle classi.

  • 5 Ottobre-Giornata Mondiale degli Insegnanti. Auguri, oggi e sempre eroi indispensabili!

    5 Ottobre 2016: con gli insegnanti per una società migliore

  • 23 Maggio 1992 Strage di Capaci- 19 Luglio 1992 Strage di Via D’Amelio Ma le Idee Restano…e sono potenti!

    Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, insieme per la legalità.Non li dimentichiamo! Inutile che vi date tanto da fare...Maneggioni di ogni tipo!

  • 11 Settembre…nella Storia

  • Contromafie per non dimenticare

    « La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio, e avrà anche una fine. Piuttosto bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave e che si può vincere non pretendendo eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni. » Giovanni Falcone

  • 2 Giugno-Festa della Repubblica Italiana

    Teresa Mattei, Insegnante. La più giovane eletta all'Assemblea Costituente, ai giovani di oggi: "siete migliori di noi e lo dimostrerete coi fatti..."

  • 25 Aprile 2016- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • Salone Internazionale del Libro di Torino 2016

    12-16 Maggio 2014 nella Libreria più grande d'Italia...

  • 8 Maggio 2016- Festa della Mamma con AIRC

    Madri e Figli, Universi Paralleli Pluridimensionali

  • 9 Maggio 2016 Festa dell’Europa. Prendiamola dal verso giusto…

    Erasmus+ 2014-2020-Opportunità e risorse per progetti di mobilità in EU

  • 1° Maggio su coraggio! Ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • Retratos Y Amor Propio: storie di creatività fotosociale

    Ritratti di vite e corpi nello sguardo della Fotografa-Architetta Stefania Scamardi

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro e un grazie megagalattico a Shakespeare e Cervantes!

    Grazie Libro, perchè mi coccoli, mi accompagni, mi lusinghi, mi diverti, mi rattristi, mi aiuti, mi conforti, mi stimoli, mi persuadi, mi accusi, mi difendi, mi fai piangere, mi fai arrabbiare, mi fai incontrare il mondo, mi fai vivere!

  • 22 Aprile-Giornata della Terra 2016

    La Terra è "Un Pianeta Blù Senza Confini" (La Stampa)

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • Fatti e idee: Il Tempo e la Storia- RAI3

    "È uno dei capitoli più dolorosi della storia del Ventennio fascista: le leggi razziali del 1938, l’antisemitismo che diventa discriminazione, esclusione dalla vita pubblica. Fino alle deportazioni."

  • A proposito di compiti e casa…Pedagogia Democratica-L’EVIDENZIATORE DI Maurizio Parodi

    I Compiti fanno male! Pubblicato da NARCISSUS, è disponibile su AMAZON, GPLAY, ITUNES

  • Progetto ‘Il Quotidiano in Classe’

    Per la promozione della lettura dei quotidiani e la lettura in generale nelle scuole superiori Italiane

  • 20 Novembre2015- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • Sabato 21 e domenica 22 marzo tornano le Giornate FAI di Primavera!

    Scopri i luoghi da visitare...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • Tag

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Blog Stats

    • 59,963 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com

Don Milani e Don Mazzolari-A che serve avere le mani pulite se si tengono in tasca

Per la precisione…

Gesualdi scrive a Cacciari: “Don Milani non va associato a don Verzè. E poi la frase è di don Mazzolari”

donprimomazzolariGrazie a Michele Gesualdi, Presidente della  Fondazione Don Lorenzo Milani per  la sua rettifica  sulla famosa frase attribuita da molti a Don Lorenzo Milani e sul  suo vero significato. Molti autorevoli studiosi e critici  sono caduti nell’errore. La frase  di Padre Mazzolari, rimane comunque un invito da tenere sempre presente.

Don Milani “il guerrigliero”

 Don Milani Chiarelettere

Roberta De Monticelli apre questo  illuminante Instant book  parlando di obbedienza, disobbedienza, responsabilità, coscienza, tenuti insieme da una sola grande parola: Libertà.

Dell’obbedienza e della servitù, questo il titolo  del suo incisivo intervento  che si chiude con un’ affermazione che trasuda speranza: “è davvero tempo di rileggere Don Milani”

per riscattare le nostre coscienze obnubilate da anni di obbedienza robotica…

La Lettera ai Giudici di Don Milani  sulla responsabilità di ciascuno e di tutti mi fa provare vergogna e pietà verso quei politici  che, facendo un uso opportunistico della coscienza, si definiscono “Responsabili”. Responsabili sì, ma per bieco disegno pseudo-politico. Numeri vuoti di significato che sviliscono  anche l’alto valore intrinseco che pure i numeri possono avere!

Alto, intellettuale, fortunatamente accessibile a  un pubblico ormai più padrone della parola, anche tra i giovani, come lui voleva. Ricco di   testimonianza civile, di partecipazione attiva al cambiamento  sociale. Popolare nel senso più nobile della parola il discorso di Don Milani, semplice nel suo messaggio di democrazia e giustizia. Il suo linguaggio è figlio di un periodo in cui si stanno prendendo le misure per una società moderna. Don MilaniLa lettera “Non di solo pane è una richiesta accorata di  “Cultura”, di istruzione per tutti: poveri e ricchi!

“Dieci  anni di occhi di ragazzo spalancati sul mondo sono dieci anni qui sul monte Giovi come in via Tornabuoni[…] Io son sicuro dunque che la differenza tra il mio figliolo e il vostro non è nella quantità nè nella qualità del tesoro chiuso dentro la mente e il cuore, ma in qualcosa che è sulla soglia fra il dentro e il fuori, anzi è la soglia stessa: la Parola” (p.67)

Anche “Gli occhi di ragazzo” dei nostri figli oggi sono  tutti  spalancati allo stesso modo, forse ricchi e poveri hanno  un livello  di  opportunità sicuramente più alto e più uguale che negli anni 50 e 60, ma nuovi occhi si stanno affacciando  sul nostro mondo che hanno bisogno  di  tornare al senso di giustizia di Don Milani. Sono gli occhi  dei nuovi Italiani, provenienti da altri paesi in cerca, appunto,  di opportunità…

Forse il dominio della parola è oggi da riscoprire per capire meglio, più ancora che negli anni 60,

 “l’intima essenza e i confini precisi sulla propria [parola] perchè esprima senza sforzo e senza tradimenti le infinite ricchezze che la mente racchiude…”

Lettera dalla Montagna: “L’acqua è di tutti!” E qui non  leggiamo parolone nuove come privatizzazione di beni e servizi, qui leggiamo di una piccola sorgente in un terreno privato resa prima  disponibile per nove famiglie del borgo, sulla spinta di un’illuminazione del momento e poi negata in nome del sacro principio della proprietà privata. Esempio di “gestione  del potere” tramite il controllo di un bene non “restringibile”. Dove è l’origine dell’acqua? Dove la fine? E associo a queste pagine la lotta di Danilo  Dolci  a Trappeto “Borgo di Dio”,  la scuola di Mirto e la diga del Simeto. La sua lotta alla gestione mafiosa dell’acqua negata ai cittadini “deboli e sottomessi” ha molto di Don Milani.

Forte e chiara la Lettera ai Cappellani militari sull’obiezione  di coscienza, sulla  storia delle guerre, più o meno “giuste”, portatrici di  sangue e morte… Chi è più ribelle? Chi si rifiuta di portare la morte o chi la morte la elargisce “a piene armi?” Torna  l’articolo 11 della Costituzione.

Da allora tanti  passi avanti  sono stati fatti, gli obiettori non finiscono più nella prigione militare di Gaeta, ma vengono impiegati in servizi civili, come già ai tempi di Don Milani accadeva in altri paesi  “in questo più civili del nostro”.

Insomma, altro che “food for thought”! Quello spezzato con noi da Don Milani, è cibo  che alimenta il pensiero, l’anima e l’azione: a che serve altrimenti avere le mani pulite se si tengono in tasca! Con De Monticelli, consapevolmente e con determinazione diciamo sì, “E’ davvero tempo di rileggere Don Milani”

Dalla postfazione di Don Balducci emerge un ritratto sfaccettato  del “guerrigliero” Don Milani, che potrebbe trovare la  giusta  sintesi  nel “Conflitto  tra l’obbedienza istituzionale e l’obbedienza interiore alla voce della coscienza…”, anticipando i tempi e realizzando  nel concreto la vera Chiesa…quella che da la parola ai poveri, agli umili  e  a tutti quelli che il linguaggio paludato della Chiesa alta e distante non lo capiscono proprio!

Una Risposta

  1. […] verso un progetto serio di vita. Io ci credo. Indignamoci,   Impegnamoci! ,  Togliamo le nostre mani pulite  dalle tasche! e apriamole all’azione. Share […]

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: